como-la-diocesi-pensa-alla-beatificazione-di-don-roberto
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
49 min

Caldo da record: a Nuova Delhi raggiunti i 49,2 gradi

Da settimane la severa ondata di calore sta colpendo il nord dell’India e il Pakistan. Gravi le conseguenze per l’agricoltura.
speciale ucraina
LIVE

‘Negoziati in corso per l’evacuazione dell’Azovstal’

Il presidente ucraino Zelensky afferma che si sta lavorando per far uscire le persone da Mariupol e i combattenti dall’acciaieria
Gallery
Confine
16 ore

Fra le acque del Ceresio spunta... un capriolo

Insolito ‘bagnante’ stamane nello specchio d’acqua antistante a Porlezza, finito al largo forse perché spaventato da un predatore
Confine
20 ore

‘Un aereo è caduto a Orsenigo’. Ma è un falso allarme

Prima l’appello dalla centrale operativa di Roma, poi la smentita da Verzago: ‘Nessun velivolo in quella zona’
Speciale Ucraina
21 ore

La Finlandia bussa alla Nato: ‘Da soli nessun futuro’

All’Azovstal ‘speranze perse: pronti alla battaglia finale’; no di Mosca a negoziati coi combattenti dell’acciaieria. Segui il live de laRegione
Estero
22 ore

Radicalizzato durante il lockdown il killer di Buffalo

Si sarebbe ispirato ai fatti di Christchurch il suprematista 18enne protagonista della carneficina in un supermercato
Stati Uniti
1 gior

Suprematista uccide dieci persone al supermercato

Un 18enne folle, armato di fucile semiautomatico, semina il panico e fa una strage a Buffalo. Poi si consegna alle forze dell’ordine
Italia
1 gior

Spiagge ‘roventi’ e mare sempre più... salato in Italia

Caro-benzina e caro-bollette spingono verso l’alto i prezzi negli stabilimenti balneari della vicina Penisola. Rincaro medio del 12%
02.11.2021 - 15:19
Aggiornamento : 16:21

Como, la Diocesi pensa alla beatificazione di don Roberto

La parola ‘santo’ è riecheggiata tante volte nel processo contro il 53enne tunisino che uccise il sacerdote con 25 coltellate nel settembre 2020

di Marco Marelli

“Rendo lode a Dio per la testimonianza, cioè per il martirio, di questo testimone della carità verso i più poveri”. Le commosse parole di papa Francesco, a conclusione - era la tarda mattinata del 16 settembre dello scorso anno - della tradizionale udienza generale del mercoledì, in ricordo di don Roberto Malgesini, il “prete di strada che serviva gli scartati di Como” (sono parole del pontefice quelle virgolettate). Dunque, don Roberto martire e la Diocesi di Como già pensa alla beatificazione del sacerdote ucciso la mattina del 15 settembre dello scorso anno con 25 coltellate da un 53enne tunisino che nei giorni scorsi è stato condannato all’ergastolo. E nel corso del processo l’espressione santo riferita a don Roberto è risuonata decine di volte. L’hanno ripetuta, chiamati a testimoniare, i volontari che collaboravano con don Roberto, dagli operatori della Caritas alla religiosa che gestisce la mensa dei poveri a chi distribuiva con lui le colazioni. Lo hanno detto gli immigrati e le persone in difficoltà che il sacerdote aveva accolto e che aiutava quotidianamente. Lo hanno detto i consulenti ai quali il “prete degli ultimi” si rivolgeva per chiedere una visita, un consulto legale o per una pratica burocratica per chi aveva più bisogno, compreso proprio lo stesso omicida. E durante l’ultima udienza del processo, quella della sentenza, è emerso chiaramente che “santo” potrebbe essere qualcosa di più di una parola usata spontaneamente e senza esitare da chiunque abbia conosciuto don Roberto. Per avviare un processo di beatificazione, come previsto dal diritto canonico, devono essere trascorsi almeno cinque anni dalla morte di una persona. Ma è apparso chiaro che, in prospettiva, la Chiesa stia già facendo un ragionamento in questa direzione. Questo spiegherebbe il motivo per cui monsignor Oscar Cantoni, vescovo di Como ha inviato una lettera alla Corte d’Assise chiedendo di poter avere, “per motivi religiosi”, gli abiti indossati da don Roberto il giorno in cui è stato ucciso, la croce Tau che il sacerdote portava sempre al collo, la mascherina, le chiavi, il telefono, oltre ai vestiti dell’omicida. La croce è già stata restituita alla madre del sacerdote. Richiesta che i giudici non hanno potuto accogliere, in quanto già fatta dalla famiglia. La Corte ha infatti disposto che gli oggetti personali di don Roberto siano consegnati ai genitori, a due fratelli e alla sorella del sacerdote una volta che sarà passata in giudicato la sentenza. Ciò non inficia la possibilità di beatificazione del sacerdote, in quanto gli oggetti necessari per iniziare l’iter saranno messi a disposizione dalla famiglia. La norma canonica prevede anche l’acquisizione di testimonianze orali.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
beatificazione como don roberto processo sacerdote
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved