ANA Ducks
6
VEGAS Knights
5
fine
(0-0 : 4-2 : 2-3)
EDM Oilers
5
PIT Penguins
2
fine
(2-1 : 0-1 : 3-0)
como-inflitto-l-ergastolo-all-omicida-di-don-roberto
Ti-Press
Il cordoglio per don Roberto nelle ore dopo il delitto
ULTIME NOTIZIE Estero
Stati Uniti
9 ore

Il 15enne killer del Michigan alla sbarra come adulto

La procuratrice si dice ‘fiduciosa’ di poter dimostrare che l’uccisione di quattro persone sia da classificare come un reato premeditato
Estero
10 ore

L’Unione europea apre all’obbligo vaccinale

Preoccupa la variante Omicron, ma finora all’aumento esponenziale dei casi in Sudafrica, non fanno seguito i ricoveri in ospedale
Estero
11 ore

La sfida dell’Ue alla Via della Seta

Trecento miliardi di euro per un nuovo maxi-piano di investimenti infrastrutturali in grado di competere con la Cina
stati uniti
11 ore

La Corte Suprema Usa verso una stretta sull’aborto

La maggioranza conservatrice pronta a porre nuovi limiti dopo 50 anni. Biden contrario: ‘Sono per la libertà di scelta’
Estero
12 ore

Bomba della Seconda guerra mondiale esplode a Monaco di Baviera

Tre feriti è il bilancio dell’esplosione avvenuta all’interno di un cantiere, dopo la perforazione di un ordigno del peso di 250 chilogrammi
Confine
12 ore

Impennata di casi pure in Lombardia

Tra le province più colpite dalla nuova ondata di coronavirus c’è quella di Varese
Estero
12 ore

Barca si rovescia, strage di bambini in Nigeria

Avrebbero dovuto partecipare a una cerimonia religiosa. Una cinquantina le vittime
Coronavirus
13 ore

Omicron più trasmissibile, ma contagi perlopiù ‘lievi’

L‘Oms si dimostra prudente rispetto alla nuova variante del Covid. ‘Nei prossimi giorni più informazioni’
Estero
18 ore

Eitan ritornerà in Italia con la zia il 3 dicembre

La zia paterna, Aya Biran, nei mesi scorsi ha già presentato richiesta ai giudici per l’adozione
Confine
28.10.2021 - 18:550
Aggiornamento : 29.10.2021 - 10:48

Como, inflitto l’ergastolo all’omicida di don Roberto

Carcere a vita per il 53enne tunisino che il 15 settembre 2020 accoltellò il sacerdote. Riconosciuta l’aggravante della premeditazione

Carcere a vita per Mahmoudi Ridha, 53enne tunisino che la mattina del 15 settembre dello scorso anno in piazza San Rocco a Como con 25 coltellate ha ucciso don Roberto Malgesini, il sacerdote degli ultimi. La sentenza di condanna all’ergastolo è stata pronunciata da Valeria Costi, presidente della Corte d’Assise, al termine di una camera di consiglio durata meno di due ore, quasi a voler confermare che nessun dubbio è balenato nei togati, ma soprattutto nei giudici popolari.

Omicidio volontario. Mostrato in aula il video dell’atroce delitto

Il 53enne marocchino è stato riconosciuto colpevole del reato di omicidio volontario, con l’aggravante della premeditazione. Nessuna attenuante è stata riconosciuta all’assassino. La Corte ha accolto la richiesta, giunta dopo una requisitoria durata un paio d’anni, del pubblico ministero Massimo Astori, che oltre dieci anni fa aveva rappresentato l’accusa anche nel processo per la Strage di Erba, terminato con la condanna all’ergastolo di Rosa Bazzi e Olindo Romano. Una requisitoria a tratti drammatica. Come quando Astori, ripercorrendo la tragica mattina del 15 settembre dello scorso anno, ha mostrato il video delle telecamere di via Milano che riprendono l’arrivo di Mahmoudi Ridha e il momento in cui con la mano armata di coltello si abbassa sul sacerdote che si apprestava a girare la città per consegnare la colazione ai senzatetto. Forte commozione quando l’accusa ha raccontato del reperto numero 3 recuperato sul luogo del delitto: la croce di legno insanguinata di don Roberto. Il magistrato si è soffermato sulla storia personale dell’assassino, giunto in Italia una trentina di anni fa, dei sei decreti di espulsione (l’ultimo dei quali avrebbe dovuto essere discusso la mattina in cui è stato consumato il delitto). Astori ha poi ribadito come non siamo davanti a una persona incapace d’intendere e volere (tesi ribadita dal difensore in sede di arringa difensiva), ma di un uomo con manie di persecuzione: “L’omicida ha agito sapendo quello che faceva”. L’assassino di don Roberto è stato condannato anche al risarcimento del danno: un euro. Così come aveva chiesto l’avvocato Maurizio Passerini, legale dei fratelli del sacerdote. Un brevissimo intervento, pochi minuti di grande intensità emotiva: “I fratelli di don Roberto si sono costituiti parte civile solo per testimoniare la loro presenza accanto al fratello, per non lasciarlo solo come era stato lasciato da altri nell’esercizio della sua attività”. Parole come pietre. Don Roberto, unitamente ad altri volontari, un paio d’anni fa era stato multato perché portava la colazione ai senzatetto. L’avvocato rivolto all’omicida: “Si risparmi l’odioso progettatore di tale misfatto, le scuse (‘non ho nulla di cui scusarmi, ha ripetuto il marocchino’, ndr): non servono. È già stato perdonato dalla sua vittima, quindi risparmi tutte le sue forze perché dovrà rispondere quanto prima alla sua coscienza”.

La difesa dell’omicida ha già fatto sapere che ricorrerà in appello, sostenendo che il 53enne doveva essere assolto in quanto incapace di intendere e di volere

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved