(Keystone)
Estero
15.10.2019 - 11:170

Pesanti condanne per le donne che volevano far saltare Notre-Dame

La Corte d'assise di Parigi ha emesso pene fino a 30 anni di carcere per le ideatrici dell'attentato sventato nel 2016 nei pressi della cattedrale

Pesanti condanne nel processo alle cinque donne jihadiste responsabili dell'attentato sventato con un'auto piena di bombole a gas nei pressi della cattedrale di Notre-Dame a Parigi, ormai oltre tre anni fa, il 4 settembre del 2016.

Di età compresa tra i 22 e i 42 anni, le cinque donne sono state processate in questi ultimi giorni dalla corte d'assise di Parigi. Due di loro, Inès Madani e Ornella Gilligman, sono state condannate rispettivamente a 25 e 30 anni di carcere. Altre due a 20 anni e una terza a 5 anni. Per gli avvocati generali del processo, erano divenute "il volto dello jihad femminile in Francia".

Al momento del verdetto, Inès Madani, condannata a 30 anni, è rimasta impassibile mentre Ornella Gilligmann, madre di 3 bambini condannata a 25 anni è scoppiata in lacrime. Secondo il legale della Madani, Laurent Pasquet-Marinacce, quella incorsa dalla sua assistita è una "pena eccessivamente severa". "È una sentenza che mira a dare l'esempio, sconnessa dalla personalità di questa giovane donna e dalla gravità dei fatti", ha deplorato, ricordando che a Notre-Dame non ci furono morti né feriti.

Le condanne pronunciate nella notte dalla Corte d'assise speciale di Parigi corrispondono alle richieste della procura. Quattro delle cinque donne rischiavano l'ergastolo. Tra le accuse, quella di aver tentato di perpetrare atti terroristici seguendo le indicazioni di Rachid Kassim, un propagandista dell'Isis, probabilmente morto in Iraq.

Potrebbe interessarti anche
Tags
anni
donne
pesanti condanne
parigi
condanne
notre-dame
corte
assise
carcere
attentato
© Regiopress, All rights reserved