i-grandi-elettori-confermano-la-vittoria-di-biden
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
54 min

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
Stati Uniti
3 ore

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
3 ore

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
Speciale Ucraina
LIVE

Zelensky apre ai negoziati. Ma a patto che la Russia si ritiri

Orrore a Mariupol: rinvenuti duecento cadaveri tra le macerie di un rifugio. Segui il live de laRegione
Vaticano
8 ore

‘Basta col traffico indiscriminato delle armi!’

Al cordoglio per le vittime in Texas si unisce Papa Bergoglio. ‘Impegniamoci tutti perché tragedie così non possano più accadere’
Stati Uniti
9 ore

Foto di armi al compagno pochi giorni prima della strage

Dal racconto di altri studenti, il killer veniva spesso deriso per gli abiti che indossava e la situazione finanziaria della famiglia
Stati Uniti
11 ore

Texas, si aggrava il bilancio della sparatoria: 21 i morti

L’ira del presidente Biden: ‘Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada?’
Stati Uniti
19 ore

Texas, spara in una scuola e uccide quindici persone

Tra le vittime quattordici bambini e un insegnante. Morto anche il sospetto autore della strage
svolta in vaticano
21 ore

Per la Cei Bergoglio sceglie Zuppi, ‘prete di strada’

Bassetti lascia la presidenza. Sul tavolo dei vescovi il dossier degli abusi
terrorismo
21 ore

L’Isis era pronto a uccidere Bush a Dallas

Il piano, che avrebbe dovuto scattare lo scorso anno è stato sventato dall’Fbi. Fermato un iracheno.
Estero
1 gior

Calano le borse e i 50 super-ricchi bruciano il... Pil svizzero

Da inizio anno i più facoltosi del pianeta hanno perso 563 miliardi di dollari. Cifra pari al prodotto interno lordo del nostro Paese
14.12.2020 - 20:25

I grandi elettori confermano la vittoria di Biden

I 538 ‘grandi elettori’ dei 50 Stati e della capitale mettono il sigillo sulla vittoria. In alcuni casi le operazioni si sono svolte sotto alta tensione

Al termine di una lunga giornata, i 538 ‘grandi elettori’ dei 50 Stati e della capitale mettono il sigillo sulla vittoria di Joe Biden e di Kamala Harris. Un rito in genere puramente cerimoniale, se non fosse che Donald Trump continua a denunciare elezioni fraudolente e a considerare il suo rivale un presidente illegittimo anche dopo che una Corte costituzionale a maggioranza conservatrice ha respinto il suo ultimo ricorso. I grandi elettori, il cui numero varia in base alla popolazione, si sono riuniti per votare secondo il risultato del voto popolare nel loro Stato, come prescrivono le leggi, nonostante la possibilità di qualche 'infedele': 306 per il ticket dem, 232 per quello repubblicano, con un quorum necessario per entrare alla Casa Bianca di 270.

In alcuni casi le operazioni si sono svolte sotto alta tensione, come in Michigan, uno degli Stati più contesi, dove il parlamento è stato chiuso per “credibili minacce di violenza” arrivate ai congressmen di entrambi i partiti. In Wisconsin invece la Corte suprema ha respinto per la seconda volta il tentativo di Trump di invalidare oltre 200 mila voti. Il presidente e i suoi più stretti alleati hanno ora un’ultima sede dove contestare l'esito delle elezioni, ma praticamente senza speranze: il Congresso, che il 6 gennaio conterà formalmente a camere riunite i voti del collegio elettorale.

Parola al Congresso

I nuovi parlamentari potranno sottomettere obiezioni scritte che però saranno valutate solo se co-firmate da almeno un membro di ciascuna Camera. Altrimenti resteranno un puro atto di protesta, come successe nel 2017 quando diversi deputati dem contestarono la vittoria di Trump in alcuni Stati a causa delle interferenze russe ma Hillary Clinton aveva già ammesso la sconfitta e nessun senatore del partito si unì all'iniziativa. Se invece ci sarà una 'coppia' di esponenti delle due Camere, la seduta plenaria verrà interrotta e ciascuna Camera discuterà l'obiezione per un massimo di due ore, prima di votare se ribaltare il risultato dello Stato in questione. Ma per ribaltarlo davvero occorrerà il consenso di entrambi i rami del Parlamento, cosa che non succede dalla cosiddetta epoca della Ricostruzione, il periodo successivo alla guerra civile americana dal 1865 al 1877.

Tanto più che la Camera è nelle mani dei dem, mentre le sorti del Senato - ora controllato dai repubblicani - sono appese ai due ballottaggi del 5 gennaio. Inoltre per ora nessun senatore del Grand Old Party si è impegnato pubblicamente a fare tandem con i deputati pro Trump più battaglieri, come Mo Brooks dell'Alabama. In questo caso però il Congresso sarebbe costretto a un dibattito che, al di là dello scontato esito finale, lascerebbe un’ombra su Biden e sulla fiducia nel processo elettorale, segnando anche il futuro corso del partito.

L'imbarazzo di Pence

Il ruolo più imbarazzante sarà quello di Mike Pence, che nella sua qualità di presidente del Senato dovrà dichiarare Biden vincitore, come avevano già fatto lo stesso Biden con Trump e Al Gore con George W. Bush: il vicepresidente dovrà scegliere tra la lealtà a Trump, che non sopporta l'etichetta di ‘loser’, e i suoi obblighi costituzionali. L'unica via di fuga sarebbe lasciar presiedere la sessione al senatore repubblicano Charles Grassley, presidente del Senato pro tempore, ruolo riservato al membro del partito di maggioranza con maggiore anzianità di servizio.

In ogni caso The Donald è intenzionato ad annunciare la sua candidatura per il 2024 anche se, come riporta Politico, ha lasciato intendere ai suoi alleati che potrebbe fare marcia indietro tra due anni se fiuterà che sarà difficile tornare a vincere. Ma intanto vuole congelare la corsa di eventuali rivali e mantenere l'attenzione su di sé, per difendere il suo brand aziendale, pagare meglio i suoi debiti e screditare gli inquirenti delle indagini contro di lui e la sua famiglia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
biden trump usa2020
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved