streaming-pirata-denunciato-fornitore-a-varese-e-1-800-clienti
(Foto: guardia di finanza)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
10 ore

La Bielorussia mette al bando ‘1984’ di Orwell

Vietato possedere copie del romanzo. Arrestato alcuni giorni fa l’editore Andrey Yanushkevich che nel 2020 ha pubblicato la versione in lingua bielorussa
Confine
12 ore

San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata

Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
12 ore

Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia

Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
Confine
16 ore

Caro-benzina anche in Italia. Ma sotto i livelli ticinesi

Malgrado il rincaro, fare il pieno nella Penisola resta un’opzione sempre attrattiva: oltre 20 centesimi in meno al litro
Speciale Ucraina
16 ore

I russi prendono l’Azovstal, Mariupol è caduta

Dopo 86 giorni di assedio e resistenza l’acciaieria è stata espugnata. Segui il live de laRegione
Confine
17 ore

Como, sopralluogo del prefetto nei boschi della droga

La stessa problematica è stata segnalata anche alla Prefettura di Varese. L’impegno sul confine è di intensificare i controlli
Estero
17 ore

Quattro persone accoltellate in Norvegia: fermato l’autore

Secondo le autorità, l’uomo avrebbe preso di mira le sue vittime (ferite in modo grave) in modo ‘casuale’
Confine
18 ore

Vigezzina e statale 337 chiuse per almeno una settimana

All’esame dei tecnici Anas il calendario degli interventi per la messa in sicurezza del tratto tra Re e il confine di Ponte Ribellasca
Confine
18 ore

Ubriaco, forza un posto di blocco. Ripreso dopo 6 km

Movimentato fermo nella notte su ieri nel Comasco. Per eludere il controllo, l’uomo ha anche urtato un carabiniere
18.10.2021 - 08:44
Aggiornamento : 09:14

Streaming pirata: denunciato fornitore a Varese e 1’800 clienti

Gli accessi venivano concessi tramite proprie strutture informatiche dietro pagamento di un canone mensile. Denunciati per ricettazione i sottoscrittori

Un uomo residente in provincia di Varese è stato denunciato per una lucrosa attività di vendita di abbonamenti pirata in molte regioni italiane svolta attraverso internet grazie alla violazione dei diritti delle piattaforme televisive ‘Mediaset Premium‘, ’Sky’, ‘Dazn’ e ’Disney Channel’. Lo comunica la Guardia di Finanza di Varese.

L’indagato è accusato di “contraffazione, violazione della proprietà intellettuale e frode informatica”: la vendita degli accessi abusivi alle piattaforme di streaming, tramite proprie piattaforme internet, dietro versamento di un canone mensile gli ha fruttato proventi illeciti per 500.000 euro. Attraverso i contatti presenti sui siti internet (numeri di telefono, indirizzi mail, canali di messaggistica istantanea dedicati) l’offerente indagato gestiva le richieste di informazioni e la stipula dei contratti di abbonamento con i singoli “clienti” i quali, in seguito alla comunicazione del MAC Address, ricevevano il numero dell’ordine con gli estremi per l’esecuzione dei pagamenti.

Singolare che, al fine di declinare ogni responsabilità nel caso di visione di tali canali nel nostro Paese, agli abbonati era indicata anche una delle condizioni di vendita dei prodotti, con la quale sul sito “pirata” veniva espressamente comunicato ai medesimi che la visione di tali palinsesti televisivi avrebbe potuto comportare loro dei rischi collegati ai diritti esclusivi di diffusione della proprietà intellettuale.

Le indagini di polizia economico-finanziaria e gli accertamenti bancari eseguiti avvalendosi delle facoltà di polizia valutaria hanno consentito ai militari di identificare oltre 1’800 clienti che, per usufruire dell’abbonamento IPTV pirata, hanno effettuato pagamenti al reseller varesotto mediante bonifici bancari o ricariche con carte prepagate. Gli acquirenti dell’abbonamento illecito sono stati denunciati per il reato di “ricettazione” alle Procure della Repubblica territorialmente competenti dislocate sull’intero territorio nazionale.A i numerosi “sottoscrittori” di abbonamento sono state applicate sanzioni per un ammontare complessivo pari a circa 300.000 euro, mentre al “rivenditore” è stata imposta la tassazione dei proventi illeciti per circa 500.000 euro, frutto delle operazioni di vendita illegale effettuate dal 2017 al 2020. Lo stesso è stato denunciato anche per il reato di “Omessa dichiarazione” delle imposte sui redditi previsto e punito dall’art. 5 del D. Lgs. 74/2000, realizzatasi la condizione necessaria del superamento delle previste soglie di punibilità.

L’operazione delle Fiamme Gialle di Varese si è sviluppata secondo il dispositivo operativo del Corpo a tutela dei marchi, dei brevetti e del diritto d’autore in genere, a garanzia della leale concorrenza e del corretto funzionamento del libero mercato, maggiormente vulnerabile alla luce dell’attuale stato di crisi connesso all’emergenza epidemiologica, facendo leva sulle peculiari funzioni di polizia economico-finanziaria e valutaria, ed è stata condotta trasversalmente tanto sotto il profilo amministrativo-tributario quanto quello penale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
streaming varese
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved