funivia-del-mottarone-si-indaga-sulle-telefonate
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
29 min

‘Big’ della logistica, infiltrazioni di ’ndrangheta dal Comasco

Un affiliato ai clan residente nel Comasco si sarebbe infiltrato nei subappalti della filiale italiana della tedesca Schenker, ora commissariata
Estero
1 ora

Germania: chiesti 5 anni per una ex guardia SS di 101 anni

L’uomo è accusato di aver aiutato tra il 1942 e il 1945 a uccidere più di 3’500 prigionieri
Confine
3 ore

AlpTransit a sud di Lugano, dall’Italia passi avanti

Per potenziare il traffico merci le Ferrovie italiane stanziano 100 milioni per il centro intermodale di Milano-Segrate, 70 milioni li mette la Svizzera
Estero
5 ore

Finlandia nella Nato, arriva anche il sì finale del parlamento

Larghissima maggioranza a favore dell’adesione di Helsinki: 188 i favorevoli, 8 i contrari. La richiesta dovrà ora essere approvata da tutti i 30 membri
Estero
5 ore

Il pugno duro della Cina contro il Covid

Le misure draconiane in numerose città dipendono da considerazioni sanitarie, ma anche politiche
Estero
5 ore

Omofobia: nel mondo ancora carcere e morte per l’omosessualità

Oggi è la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. In 62 Paesi l’omosessualità è un reato punito con carcere o pena capitale
Estero
7 ore

Finlandia e adesione alla Nato, sì in Commissione parlamentare

Il parere della Commissione affari esteri segna il completamento di un’altra tappa legislativa richiesta a Helsinki per aderire all’Alleanza Atlantica
Video e Foto
Speciale Ucraina
LIVE

Kiev conferma: negoziazioni al momento sospese

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov aveva dichiarato che non si stavano svolgendo colloqui. Segui il live de laRegione
14.06.2021 - 15:40
Aggiornamento : 16:04

Funivia del Mottarone, si indaga sulle telefonate

I contenuti dei cellulari di tecnici e dipendenti al vaglio degli inquirenti. Potranno essere di aiuto per capire chi era a conoscenza dell'uso dei 'forchettoni'

Stamane la Procura di Verbania ha affidato al consulente tecnico Michele Vitiello l’incarico di estrarre i contenuti dei cellulari degli indagati per i fatti del Mottarone che hanno causato la morte di 14 persone. Si tratta di una procedura essenziale per lo svolgimento delle indagini: il caposervizio Gabriele Tadini aveva riferito alla procuratrice della Repubblica, Olimpia Bossi, che almeno altre due persone fossero a conoscenza dell’uso dei “forchettoni” (le ganasce che vengono inserite per bloccare il sistema frenante, utilizzate più volte per evitare i continui blocchi della cabinovia). Con l’analisi dei contenuti dei cellulari si potrebbero quindi verificare eventuali comunicazioni. Gli altri due sono Luigi Nerini, gestore delle “Ferrovie del Mottarone”, e quindi della funivia di Stresa, ed Enrico Perocchio, consulente. Entrambi sono iscritti nel registro degli indagati come Tadini che però si trova agli arresti domiciliari dopo aver confessato di essere stato lui ad inserire i “forchettoni”.

E’ stato l’avvocato di quest’ultimo, Marcello Perillo, ad aver fatto richiesta dell’incidente probatorio accolto sabato dalla giudice per le indagini preliminari, Elena Ceriotti. L'incidente probatorio è finalizzato alla perizia della cabinovia, della fune e del sistema di sicurezza, a cui avranno accesso i periti degli indagati, della procura e di quanti si sono dichiarati parte civile. L'udienza è stata fissata l'8 luglio al Tribunale di Verbania. Qui verranno definite le date dei sopralluoghi, e ammessi tecnici interessati dalla perizia. La procura sabato ha nominato, quale parte componente del collegio peritale, il professore Antonio De Luca del dipartimento d'ingegneria dell'Università di Napoli Federico II. La procura avrà tempo fino al 6 luglio per iscrivere eventualmente altri sospetti nel registro degli indagati, altrimenti eventuali periti di chi venisse indagato in seguito, non potrebbero partecipare all'incidente probatorio. Ecco perché per la procura di Verbania è essenziale raccogliere eventuali altri indizi nel più breve tempo possibile. Due al momento, quindi, i fronti: l’analisi di telefonate e messaggi sui cellulari e quelle tecniche sulla cabinovia.  Perillo aveva chiesto l’incidente probatorio per mettere pressione sugli inquirenti ed evitare che eventuali indizi venissero meno col trascorrere del tempo essendo la cabinovia esposta agli agenti atmosferici. I vigili del fuoco stanno ancora cercando un modo per trasportarla in sicurezza dal luogo dell’incidente, sul Mottarone, dove è stata coperta con dei teli, in laboratorio. L’avvocato di Tadini, Perillo, si è dichiarato “molto soddisfatto dell’accoglimento dell’incidente probatorio, la guerra è lunga, ma abbiamo vinto una prima battaglia”. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
funivia mottarone incidente mottarone
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved