Sampdoria
1
Lazio
3
fine
(0-3)
Juventus
Genoa
20:45
 
Langenthal
4
Ticino Rockets
1
fine
(0-0 : 4-1 : 0-0)
Visp
2
Kloten
6
fine
(1-2 : 1-3 : 0-1)
Zugo Academy
0
La Chaux de Fonds
6
fine
(0-3 : 0-3 : 0-0)
como-inflitto-l-ergastolo-all-omicida-di-don-roberto
Ti-Press
Il cordoglio per don Roberto nelle ore dopo il delitto
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
51 min

‘Esecuzioni sommarie’, l’Occidente condanna i talebani

A quasi 4 mesi dalla presa di Kabul, le vendette dei talebani che avevano promesso l’amnistia per i nemici finiscono nel mirino degli Stati Uniti
Estero
2 ore

Germania: strage di Brandeburgo, trovata una lettera d’addio

A rivelare il dettaglio è il quotidiano tedesco Bild. Le indagini procedono con riserbo sui cinque corpi trovati ieri senza vita dalla polizia
Italia
3 ore

In Italia entra in vigore il ‘super green pass’

Domani scattano le nuove regole per bar, ristoranti, palestre, hotel e trasporti pubblici (anche per i pendolari svizzeri)
Confine
3 ore

Brogeda, fermati con 200mila euro in contanti e due revolver

Due autisti serbi erano al volante di un pullman con una dozzina di passeggeri. La giustificazione: ‘Il denaro ci è stato dato da uno svizzero’
Estero
4 ore

Molestie sessuali, sotto accusa anche Chris Cuomo

Dietro la decisione della Cnn di licenziare il giornalista, non solo gli affari processuali legati al fratello, ma anche la denuncia fatta da una collega
Estero
5 ore

Fujimori non può essere giudicato per sterilizzazioni

Si stima che circa 270’000 donne, perlopiù indigene, siano state costrette a sottoporsi alla legatura delle tube tra il 1996 e il 2000
Estero
5 ore

Trump, lancia la ‘sua’ piattaforma social

La mossa arriva dopo essere stato bandito da Twitter, Facebook e YouTube per i suoi messaggi incendiari legati all’assalto del Congresso
Estero
5 ore

‘La variante Omicron è altamente contagiosa ma più lieve’

Ad affermarlo il direttore dell’Istituto di ricerca sudafricano Willem Hanekom alla Bbc
Francia
7 ore

La polizia in allerta per il primo comizio di Zemmour

Secondo le autorità, il discorso – in programma questo pomeriggio al Parc des Expositions – potrebbe creare scontri e disagi per l’ordine pubblico
Confine
28.10.2021 - 18:550
Aggiornamento : 29.10.2021 - 10:48

Como, inflitto l’ergastolo all’omicida di don Roberto

Carcere a vita per il 53enne tunisino che il 15 settembre 2020 accoltellò il sacerdote. Riconosciuta l’aggravante della premeditazione

Carcere a vita per Mahmoudi Ridha, 53enne tunisino che la mattina del 15 settembre dello scorso anno in piazza San Rocco a Como con 25 coltellate ha ucciso don Roberto Malgesini, il sacerdote degli ultimi. La sentenza di condanna all’ergastolo è stata pronunciata da Valeria Costi, presidente della Corte d’Assise, al termine di una camera di consiglio durata meno di due ore, quasi a voler confermare che nessun dubbio è balenato nei togati, ma soprattutto nei giudici popolari.

Omicidio volontario. Mostrato in aula il video dell’atroce delitto

Il 53enne marocchino è stato riconosciuto colpevole del reato di omicidio volontario, con l’aggravante della premeditazione. Nessuna attenuante è stata riconosciuta all’assassino. La Corte ha accolto la richiesta, giunta dopo una requisitoria durata un paio d’anni, del pubblico ministero Massimo Astori, che oltre dieci anni fa aveva rappresentato l’accusa anche nel processo per la Strage di Erba, terminato con la condanna all’ergastolo di Rosa Bazzi e Olindo Romano. Una requisitoria a tratti drammatica. Come quando Astori, ripercorrendo la tragica mattina del 15 settembre dello scorso anno, ha mostrato il video delle telecamere di via Milano che riprendono l’arrivo di Mahmoudi Ridha e il momento in cui con la mano armata di coltello si abbassa sul sacerdote che si apprestava a girare la città per consegnare la colazione ai senzatetto. Forte commozione quando l’accusa ha raccontato del reperto numero 3 recuperato sul luogo del delitto: la croce di legno insanguinata di don Roberto. Il magistrato si è soffermato sulla storia personale dell’assassino, giunto in Italia una trentina di anni fa, dei sei decreti di espulsione (l’ultimo dei quali avrebbe dovuto essere discusso la mattina in cui è stato consumato il delitto). Astori ha poi ribadito come non siamo davanti a una persona incapace d’intendere e volere (tesi ribadita dal difensore in sede di arringa difensiva), ma di un uomo con manie di persecuzione: “L’omicida ha agito sapendo quello che faceva”. L’assassino di don Roberto è stato condannato anche al risarcimento del danno: un euro. Così come aveva chiesto l’avvocato Maurizio Passerini, legale dei fratelli del sacerdote. Un brevissimo intervento, pochi minuti di grande intensità emotiva: “I fratelli di don Roberto si sono costituiti parte civile solo per testimoniare la loro presenza accanto al fratello, per non lasciarlo solo come era stato lasciato da altri nell’esercizio della sua attività”. Parole come pietre. Don Roberto, unitamente ad altri volontari, un paio d’anni fa era stato multato perché portava la colazione ai senzatetto. L’avvocato rivolto all’omicida: “Si risparmi l’odioso progettatore di tale misfatto, le scuse (‘non ho nulla di cui scusarmi, ha ripetuto il marocchino’, ndr): non servono. È già stato perdonato dalla sua vittima, quindi risparmi tutte le sue forze perché dovrà rispondere quanto prima alla sua coscienza”.

La difesa dell’omicida ha già fatto sapere che ricorrerà in appello, sostenendo che il 53enne doveva essere assolto in quanto incapace di intendere e di volere

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved