formazza-si-scia-sulla-neve-dell-anno-precedente
ULTIME NOTIZIE Estero
l’approfondimento
3 ore

Cos’è e da dove viene Forza Nuova

Unico gruppo neofascista italiano con ambizioni elettorali, ha un passato da banda armata e un futuro molto incerto. Intanto infiammano le piazze no vax
Estero
10 ore

Caso Eitan, in Israele denunciata di furto la zia Aya

A sporgerla Etty Peleg, la nonna materna del bimbo di sei anni conteso nel processo per la sua custodia. Il verdetto potrebbe essere imminente.
Estero
11 ore

Le proteste contro il green pass non fermano l’Italia

Tensione e blocchi nei porti, ma la situazione resta sotto controllo. Boom di vaccini e tamponi dopo l’entrata in vigore dell’obbligo di pass per lavorare
afghanistan
11 ore

Nuova strage in moschea: 41 morti e 70 feriti

L’attacco è avvenuto a Kandahar, roccaforte dei talebani nel sud del Paese. Forti sospetti sull’Isis
Confine
15 ore

Varese, è l’ora del ballottaggio tra Galimberti e Bianchi

Il pronostico sembra favorire il candidato del centrosinistra, ma la Lega vuole riprendersi la ‘Città giardino’
Estero
16 ore

Regno Unito, deputato Tory accoltellato e ucciso nell’Essex

David Amess, 69 anni, è stato aggredito all’interno di una chiesa metodista durante una riunione con gli elettori
Estero
17 ore

Gli Usa riaprono i confini l’8 novembre ai viaggiatori vaccinati

Lo affermano i media americani citando un funzionario della Casa Bianca. Nella decisione sono inclusi i cittadini europei
Estero
17 ore

Dagli scavi di Ercolano emerge lo scheletro di un fuggiasco

A 25 anni dagli ultimi scavi, ritrovati i resti di un abitante dell’antica cittadina colto dalla valanga di fuoco e gas mentre tentava di fuggire in mare
Estero
18 ore

In Germania c’è l’accordo per il governo Spd-Verdi-Liberali

Lo ha dichiarato il candidato alla cancelleria dell’Spd Olaf Scholz. Si passa ora alla fase delle trattative di coalizione
Estero
18 ore

Autisti senza Green Pass, treno merci rimandato in Svizzera

6 dei 16 autisti dei Tir caricati sul treno erano sprovvisti del certificato richiesto per l’ingresso in Italia. Le Ffs hanno rimandato il treno a Briga
Afghanistan
18 ore

 Tre esplosioni in una moschea sciita a Kandahar, decine i morti

Almeno 32 persone sono state uccise e altre 53 ferite. L’attentato arriva una settimana dopo quello a Kunduz rivendicato dall’Isis
Confine
21 ore

Amalake, sinergia Ticino-Italia per il turismo sul Verbano

Al progetto di promozione turistica del Lago Maggiore partecipa per il nostro cantone l’Organizzazione Turistica Lago Maggiore e Valli
Estero
22 ore

Mafia, sequestrata casa discografica di neomelodici a Catania

La “Q Factor Records s.a.s.”, intestata ad uno dei figli del boss del rione Picanello, considerato ‘roccaforte’ dello storico clan Santapaola
Confine
 
13.10.2021 - 16:460
Aggiornamento : 17:17

Formazza, si scia sulla neve dell’anno precedente

Grazie allo snowfarming e a speciali teloni geotermici che riflettono i raggi solari UVA, è possibile conservare grossi cumuli in seguito riutilizzati

Questa (sottintesa la neve), l’ho già vista. Scherzosamente si potrebbe introdurre così il progetto, a prima vista fuori di testa, della località sciistica di Riale, in alta Valle Formazza (Ossola). Destinazione che il 30 ottobre “Torna in pista”. Lo fa, pensate un po’, con la neve riciclata della stagione scorsa grazie alla tecnica dello “snowfarming”, che permette di stendere i 6’000 metri cubi di neve stoccati ad aprile su oltre 2 km e mezzo di pista. Un’occasione – si legge nel comunicato tramesso dai responsabili della destinazione – per gli amanti di questa disciplina e per le nazionali agonistiche che potranno anticipare gli allenamenti in vista delle competizioni nazionali e internazionali.
Per il terzo anno consecutivo Riale, piccolo gioiello piemontese dell’Alta Val Formazza, a pochi passi dalla Svizzera, sarà così tra le prime località italiane ad aprire ufficialmente la stagione dello sci di fondo e ospitare, in anticipo, amatori e professionisti della disciplina.

In anticipo sulla concorrenza

Il prossimo 30 ottobre, intanto, gli oltre 2 km e mezzo dell’anello della pista di sci nordico (complessivamente lunga oltre 12 km) saranno pronti per essere “calpestati” dagli sportivi, a prescindere dalle condizioni atmosferiche in quota. Un piccolo “miracolo”, possibile grazie all’ingegno e alla caparbietà di Gianluca Barp, imprenditore turistico di Riale: dopo due anni di sperimentazioni, infatti, Barp ha affinato la tecnologia dello snowfarming e lo scorso aprile ha stoccato oltre 6’000 metri cubi di neve, quasi raddoppiando la quantità riciclata nel 2020, che ora sono in procinto di essere posati nuovamente in pista. Un modo intelligente per offrire agli atleti e alle nazionali la possibilità di anticipare gli allenamenti, in vista anche della XXIV edizione dei Giochi Olimpici invernali in programma a Pechino a febbraio 2022, e ai numerosi appassionati della disciplina l’occasione di godersi l’attività sportiva prima del solito.

I teloni geotermici che rallentano lo scioglimento della massa di neve

La tecnica dello snowfarming è diffusa nel Nord Europa, dalla Svezia alla Finlandia, ma anche in Svizzera a Davos. Barp è il primo imprenditore a livello privato ad averla testata fino a portarla a regime in Italia: una soluzione ottimale per il mercato dello sci, che richiede un inizio di stagione sempre più anticipato rispetto a un clima che, invece, ritarda l’inverno e rende sempre più difficile l’apertura degli impianti nelle date prestabilite.

I 6’000 metri cubi di neve sono stati coperti da tecnologici teli geotermici con fibre di alluminio, intervallati da strati isolanti di ovatta grazie al supporto tecnico di Snow Makers, un’azienda specializzata svizzera. I teli sono poi stati legati uno all’altro con un sistema di velcri e cuciture a filo. Questi speciali materiali di copertura garantiscono il doppio beneficio di proteggere termicamente la massa sottostante e, grazie all’azione riflettente, di non far penetrare i raggi UVA.

Un autentico richiamo per gli atleti competitori

Nel complesso, grazie al grande lavoro effettuato negli ultimi anni, Riale sta diventando sempre più un punto di riferimento per la disciplina a livello nazionale e internazionale. Alcune nazionali di sci di fondo hanno già “prenotato” il loro posto nei prossimi mesi per svolgere gli allenamenti, come quella della Polonia che a gennaio 2022 arriverà in questo angolo di Piemonte per prepararsi proprio all’appuntamento olimpico. Anche la nazionale francese ha manifestato l’interesse di venire a Riale intorno al mese di novembre.

«Anno dopo anno stiamo sempre più affinando questa tecnologia che ci sta dando grandissime soddisfazioni – spiega Gianluca Barp –. È un lavoro lungo, faticoso e non esente da rischi ma ci permette di anticipare la stagione e offrire alle nazionali interessate di tutto il mondo l’occasione unica di allenarsi prima del solito e prepararsi con calma e in tranquillità in vista dei test più probanti. Riale sta diventando sempre più un centro per lo sport ad alta quota e questo mi rende orgoglioso. Non soltanto sci di fondo, infatti, ma penso anche allo skyrunning con la Bettelmatt Ultra Trail nel periodo estivo a cui nel 2022 si aggiungeranno i mondiali di Sky Marathon. La bicicletta e il trekking grazie agli innumerevoli itinerari disponibili e ancora le ciaspolate e l’e-bike a pedalata assistita. E, presto, sveleremo altre sorprese per attirare un turismo sempre più amante della natura e delle emozioni sportive».

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved