ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
45 min

‘Dopo i tank ci saranno anche gli aerei’

Kiev torna a invocare i caccia ‘per salvare più vite’, mentre prosegue la feroce battaglia a Bakhmut
Estero
57 min

Usa, Cina e la crisi del pallone-spia

Mentre gli Stati Uniti lavorano al recupero dei detriti, sull’incidente restano ancora molti punti oscuri
Estero
7 ore

In Iran l’ayatollah concede la grazia a migliaia di prigionieri

Esclusi dal provvedimento gli accusati di ‘spionaggio, contatto con agenti stranieri, omicidio, distruzione e incendio doloso di proprietà di Stato’
Estero
7 ore

In Germania caccia al lupo ‘killer’ della pony di Von der Leyen

L’esemplare Gw950m è ricercato nella regione di Hannover dove è inserito nella lista degli animali da abbattere, ma finora si è dato alla fuga
Confine
9 ore

Con la marijuana in casa: un coinquilino li denuncia

Due giovani in manette a Ponte Chiasso. I poliziotti li hanno trovati con oltre 600 grammi di ‘erba’ e soldi
Estero
10 ore

È morto l’ex presidente del Pakistan Musharraf

Aveva 79 anni ed era malato da tempo. Era salito al potere nel 1999 con un colpo di Stato per poi dimettersi nel 2008 per evitare l’impeachment
Confine
10 ore

Como, malore e infortunio allo stadio durante la stessa partita

Un 23enne è stato colto da arresto cardiaco, mentre un 46enne è caduto procurandosi un trauma facciale. Entrambi sono stati soccorsi e portati in ospedale
Estero
11 ore

‘Almeno 3 i palloni-spia cinesi sopra gli Usa sotto Trump’

Lo ha dichiarato un alto funzionario della difesa statunitense. Ieri è stato abbattuto l’apparecchio avvistato sopra una base americana
31.05.2021 - 09:36
Aggiornamento: 15:47

Mottarone, il direttore tecnico: ‘Non sapevo dei forchettoni’

Perocchio, intervistato dalla Stampa: “Colorati di rosso su mia iniziativa. Se avessi visto, li avrei fatti togliere immediatamente”

mottarone-il-direttore-tecnico-non-sapevo-dei-forchettoni
Key
S'indaga sulla sciagura della funivia

«Io non sapevo dei forchettoni. Se avessi saputo non avrei avallato quella scelta. Lavoro negli impianti a fune da ventuno anni e so che quelle sono cose da non fare mai, per nessuna ragione al mondo». Lo ha detto, in un'intervista alla Stampa, l'ingegnere Enrico Perocchio, direttore tecnico della funivia del Mottarone, dopo la scarcerazione.

«Sono stati sei giorni pesantissimi: questa accusa è devastante. Ora sono finalmente un po' sollevato. Torno in famiglia», aggiunge. E sui lavori di manutenzione all'impianto chiarisce: «Tutte le manutenzioni sono state fatte. Era tutto a posto. Ora vedremo le analisi sulla rottura della fune per capirne le ragioni».

«Se mi fosse caduto l'occhio sui forchettoni, colorati di rosso proprio per iniziativa mia, che li volevo ben visibili, li avrei fatti togliere immediatamente», aggiunge Perocchio.

«Insomma è stato un errore mettere i forchettoni per ovviare a un problema che si poteva o risolvere. Bastava chiudere l'esercizio uno o due giorni, basta bloccare la funivia e si risolveva il problema. Questo è un periodo di bassa stagione», afferma il direttore tecnico della funivia.

La Procura: “Scarcerazioni, non assoluzioni”

«Questa non è una sentenza di assoluzione, è solo una fase cautelare. Non la vivo come una sconfitta sul piano investigativo anche perché è stata accolta la nostra configurazione giuridica dei reati e quindi il nostro impianto accusatorio. Non ho mai considerato l'indagine chiusa e nemmeno in una fase avanzata. In ogni caso non finisce qui, le indagini continuano per accertare tutte le responsabilità». Così, dopo la scarcerazione dei tre indagati, parla la procuratrice capo di Verbania Olimpia Bossi in un'intervista a Repubblica.

Sui fermi dei tre indagati, il magistrato spiega: «Non parlerei di fretta, ma di urgenza. Il pomeriggio di martedì ci siamo trovati di fronte a una persona che ha reso piena confessione con dichiarazioni attendibili che parlavano di un gesto, quello di mettere i forchettoni ai freni, che era frutto di una scelta volontaria, deliberata e reiterata che andava avanti da oltre un mese, ma secondo i nostri riscontri anche da più tempo».

Una persona che ha detto che altre persone sapevano. A quel punto abbiamo avuto la necessità di impedire che quelle persone si potessero mettere d'accordo per concordare una versione dei fatti».

La stessa procuratrice in un'intervista al Corriere della Sera nega che le scarcerazioni siano state una sconfitta: «No, è un passaggio della normale dialettica processuale. Le indagini sono appena all'inizio e proseguono nei confronti dei tre indagati per reati gravissimi. Dal punto di vista della correttezza dell'impostazione accusatoria il giudice non ha avuto nulla da obiettare».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved