laRegione
trump-conferma-sabato-la-nomina-per-la-corte-suprema
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Francia, Macron potrebbe annunciare il lockdown

Il presidente francese parlerà alla Nazione questa sera alle 20. Le scuole dovrebbero rimanere aperte
Estero
3 ore

Germania, ipotesi lockdown light dal 4 novembre

La cancelliera Angela Merkel discuterà oggi la proposta con i governatori dei Land. Il provvedimento durerebbe un mese
USA
3 ore

Afroamericano ucciso, notte di disordini a Philadelphia

Proteste dopo la morte di Walter Wallace. In alcune zone si sono ripetute scene di vandalismi e saccheggi di negozi
USA
13 ore

Philadelphia, ancora un afroamericano ucciso dalla polizia

Gli agenti gli hanno sparato perché si è avvicinato a loro con un coltello. Secondo la famiglia aveva problemi mentali. Rivolte in città
Estero
13 ore

Diritto all'aborto in Polonia: scende in campo l'esercito

Monta la protesta dopo la sentenza che ha soppresso il diritto a interrompere la gravidanza. Manifestazioni coinvolgono centinaia di migliaia di persone
Taiwan
15 ore

Le armi a Taiwan ultimo atto della guerra Usa-Cina

L'accordo annunciato dal Pentagono per la fornitura di missili all'isola irrita Pechino, che chiede di interrompere ogni vendita o contatto militare.
Italia
15 ore

Coronavirus, 58 morti in Lombardia nelle ultime 24 ore

Più del 25% sul totale dei 221 decessi in Italia. 21'994 nuovi contagi a livello nazionale (su 174'398 tamponi effettuati), 5'035 nella sola Lombardia.
Estero
16 ore

Lockdown a Natale in Italia? In fumo 25 miliardi

Previsioni cupe in caso di una chiusura totale durante le feste. In Francia non si esclude il confinamento dopo 'il fallimento del coprifuoco'
Estero
22.09.2020 - 20:290

Trump conferma: sabato la nomina per la Corte Suprema

Il presidente vuole assicurarsi la fedeltà dei giudici che dvranno ratificare il risultato delle presidenziali

Donald Trump annuncerà sabato dalla Casa Bianca la sua candidata alla Corte suprema, dopo i funerali del giudice Ruth Bader Ginsburg ma prima della sua sepoltura nel cimitero di Arlington. Il presidente vuole distrarre da una pandemia che in Usa ha superato le 200 mila vittime e ha fretta di cementare una maggioranza conservatrice nel massimo organo giudiziario americano, ora che vede spianata la strada per un voto di conferma al Senato prima del 3 novembre, data delle elezioni: una mossa che, spera, può farlo risalire nei sondaggi, ma che - ancora più importante - potrebbe rivelarsi decisiva se la Corte venisse investita della decisione su un risultato contestato.

I leader repubblicani hanno assicurato di avere i numeri e a togliere ogni dubbio è arrivato anche il senatore Mitt Romney, che si è detto pronto a considerare la nomina valutandola in base alle competenze. Romney è l'unico senatore che aveva votato a favore dell'impeachment di Trump, con cui è spesso in contrasto, e i democratici speravano che fosse uno dei quattro dissidenti del Grand Old Party di cui hanno bisogno per bloccare l'iter di conferma. Per ora ce ne sono solo due, le senatrici Susan Collins e Lisa Murkowski. I democratici hanno minacciato perfino l'impeachment, nel tentativo di ostacolare il processo di ratifica della nomina.

L'accelerazione di Trumparriva mentre la procura di New York suggerisce per la prima volta in un documento processuale che ci sono elementi per indagare sul presidente per frode fiscale. L'attorney distrettuale Cyrus R. Vance Jr (democratico), rivela il New York Times, ha elencato nella battaglia legale per ottenere le dichiarazioni dei redditi del presidente una serie di notizie e di testimonianze pubbliche che lo accusano di varie irregolarità. Elementi, scrive, che "presi insieme, giustificano pienamente lo scopo del mandato emesso dal gran giuri'" per acquisire i 'tax return' del presidente. Venerdì è in programma un nuovo round legale, con la prospettiva che il caso torni proprio alla Corte suprema. All'inizio di agosto la procura newyorkese aveva già lasciato intendere che sta indagando il presidente anche per una possibile frode bancaria e assicurativa, per aver gonfiato il valore della sua ricchezza e dei suoi immobili.

Intanto si riapre virtualmente il fronte del Russiagate: Andrew Weissmann, ex procuratore di punta del team di Robert Mueller, ha scritto nel suo libro di imminente pubblicazione "Where Law Ends: Inside the Mueller Investigation" che il pool non fece tutto quello che poteva fare per accertare le interferenze di Mosca nelle elezioni del 2016. Evitando ad esempio di citare il presidente Donald Trump per un interrogatorio e di acquisire i suoi documenti finanziari nel timore che potesse licenziare gli investigatori. "Abbiamo usato tutti gli strumenti disponibili per scoprire la verità, senza temere l'attacco dei poteri unici del presidente di minare i nostri sforzi? Io conosco la difficile risposta a questa semplice domanda: avremmo potuto fare di più", denuncia Weissmann, che è un democratico registrato.

© Regiopress, All rights reserved