lombardia-si-stringe-il-cerchio-attorno-ai-sanitari-no-vax
Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
2 ore

Dogana Oria Valsolda, chiusa la galleria per caduta di pannelli

Il traffico è dirottato sulla vecchia statale Regina. Non si segnalano feriti
Estero
3 ore

Pedopornografia online, arrestate 13 persone in tutta Italia

L’indagine si è avvalsa di agenti infiltrati in canali di chat e nel dark web. I supporti con i file erano nascosti anche in scatole di farmaci e provette
el salvador
5 ore

Bukele, ‘il dittatore più figo del mondo’

Il presidente populista scrive sul suo profilo Twitter "El dictador más cool del mundo mundial”. Un personaggio fuori dalle righe tra bitcoin, clientelismo e minacce
afghanistan
12 ore

Il Pakistan: ‘Anti-islamico vietare la scuola alle donne’

Intanto i Talebani annunciano i viceministri, ancora tutti uomini
vaticano
12 ore

‘Qualcuno mi voleva morto e preparava il conclave’

Lo sfogo di Papa Francesco: ‘Sono in ottima forma, ma certe critiche mi fanno perdere la pazienza. La Chiesa non abbia paura ad affrontare le diversità sessuali’
iran
12 ore

Raisi: ‘Pronti a negoziare per porre fine alle sanzioni’

Apertura del nuovo presidente sul nucleare e un attacco diretto a Washington: ‘Cacciati dai talebani, l’egemonia Usa ha miseramente fallito’
Estero
12 ore

Joe Biden all’Onu: ‘No a una nuova Guerra fredda’

‘Sì a competizione con la Cina, ma non conflitto’. Mano tesa all’Europa dopo il caso dei sottomarini nucleari
stati uniti
12 ore

Agenti a cavallo frustano migranti al confine

Così la polizia americana cerca di frenare l’ondata in arrivo da Haiti. Le immagini imbarazzano la Casa Bianca: ‘È orribile’
Estero
16 ore

Hackerato e postato online il Green Pass di Macron

Il codice Qr del certificato vaccinale del presidente francese è stato piratato e diffuso su diversi social
Confine
17 ore

Paratie di Como, ritardi e costi supplementari

Alla base del problema ci sono delle difficoltà incontrate durante i lavori. Ristoranti e alberghi della zona dovranno avere pazienza
Estero
17 ore

Covid, l’Argentina allenta e riapre agli stranieri

Il governo del Paese sudamericano ha annunciato l’abolizione della mascherina all’aperto e la progressiva riapertura delle frontiere
Estero
1 gior

Corte di Strasburgo: la Russia colpevole dell’assassinio Litvinenko

La Corte europea dei diritti umani ha sentenziato sull’avvelenamento dell’ex spia
Estero
1 gior

Il presidente di El Salvador si dichiara ‘dittatore’ su Twitter

Nayib Bukele nella biografia sull‘account si presenta come ‘Il dittatore più figo del mondo mondiale’. Fino a ieri era solo ’Dittatore di El Salvador’
Estero
1 gior

Canada, i liberali di Trudeau vincono senza maggioranza assoluta

Lo hanno annunciato ieri i media del Paese. ‘Un chiaro mandato per superare questa pandemia’ è il commento del neorieletto primo ministro
Confine
29.07.2021 - 18:350
Aggiornamento : 19:39

Lombardia, si stringe il cerchio attorno ai sanitari ‘no–vax’

Avviate 1’800 sospensioni per il personale che rifiuta la vaccinazione contro il Covid–19. Solo il 2% di essi lavora nel settore ospedaliero

In Lombardia, regione che in Italia a causa del Covid 19 ha pagato in fatto di vite umane andate perse il prezzo più alto (39mila decessi, un terzo rispetto il dato nazionale), si sta stringendo il cerchio attorno ai sanitari ‘no–vax’ che hanno posto in discussione l’obbligo vaccinale contemplato dal decreto legge 44 del 1° aprile 2021. In questi giorni a Milano ci sono stati i primi due licenziamenti di medici non vaccinati. Si tratta di due dottoresse che non esercitano in ospedale.

