Estero
16.11.2018 - 10:020

Turchia: blitz contro accademici e contro sospetta rete golpista

Duplice operazione: 12 fermi in seno all'associazione guidata dall'attivista per i diritti umani Osman Kavala e 188 mandati d'arresto

Almeno 12 tra accademici, imprenditori e giornalisti sono stati fermati stamane in un blitz della polizia turca a Istanbul per legami con l'associazione Anadolu Kultur, guidata dal noto filantropo e attivista per i diritti umani Osman Kavala, che è detenuto da oltre un anno per sospette attività eversive contro lo stato.

Amnesty International e Human Rights Watch ne hanno chiesto più volte il rilascio, sottolineando tra l'altro che non è stato ancora presentato nei suoi confronti alcun atto d'accusa formale.

Tra le persone prelevate nei raid all'alba di oggi nelle loro abitazioni ci sono i professori Betul Tanbay e Turgut Tarhanli, docenti alle prestigiose università del Bosforo e Bilgi. Alcuni dei fermati erano anche tra i firmatari dell'appello degli "Accademici per la pace", che nel 2016 chiesero la fine delle operazioni militari nel sud-est curdo.

Mentre una nuova maxi-operazione è stata compiuta contro sospetta rete golpista: 188 mandati d'arresto

Nuova maxi-operazione in Turchia contro sospetti affiliati alla presunta rete golpista di Fethullah Gulen. La procura di Ankara ha emesso mandati d'arresto nei confronti di 100 militari dell'aviazione - tra cui 4 tenenti e 96 sottufficiali - e di altri 88 civili facenti parte dell'organizzazione che sarebbero stati in contatto con i soldati.

Blitz di polizia sono stati ordinati in 25 province per cercare di arrestare i sospetti. Finora, almeno 86 dei ricercati sono finiti in manette, tra cui 60 militari. Lo riporta l'agenzia Anadolu.

(Ats)

Tags
blitz
accademici
rete golpista
rete
arresto
mandati arresto
turchia
sospetta rete golpista
mandati
sospetta rete
© Regiopress, All rights reserved