laRegione
Nuovo abbonamento
Marco Ugarte
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
40 sec
Coronavirus, registrati oltre 220mila contagi in un giorno
Il dato reso pubblico dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) è stato registrato venerdì scorso. Stati Uniti il Paese più colpito
Estero
1 gior
Belgrado, ancora scontri fra polizia e antigovernativi
Non si placano le manifestazioni in Serbia contro le restrizioni imposte nell'ambito dell'emergenza sanitaria
Estero
1 gior
Colombia, 90 arresti per abusi sessuali su minori
Tra le persone arrestate ci sono membri della forza pubblica, genitori, guide spirituali e religiose, persone vicine alle vittime
Estero
1 gior
In Italia, stato di emergenza fino al 31 dicembre
Con i contagi ancora in salita e focolai in diverse zone del Paese, il premier italiano Conte ha confermato oggi che si andrà in questa direzione
Estero
1 gior
Amazzonia, deforestazione aumentata 25% nel primo semestre
L'Amazzonia brasiliana ha registrato 1.034,4 km quadrati di superficie in allerta di deforestazione a giugno, un record dal 2015
Estero
1 gior
Turchia, Santa Sofia potrà tornare moschea
La storica decisione apre ora la strada alla riconversione in moschea del monumento simbolo di Istanbul
Italia
1 gior
Italia, il Mose di Venezia si è chiuso
Esito positivo per il primo test delle paratoie che dovrebbero difendere la laguna dall'acqua alta: tutte 78 si sono alzate
Estero
2 gior
Muore a 11 anni di Covid-19 negli Usa dei tristi record
La ragazzina è la quarta minorenne vittima di coronavirus in Florida. Negli Stati Uniti oltre 65mila casi in 24 ore.
Estero
08.09.2017 - 23:550
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:20

Messico, 60 le vittime del terremoto nel centrosud

Un terremoto con una potenza devastante, 8,2 sulla scala Richter, ha scosso ieri notte il Messico, provocando il panico nel sud e del centro del paese, compresa la capitale, dove vivono circa venti milioni di persone. Il bilancio della mega-scossa è di almeno 60 morti, 45 dei quali nello stato di Oaxaca e 10 nel Chiapas.

Le repliche - circa 180 quasi 12 ore dopo il sisma, alcune delle quali molto forti - non hanno mai smesso di martellare il centro e la zona montagnosa del sudest, aspetto sul quale il presidente messicano Enrique Pena Nieto ha fin dal primo momento sottolineato la propria preoccupazione. Erano le 23,52 quando la terra ha tremato soprattutto in tre stati, nel Chiapas, dove nella località di Pijijiapan è stato individuato l'epicentro del sisma, a Tabasco e a Oaxaca.

Nella capitale e in tante altre città e centri del centro-sud, la gente ha abbandonato le proprie abitazioni in mezzo al caos, spesso in pigiama, mentre in alcune zone si interrompevano luce e comunicazioni. I riflettori sono rimasti puntati sul Chiapas, che ha avuto 120 feriti subendo inoltre il crollo di alcune abitazioni e di quattro ponti, e Oaxaca, lo stato più povero dell'intero paese dove si trovano le due cittadine più devastate dal sisma. A Matias Romero per tutta la notte si è continuato a cercare tra le macerie di un albergo crollato. Alcuni edifici, tra cui la sede del comune, un ospedale, una chiesa e diverse abitazioni e negozi, sono venuti giù anche nella vicina località di Juchitan. A confermare che anche qui ci sono "case con all'interno delle persone" è stata la protezione civile. Entrambe le località sono al centro dell'angoscia che circola sulle reti sociali, anche perché le autorità non forniscono dati sul numero delle persone intrappolate.

Ed è tra le vie di Romero e di Juchitan che in queste ore si respira la paura: molte persone temono di rientrare nelle proprie abitazioni proprio per il rischio crolli. Il terremoto ha fatto sentire tutta la sua forza anche in Guatemala, dove si registra almeno un morto. Ed ha provocato un'allerta tsunami, rientrato dopo qualche ora, diramato sulla costa occidentale del Messico, oltre che nel Guatemala e in altri paesi centroamericani. In un primo contatto con la stampa, Pena Nieto ha definito il terremoto "il più potente degli ultimi 100 anni", precisando che la scossa ha colpito circa 50 milioni di persone (quasi la metà della popolazione del paese) e indicando una serie di misure in vigore oggi.

Tra queste, la chiusura delle scuole in 11 stati, anche per permettere i controlli tecnici di edifici e case, soprattutto nel Chiapas e a Oaxaca. E' stato un movimento tellurico "intenso, lungo e molto forte", ha precisato il presidente, che si recherà in Chiapas. Il ricordo di Pena Nieto e di tutti nel paese è andato al sisma del 19 settembre del 1985, con una magnitudo simile a quella di ieri notte. Quel giorno circa 15 mila persone persero la vita, in gran parte a Città del Messico. (Ansa)

© Regiopress, All rights reserved