Al momento sono 2’900 in Lombardia i sanitari che rischiano provvedimenti disciplinari. Pochi però sono medici e infermieri d’ospedale, molti invece i professionisti privati fra cui veterinari, fisioterapisti e addetti di laboratorio. Un numero destinato a crescere in quanto sotto esame c’è la posizione di almeno altri 9mila sanitari. Nel frattempo sono già 1’800 le sospensioni avviate venerdì scorso e di cui ha dato notizia la direzione regionale Welfare. Di queste 1’300 solo nel territorio delle Agenzie di tutela della salute (Ats) di Milano, Monza–Brianza e Lodi, 230 a Brescia, 122 a Pavia, 60 all’Ats Insubria (30 a Varese, un numero analogo a Como, 50 a Bergamo e Valpadana). L’accelerazione è stata decisa a seguito di un intervento del Ministero della Salute che ha sollecitato l’avvio di altre procedure, con la verifica dei requisiti e poi eventualmente di una sospensione.

In Lombardia si era partiti da 49mila sanitari (su 260 mila), non tutti tendenzialmente ‘no–vax’, di cui a inizio maggio non risultava la vaccinazione, né l'appuntamento per farla. Il 44 per cento si è immunizzato di recente. Un’accelerazione per la fissazione dell'appuntamento è inoltre avvenuta negli ultimi giorni dopo che il governo Draghi ha deciso di estendere l’obbligo del certificato verde o ‘green pass’ (oggi limitato alle residenze per anziani, alle feste di matrimonio e alle sale d'attesa dei pronto soccorso) consentendo solo a chi è immunizzato o ha un tampone negativo l’ingresso nei luoghi più affollati, soprattutto al chiuso. Il green pass servirà a partire dal 6 agosto agli over 12 in zona bianca per l’accesso a eventi sportivi, fiere, congressi, musei, parchi tematici e di divertimento, centri termali, sale bingo e casinò, teatri, cinema, concerti, concorsi pubblici, ma anche per sedersi ai tavoli al chiuso di bar e ristoranti (non sarà invece necessario per consumare al bancone e neppure all'aperto). Necessario pure in piscine, palestre, sport di squadra, centri benessere, limitatamente alle attività al chiuso, come pure per viaggiare su treni, navi e areoplani. Il green pass consente anche, da subito, di entrare nei reparti ospedalieri per far visita ai familiari ricoverati.

In cosa consistono le misure contro il personale sanitario non ancora vaccinato? Cioè i provvedimenti previsti dal Decreto Covid dell'aprile scorso per medici e operatori che lavorano in strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali pubbliche e private (come le case di riposo per anziani), in farmacie, para farmacie e studi professionali? In sanzioni “progressive” che partono dalla sospensione del diritto di svolgere mansioni che implicano il rischio di diffusione del contagio da Covid, per cui, dove è possibile, si procede allo spostamento ad altra mansione. Laddove questo non è fattibile scatta la sospensione senza stipendio, per ora non oltre il 31 dicembre 2021. 

Stando ai riscontri di sindacati e Ordini professionali di medici e infermieri della Lombardia, fra i 1’800 sanitari per i quali è stata avviata la sospensione solo il 2 per cento sarebbe rappresentato da medici e infermieri operanti nel settore ospedaliero e delle case di riposo dove maggiore è il rischio di generare focolai che possono coinvolgere pazienti già fragili. Una percentuale che oltre a poter diminuire sembra aver allontano la preoccupazione degli ospedali che temevano di vedersi privare di una necessaria forza lavoro. Insomma, non sembra esserci il rischio che con la sospensione di medici e infermieri ospedalieri si possa in qualche modo inceppare la funzionalità degli ospedali.

Intanto, presso i Tribunali amministrativi regionali di Milano e Brescia continua la battaglia legale di 500 camici bianchi che, per motivi ideologici, sono contrari al vaccino anti Covid. I Tar di Milano e Brescia lo scorso 14 luglio hanno incominciato a esaminare i ricorsi nei confronti delle Ats lombarde. I sanitari ricorrenti sostengono che “non si tratta di una battaglia ‘no–vax’, ma di una lotta democratica”, in quanto “l’obbligatorietà della vaccinazione per la prevenzione dal Covid 19 per determinate categorie di soggetti si fonda sulla legittimità costituzionale, sotto plurimi profili di diritto interno e diritto europeo”. Il ricorso al Tar non sembra aver frenato la determinazione del Welfare regionale di stringere il cerchio attorno ai sanitari contrari alla vaccinazione. Da più parti si sostiene che sarebbe già stato perso troppo tempo. L’adozione dei provvedimenti contenuti del decreto Covid dello scorso aprile sarebbero dovuti già stati presi nello scorso luglio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved