ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 min

Marco Cappato si autodenuncia per la morte di un malato di Sla

L’attivista italiano ha accompagnato Massimiliano, malato di sclerosi multipla, a morire in Svizzera
Estero
1 ora

Corruzione e riciclaggio scuotono il Parlamento europeo

L’indagine ha coinvolto soprattutto assistenti parlamentari. Sequestrati 600mila euro e attrezzature informatiche e telefoni cellulari
Russia
3 ore

Putin: ‘Un accordo sull’Ucraina è inevitabile’

Intanto, la regione orientale di Donetsk rimane al centro degli attacchi russi, in particolare Avdiivka e Bakhmut
Estero
6 ore

Unesco: ‘Il mondo è sempre meno libero di esprimersi’

La categoria più toccata da querele e azioni giudiziarie? I giornalisti
Confine
8 ore

Dogana Chiasso-Brogeda, riapre la rampa di accesso alla A9

Dopo una chiusura di 13 anni, il manufatto è stato ristrutturato e garantirà una diminuzione del traffico di mezzi pesanti in direzione di Milano
Confine
10 ore

Statale 337, avanti fino al 21 dicembre la messa in sicurezza

Per la seconda fase dei lavori prevista la chiusura, ma con 4 fasce di transito con senso unico alternato. Preoccupati i commercianti vigezzini
Kenya
12 ore

Vaga per giorni tra i leoni: salvato un bimbo di 4 anni

Una sorta di ‘favola di Natale in Kenya’. Disperso da fine novembre, il bambino è stato ritrovato miracolosamente salvo
IRAN
1 gior

Teheran manda al patibolo e spara ai genitali

Un ragazzo che ha partecipato alle proteste antigovernative è stato mandato al patibolo. Intanto gli agenti colpiscono le donne mirando alle parti intime
Francia
1 gior

Il presidente Macron: dal 2023 preservativi gratis per i giovani

La distribuzione, ai ragazzi fra i 18 e i 25 anni, è stata definita una piccola rivoluzione nella prevenzione
Iran
1 gior

La polizia spara ai genitali delle manifestanti

I medici hanno detto di aver notato che le donne spesso arrivano con ferite diverse rispetto agli uomini
Nuova Zelanda
1 gior

Bimbo in pericolo: ‘Per nostro figlio solo sangue non vaccinato’

Il caso neozelandese: un bambino di quattro mesi soffre di una grave stenosi al cuore e necessita urgentemente di un’operazione
14.12.2020 - 20:25

I grandi elettori confermano la vittoria di Biden

I 538 ‘grandi elettori’ dei 50 Stati e della capitale mettono il sigillo sulla vittoria. In alcuni casi le operazioni si sono svolte sotto alta tensione

i-grandi-elettori-confermano-la-vittoria-di-biden
(Keystone)

Al termine di una lunga giornata, i 538 ‘grandi elettori’ dei 50 Stati e della capitale mettono il sigillo sulla vittoria di Joe Biden e di Kamala Harris. Un rito in genere puramente cerimoniale, se non fosse che Donald Trump continua a denunciare elezioni fraudolente e a considerare il suo rivale un presidente illegittimo anche dopo che una Corte costituzionale a maggioranza conservatrice ha respinto il suo ultimo ricorso. I grandi elettori, il cui numero varia in base alla popolazione, si sono riuniti per votare secondo il risultato del voto popolare nel loro Stato, come prescrivono le leggi, nonostante la possibilità di qualche 'infedele': 306 per il ticket dem, 232 per quello repubblicano, con un quorum necessario per entrare alla Casa Bianca di 270.

In alcuni casi le operazioni si sono svolte sotto alta tensione, come in Michigan, uno degli Stati più contesi, dove il parlamento è stato chiuso per “credibili minacce di violenza” arrivate ai congressmen di entrambi i partiti. In Wisconsin invece la Corte suprema ha respinto per la seconda volta il tentativo di Trump di invalidare oltre 200 mila voti. Il presidente e i suoi più stretti alleati hanno ora un’ultima sede dove contestare l'esito delle elezioni, ma praticamente senza speranze: il Congresso, che il 6 gennaio conterà formalmente a camere riunite i voti del collegio elettorale.

Parola al Congresso

I nuovi parlamentari potranno sottomettere obiezioni scritte che però saranno valutate solo se co-firmate da almeno un membro di ciascuna Camera. Altrimenti resteranno un puro atto di protesta, come successe nel 2017 quando diversi deputati dem contestarono la vittoria di Trump in alcuni Stati a causa delle interferenze russe ma Hillary Clinton aveva già ammesso la sconfitta e nessun senatore del partito si unì all'iniziativa. Se invece ci sarà una 'coppia' di esponenti delle due Camere, la seduta plenaria verrà interrotta e ciascuna Camera discuterà l'obiezione per un massimo di due ore, prima di votare se ribaltare il risultato dello Stato in questione. Ma per ribaltarlo davvero occorrerà il consenso di entrambi i rami del Parlamento, cosa che non succede dalla cosiddetta epoca della Ricostruzione, il periodo successivo alla guerra civile americana dal 1865 al 1877.

Tanto più che la Camera è nelle mani dei dem, mentre le sorti del Senato - ora controllato dai repubblicani - sono appese ai due ballottaggi del 5 gennaio. Inoltre per ora nessun senatore del Grand Old Party si è impegnato pubblicamente a fare tandem con i deputati pro Trump più battaglieri, come Mo Brooks dell'Alabama. In questo caso però il Congresso sarebbe costretto a un dibattito che, al di là dello scontato esito finale, lascerebbe un’ombra su Biden e sulla fiducia nel processo elettorale, segnando anche il futuro corso del partito.

L'imbarazzo di Pence

Il ruolo più imbarazzante sarà quello di Mike Pence, che nella sua qualità di presidente del Senato dovrà dichiarare Biden vincitore, come avevano già fatto lo stesso Biden con Trump e Al Gore con George W. Bush: il vicepresidente dovrà scegliere tra la lealtà a Trump, che non sopporta l'etichetta di ‘loser’, e i suoi obblighi costituzionali. L'unica via di fuga sarebbe lasciar presiedere la sessione al senatore repubblicano Charles Grassley, presidente del Senato pro tempore, ruolo riservato al membro del partito di maggioranza con maggiore anzianità di servizio.

In ogni caso The Donald è intenzionato ad annunciare la sua candidatura per il 2024 anche se, come riporta Politico, ha lasciato intendere ai suoi alleati che potrebbe fare marcia indietro tra due anni se fiuterà che sarà difficile tornare a vincere. Ma intanto vuole congelare la corsa di eventuali rivali e mantenere l'attenzione su di sé, per difendere il suo brand aziendale, pagare meglio i suoi debiti e screditare gli inquirenti delle indagini contro di lui e la sua famiglia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved