sagnino-scoperta-base-di-stoccaggio-di-un-cartello-di-narcos
archivio Ti-Press
In un condominio non lontano dal campo sportivo
ULTIME NOTIZIE Estero
Italia
24 min

Marmolada, almeno sei i morti causati dal crollo del seracco

Si aggrava il bilancio dell’incidente in montagna odierno. Oltre alle vittime ci sono anche otto feriti, di cui uno grave
Pakistan
1 ora

Minibus finisce in un burrone: è tragedia in Pakistan

Almeno diciannove le vittime del terribile incidente, avvenuto a causa dell’alta velocità in una remota zona collinare del Belucistan
Italia
1 ora

Crolla un seracco sulla Marmolada: 15 persone coinvolte

Un primo bilancio del Servizio di urgenza ed emergenza medica del Veneto riferisce di sette feriti, uno dei quali gravi
Italia
1 ora

Base jumper svizzero perde la vita nel Trentino

Assieme ad altri due amici, il 33enne, residente in Italia, si era lanciato dal monte Casale, nella valle del Sarca
Australia
2 ore

Australia sotto un diluvio senza tregua: scattano le evacuazioni

Non si placano le piogge torrenziali: circa 32’000 le persone raggiunte dall’ordine di sfollare. E c’è pure un morto
Giappone
2 ore

Nel Paese del Sol Levante, il lavoro non tramonta mai

Complice il declino delle nascite e l’alta aspettativa di vita, in Giappone in un’azienda su quattro si lavora fino a 70 anni
Spagna
5 ore

Ryanair e Easyjet incrociano le braccia in Spagna, grossi disagi

Sabato da bollino rosso negli aeroporti iberici: cancellati 15 voli e ritardi per altri 175. E non è finita: in arrivo tre stop da quattro giorni
Confine
5 ore

Contro i tuffi vietati nel Lario mobilitato anche l’esercito

La siccità prolungata fa emergere nuove spiagge dove è pericoloso bagnarsi. Organizzato un presidio di militari
Italia
5 ore

Gli danno fuoco mentre fa una videochiamata alla fidanzata

Gravi ustioni per un uomo in provincia di Napoli. Forse un litigio avvenuto nei giorni precedenti alla base del grave gesto
13.05.2022 - 14:15
Aggiornamento: 17:12
di Marco Marelli

Sagnino, scoperta base di stoccaggio di un cartello di narcos

In pochi anni trafficati quasi 700 chili di droga. L’inchiesta della Dda coinvolge anche quattro comaschi

Si trovava in un anonimo condominio non lontano dal campo sportivo di Sagnino, una delle basi di stoccaggio della droga che, proveniente dal Sud America e dalla Spagna, arrivava in Olanda, con destinazione la Lombardia, passando dalla Svizzera. Non hanno dubbi al riguardo i poliziotti della Squadra mobile di Milano, nell’ambito di un’inchiesta iniziata nel 2019 e coordinata dal pm Silvia Bonardi della Direzione distrettuale antimafia diretta dal procuratore aggiunto Alessandra Dolci. I poliziotti, nelle ultime ore, hanno eseguito una trentina di ordinanze di custodia cautelare di cui ventuno in carcere: tre di queste in provincia di Como.

Un quarto comasco è stato raggiunto dal provvedimento restrittivo al Bassone, in quanto arrestato nel novembre scorso, dopo che a Sagnino era stato trovato in possesso di 10 chilogrammi di hascisc, un chilo di marijuana e 4 chili di ketamina: sostanze stupefacenti che per l’accusa erano in parte destinate al mercato ticinese. Per i quattro comaschi finiti sotto inchiesta l’accusa è di concorso in spaccio e traffico di sostanze stupefacenti, soprattutto ketamina (droga molto richiesta dai giovani per lo sballo alle feste e, allo stesso tempo, molto pericolosa) ma anche hascisc e cocaina. I comaschi finiti in manette sono un uomo di 38 anni di Monte Olimpino, uno di 47 anni domiciliato a Ponte Chiasso, un cinquantenne originario di Castellammare di Stabia ma residente in città (arrestato lo scorso novembre a Sagnino) e un canturino di 35 anni residente a Carimate, dove per gli investigatori c’era la ‘cucina’ per produrre la ketamina.

Un’indagine, quella della squadra di Milano (per gli arresti in città hanno collaborato anche i colleghi della Questura di Como) che si interseca con un riciclaggio di denaro proveniente dal narcotraffico attraverso i canali delle opere d’arte. Uno dei colpiti dall’ordinanza di custodia cautelare in carcere (il provvedimento non è stato eseguito, in quanto l’uomo non è stato trovato), titolare di una galleria d’arte ad Amsterdam (posta sotto sequestro dalla polizia olandese che ha collaborato all’inchiesta) è accusato di aver usato la sua società per gestire i flussi di denaro da investire negli stupefacenti simulando – secondo l’accusa – compravendite di quadri. E forse non a caso sulle chat degli indagati era conosciuto come Banksy. Fra i provvedimenti disposti dalla magistratura milanese anche i sigilli posti a una azienda di logistica di Como, che, stando all’accusa, acquistava i quadri per conto del titolare della galleria d’arte di Amsterdam, indicato come il numero uno dell’organizzazione responsabile del colossale traffico internazionale di droga. Il compenso per l’azienda di Como sarebbe stato del 2 per cento del valore dei quadri.

A Sagnino in un box di via Raccolo, stando a quanto accertato dagli investigatori, transitavano le autovetture cariche di droga proveniente dal Nord Europa. Come nell’agosto 2020, mese in cui il box aveva ospitato una Bmw con 28 chili di ketamina. Altre cinque consegne per mezzo quintale di ketamina, avvenute a Sagnino, Montano Lucino, Carimate, sono descritte nell’ordinanza di custodia cautelare. Monitorate nel luglio 2020 le consegne tra Sagnino e Carimate di 2 e 4 chilogrammi di cocaina.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
droga inchiesta sagnino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved