tragedia-mottarone-mio-nipote-eitan-e-stato-rapito
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
LIVE

‘Per Mosca una telefonata tra Blinken e Lavrov ora non è utile’

Il segretario di Stato americano e il ministro degli Esteri russo non si parlano dallo scorso febbraio. Segui il live de laRegione
Estero
9 ore

In Spagna lo Stato pagherà i congedi mestruali

Primo Paese in Europa a fare una legge. Permessi speciali di durata variabile. ‘Basta andare al lavoro imbottite di pillole’
libano
9 ore

Hezbollah perde la maggioranza, ma non il potere

Entusiasmo per i 13 seggi del fronte del ‘cambiamento’, ma si teme un nuovo stallo politico, che potrebbe essere fatale con la crisi economica e sociale
Estero
10 ore

‘Il Boeing cinese è stato fatto precipitare intenzionalmente’

Qualcuno nella cabina di pilotaggio ha fatto schiantare al suolo l’aereo della China Eastern, scrive il Wall Street Journal. Erano morte 132 persone.
Confine
12 ore

‘Big’ della logistica, infiltrazioni di ’ndrangheta dal Comasco

Un affiliato ai clan residente nel Comasco si sarebbe infiltrato nei subappalti della filiale italiana della tedesca Schenker, ora commissariata
Estero
13 ore

Germania: chiesti 5 anni per una ex guardia SS di 101 anni

L’uomo è accusato di aver aiutato tra il 1942 e il 1945 a uccidere più di 3’500 prigionieri
Confine
15 ore

AlpTransit a sud di Lugano, dall’Italia passi avanti

Per potenziare il traffico merci le Ferrovie italiane stanziano 100 milioni per il centro intermodale di Milano-Segrate, 70 milioni li mette la Svizzera
Estero
17 ore

Finlandia nella Nato, arriva anche il sì finale del parlamento

Larghissima maggioranza a favore dell’adesione di Helsinki: 188 i favorevoli, 8 i contrari. La richiesta dovrà ora essere approvata da tutti i 30 membri
Estero
17 ore

Il pugno duro della Cina contro il Covid

Le misure draconiane in numerose città dipendono da considerazioni sanitarie, ma anche politiche
Estero
17 ore

Omofobia: nel mondo ancora carcere e morte per l’omosessualità

Oggi è la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. In 62 Paesi l’omosessualità è un reato punito con carcere o pena capitale
Estero
19 ore

Finlandia e adesione alla Nato, sì in Commissione parlamentare

Il parere della Commissione affari esteri segna il completamento di un’altra tappa legislativa richiesta a Helsinki per aderire all’Alleanza Atlantica
Video e Foto
Speciale Ucraina
21 ore

Kiev conferma: negoziazioni al momento sospese

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov aveva dichiarato che non si stavano svolgendo colloqui. Segui il live de laRegione
12.09.2021 - 19:17

Tragedia Mottarone: 'Mio nipote Eitan è stato rapito'

Il bambino sarebbe stato prelevato dal nonno materno e portato in Israele. A denunciare l'accaduto la zia del piccolo

di Igor Greganti/ANSA

L'assurdità e la drammaticità di quello che sta accadendo ancora al piccolo Eitan, il bambino di 6 anni unico a salvarsi dalla tragedia della funivia del Mottarone e che è stato vittima ieri di un presunto rapimento da parte del nonno materno, è riassunta nelle parole di un legale che assiste proprio quell'uomo, Shmuel Peleg, ma solo sul fronte dei risarcimenti. «È stata una doccia fredda, avevo sconsigliato di fare questa guerra sulla pelle del minore», ha spiegato l'avvocato Franz Sarno, mentre la Procura di Pavia ha aperto un'inchiesta per sequestro di persona.

Un'indagine che ovviamente porta all'iscrizione nel registro degli indagati di Peleg, che ieri, dopo una visita che gli era stata concessa, non solo non ha riportato il piccolo nella casa di Travacò Siccomario (Pavia) della zia paterna, Aya Biran, nominata dai giudici tutrice legale, ma a bordo di un volo privato, come pare, è tornato assieme a lui in Israele per "consegnarlo" al ramo materno della famiglia. Una «mossa unilaterale e gravissima», come l'ha definita la stessa Aya, sorella del padre morto il 23 maggio così come la madre del piccolo, il fratellino e i bisnonni. E che può costargli pure l'accusa di "sottrazione internazionale di minore", oltre che l'emissione di un mandato di cattura, mentre nelle indagini della polizia, coordinate dall'aggiunto Mario Venditti e dal pm Roberto Valli, si indaga anche su coloro che avrebbero aiutato il nonno a mettere in atto il rapimento. Intanto, la zia paterna fa notare che Peleg "è stato condannato in Israele per maltrattamenti nei confronti della sua ex moglie", nonna materna di Eitan, "in tre gradi di giudizio".

È in atto, dunque, con sullo sfondo anche interessi economici, una partita delicatissima proprio con al centro un bimbo che, dopo ciò che gli è accaduto, avrebbe diritto solo a una vita «il più possibile normale», parole della zia Aya. Partita che passa per i contatti tra l'autorità giudiziaria pavese e quella israeliana, per i canali della Farnesina, ma anche per diverse battaglie giudiziarie in Italia e nel Paese mediorientale. Con la prospettiva, però, che il rientro in Italia di Eitan possa essere molto complicato. «Seguiremo l'indagine e cercheremo di collaborare come meglio possibile, per fare in modo che il bimbo torni nel più breve tempo in Italia, siamo molto preoccupati per la sua salute, anche psicologica, è un fatto estremamente grave», ha spiegato l'avvocato Armando Simbari, legale che assiste la zia paterna.

«Abbiamo agito per il bene di Eitan», ha detto, invece, Gali Peleg, la zia materna, che già nei mesi scorsi aveva rivendicato il fatto che il bimbo dovesse vivere con lei. E ha raccontato persino che «Eitan ha urlato di emozione quando ci ha visto e ha detto 'finalmente sono in Israele'». Il dato di fatto è che prima il Tribunale di Torino e poi quello di Pavia, come hanno spiegato Aya e i suoi legali (tra cui anche una "protutrice", l'avvocato Barbara Bertoni), hanno confermato la tutela legale in capo alla zia paterna, in vista del procedimento sull'affidamento. «L'ordine della giudice, le mie richieste e le richieste ai legali della famiglia Peleg sono stati ignorati», ha chiarito Aya uscendo per pochi minuti dalla sua casa per parlare coi cronisti.

Come riferito dal legale Sara Carsaniga, che rappresenta la famiglia materna, è fissata per il 22 ottobre al Tribunale per i minorenni di Milano un'udienza sul "reclamo" contro la nomina della tutrice. Il Tribunale di Pavia, però, aveva già ordinato alla famiglia Peleg di consegnare ad Aya, entro il 30 agosto, il passaporto israeliano del bambino che, invece, «era in possesso, per motivi non chiari, del nonno materno». Passaporto con cui Peleg sarebbe riuscito a passare i controlli e a partire col piccolo. Era andato a prenderlo a casa alle 11.30. «Hanno parcheggiato lontano», ha spiegato Aya. Con lui probabilmente c'era la nuova moglie. Eitan era contento, ha raccontato la zia, perché sapeva che sarebbe andato a comprare "un giocattolo".

Dovevano rientrare alle 18.30, ma dopo inutili tentativi di chiamate ad Aya è arrivato solo un messaggio: «Eitan è tornato a casa». Ora, ha detto la donna in lacrime, «il suo letto è vuoto, Pavia è la sua città, lui è un cittadino italiano». Da riportare a casa. Domani avrebbe dovuto iniziare le Elementari all'Istituto Canossiane.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eitan mottarone tragedia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved