L'assemblea generale dell'Onu (Keystone)
Estero
09.10.2019 - 16:120

L'Onu è senza soldi, a rischio gli stipendi di ottobre

L'Organizzazione delle nazioni unite è in crisi di liquidità. Una sessantina di Stati non ha ancora versato i contributi dovuti

New York – ''Il nostro lavoro e le nostre riforme sono in pericolo a causa della grave penuria di liquidità''. Lo ha denunciato il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres.

''L'Organizzazione corre il rischio di finire le riserve di liquidità entro la fine di ottobre e di non poter pagare il personale e i fornitori'', ha detto ancora Guterres, sottolineando come sono ricorrenti queste crisi di liquidità vissute dall'Onu.

Anche se 129 su 193 Stati hanno pagato le loro quote annuali regolari, l'ultimo dei quali è la Siria, ha detto il portavoce del Segretario generale, Stéphane Dujarric, altri devono pagare la loro "urgentemente e completa''. Questo è l'unico modo per evitare la bancarotta che potrebbe interrompere le operazioni Onu in corso nel mondo.

Alla fine di settembre, solo il 70% del contributo totale dell'esercizio era stato versato, rispetto al 78% dello stesso periodo dell'anno scorso. A partire dall'8 ottobre, gli Stati membri hanno stanziato 1,99 miliardi di euro nell'ambito del bilancio.

Se l'Organizzazione non avesse "controllato le sue spese complessive dall'inizio dell'anno", il disavanzo di cassa in ottobre avrebbe raggiunto i 600 milioni di euro, il che significa che non ci sarebbe stata abbastanza liquidità per pagare l' Assemblea Generale e le riunioni ad alto livello del mese scorso. Il Segretario generale si affida quindi agli Stati membri ''per risolvere senza ulteriori ritardi i problemi strutturali alla base di questa crisi annuale".

Potrebbe interessarti anche
Tags
stati
liquidità
onu
rischio
ottobre
organizzazione
crisi
generale
nazioni unite
nazioni
© Regiopress, All rights reserved