ULTIME NOTIZIE Estero
italia
5 ore

Quando il parchimetro... porta fortuna

È successo nel Cuneese dove una signora ha acquistato un Gratta e vinci per cambiare i soldi per il parcheggio e vince 500mila euro
Canada
7 ore

L’uragano Fiona lascia 500mila case senza corrente

Lo riferisce l’azienda elettrica locale, Nova Scotia Power, secondo quanto riportato da Cbc
Stati Uniti
10 ore

Problemi ai finestrini: le auto di Tesla tornano in garage

Richiamate 1,1 milioni di vetture per un aggiornamento del software che permetterà di ovviare a un malfunzionamento
Turchia
13 ore

‘Il referendum russo? Non lo riconosciamo’

Lo ha affermato il portavoce della presidenza turca Ibrahim Kal. La stessa cosa accadde anche per il referendum in Crimea nel 2014
Estero
14 ore

L’ultimo addio ad Abe

I funerali dell’ex premier giapponese, ucciso in un attentato, si terranno il prossimo 27 settembre
Estero
18 ore

La politica è un Hobbit (o un pelaverdure)

Cronaca semiseria dei comizi che hanno chiuso la campagna elettorale italiana, nell’attesa che arrivi domenica.
Confine
1 gior

Vigezzo: brucia un compressore, colonne lungo la Statale

Un mezzo da cantiere ha preso fuoco tra Re e Ribellasca, costringendo i frontalieri a lunghi tempi di attesa
Estero
1 gior

Laver Cup, attivista per l’ambiente si dà fuoco

Un insolito fuori programma al torneo d’addio di Federer a Londra: un giovane è entrato sul campo e si è bruciato il braccio. Soccorso, è fuori pericolo
Estero
1 gior

La Russia aumenterà le sue spese militari nel 2023 del 43%

Lo ha reso noto il presidente Putin; l’incremento servirà ad assicurare la difesa del paese anche alla luce del critico andamento della guerra in Ucraina
Estero
1 gior

Guardie armate porta a porta, al via i referendum in Ucraina

Milioni chiamati alle ‘urne’. Intanto il patriarca Kirill invita a combattere. E decine di migliaia di russi scappano all’estero
Estero
1 gior

Per l’ambasciatore svizzero l’occupazione di Izyum è ‘barbaria’

Dura presa di posizione della sede diplomatica elvetica in Ucraina. Visitati da Claude Wild i centri distrutti dagli occupanti russi
Germania
28.10.2020 - 22:24

Germania in lockdown 'light' a novembre

Chiusi – dal 2 al 30 novembre – bar, ristoranti, locali e luoghi d'intrattenimento. Stop pure agli sport di squadra

Ats, a cura de laRegione
germania-in-lockdown-light-a-novembre
Merkel (Keystone)

Il Covid corre anche in Germania e "bisogna agire, adesso". La cancelliera Angela Merkel non ha dubbi sul da farsi e ha annunciato con queste parole ai tedeschi la nuova stretta per arginare la pandemia nella Repubblica federale.

Quello che era stato già battezzato dalla "Bild" come un "lockdown light" colpisce duramente settori come gastronomia, cultura, turismo e riduce drasticamente i contatti, ma lascia le scuole e i negozi aperti.

Crescita esponenziale dei contagi

"Il ritmo della diffusione è particolarmente veloce. Viviamo una crescita esponenziale dei contagi" e se la situazione resterà questa "nel giro di settimane il sistema sanitario sarà al limite", ha spiegato la Bundeskanzlerin. Le misure, che valgono su tutto il territorio nazionale, "sono dure, è stata una giornata difficile per la politica, ma bisogna agire, e farlo adesso".

Al termine di un incontro con i Länder che si annunciava particolarmente burrascoso e in una Berlino dal traffico paralizzato per la protesta di migliaia di artisti e lavoratori delle categorie colpite (malgrado i ristori annunciati per 7-10 miliardi), la cancelliera ha comunicato dunque che dal 2 novembre, e per tutto il mese, saranno chiusi ristoranti, bar, locali e luoghi dedicati ad attività ricreative e d'intrattenimento, come cinema, teatri, sale da concerto. Stop anche agli sport di squadra, chiusi i centri di cosmetica e di massaggi.

Giro di vite anche sul turismo

Stretta anche sul turismo in tutto il territorio, con il divieto di pernottamento negli alberghi. La Bundesliga e i tornei professionistici potranno tenersi di nuovo solo a porte chiuse. E rigido è il divieto di contatto negli spazi pubblici, dove non potranno incontrarsi più di due nuclei abitativi: riunirsi è possibile fino a un massimo di 10 persone.

Aperte le scuole

Scuole e asili restano invece aperti, la vera novità rispetto al lockdown della scorsa primavera. E anche i negozi resteranno accessibili, con nuove limitazioni, calcolate al metro quadrato.

Del resto la cancelliera ha tenuto a precisare che "non siamo nella situazione di marzo". E in questo contesto le funzioni religiose ad esempio non vengono sospese. L'obiettivo è far appiattire di nuovo la curva e rendere di nuovo rintracciabili i contatti. "Al momento il 75% dei contagi non si sa da dove provenga", ha detto allarmata.

"Il numero delle infezioni è raddoppiato in una settimana. Anche i pazienti nelle terapie intensive sono raddoppiati nel giro di 10 giorni. E quelli che vanno attaccati ai respiratori artificiali sono raddoppiati negli ultimi nove". Complessivamente i contatti dei tedeschi vanno ridotti di tre quarti, e il rispetto delle norme verrà accuratamente sorvegliato.

"Quando le terapie intensive sono piene è troppo tardi", aveva detto in mattinata il ministro della salute Jens Spahn, facendo sentire la sua voce dall'isolamento dovuto all'infezione. Ma la Germania non è ancora a questo punto.

'Misure per evitare l'emergenza sanitaria nazionale'

"Siamo prendendo delle misure preventive per evitare l'emergenza sanitaria nazionale", ha spiegato Armin Laschet, ministro-presidente del Nordreno-Vestfalia. "Abbiamo prescritto una terapia di quattro settimane. Speriamo che la dose sia giusta", il commento del presidente bavarese Markus Söder. Fare di meno avrebbe un prezzo molto più alto dopo, è il ragionamento comune.

Oggi il Robert Koch Institut ha segnalato 14'964 nuovi contagi. Il fattore di riproduzione R0 è di 1,17 e l'incidenza su 100mila abitanti nei sette giorni è salita a 93,6 (la settimana scorsa era di 51,5).

Nella Germania che ha superato al meglio la prima ondata - dall'inizio del Covid sono 464'239 i contagi, e le vittime 10'183 (85 più di ieri) - si tengono gli occhi puntati sul carico degli ospedali. La situazione sanitaria per ora è sotto controllo, ma la richiesta di posti in terapia intensiva aumenta sensibilmente. E Berlino non vuole arrivare a dover scegliere in corsia chi curare e chi no.
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved