laRegione
covid-a-como-e-varese-ospedali-al-limite
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

Anche un ticinese a processo a Milano per bancarotta

L'uomo è fra i quattro imputati in una vicenda legata a una società immobiliare comasca. Tra loro un architetto e l'ex Teste Omega
Confine
9 ore

In Valle Vigezzo sembrerebbe tornato il lupo

È la conclusione del servizio veterinario dell'Azienda sanitaria locale del Verbano-Cusio-Ossola, a seguito di un'analisi su un capo di bestiame morto
Estero
11 ore

Belgio, ladro colpisce la dipendente con le cipolle

Dopo aver rubato merce in un negozio, l'uomo ha allontanato la cassiera che cercava di fermarlo con un sacco di ortaggi. Arrestato l'indomani dalla polizia
Confine
11 ore

Domodossola, cancellate due corse di treni

A causa del maltempo la Ferrovia Vigezzina ha deciso di cancellare un diretto per Locarno e quello da Camedo al capoluogo ossolano
Estero
11 ore

USA, Fauci nello staff del presidente Biden

Criticato dall'amministrazione Trump, che voleva licenziarlo, il virologo andrà a rinforzare la squadra anti pandemia come capo consulente medico
Estero
22 ore

Pussy Riot, due arresti a Mosca

Due donne fermate perché accusate di aver violato ripetutamente le regole delle manifestazioni
coronavirus/2
22 ore

Natale blindato in Italia Scuola e sci dal 7 gennaio

Pubblicato il decreto. Cosa si può e non si può fare
Stati Uniti
23 ore

Usa, quasi 3'000 morti in 24 ore, è un altro 11 settembre

Il numero delle vittime di mercoledi, oltre 2'880 è il più alto registrato dall'inizio della pandemia. Paura per conseguenze del Thanksgiving Day trascorso
Italia
1 gior

993 morti in Italia in 24 ore, mai così tanti

Dall'inizio della pandemia la cifra dei decessi giornalieri non era mai stata così alta. Stabile tuttavia al 10,2% il tasso di positività
Estero
1 gior

'Un vaccino non annulla i danni che si estenderanno per anni'

Lo ha detto il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, aprendo i lavori al summit sul Covid a New York
Confine
11.11.2020 - 20:010

Covid, a Como e Varese ospedali al limite

Mancano posti letto oltre a medici e infermieri. È però improbabile una precettazione del personale sanitario lombardo attivo in Ticino

«Stiamo facendo uno sforzo titanico: i nostri ospedali, soprattutto in alcune province come quelle di Como e di Varese, stanno arrivando a saturazione». Afferma Giulio Gallera, assessore al Welfare di Regione Lombardia che conferma come il sistema sanitario lombardo è al limite. Stanno infatti mancando strutture, infrastrutture e anche personale medico e infermieristico, anche perché le assenze sono in crescita. Per rendersene conto è sufficiente guardare ai dati che giungono dai due ospedali comaschi, il Sant’Anna e il Valduce. Al Sant’Anna sono 144 i contagiati, fra medici e infermieri, ai quali si debbono aggiungere altri 52 obbligati a stare in quarantena per essere stati in contatto con persone infettate. Al Valduce, invece, fra medici e infermieri, sono un centinaio i contagiati.

Analoga la situazione negli ospedali di Varese. In questa situazione di emergenza c’è da chiedersi se l’Italia possa o intenda precettare medici e infermieri che giornalmente varcano il confine per lavorare nel settore sanitario ticinese. Medici e infermieri frontalieri provenienti per lo più dalle province pedemontane lombarde aggrappate al Canton Ticino. Un tema di cui si è parlato a lungo nel marzo scorso in occasione della prima ondata di Covid-19 e che è tornato di stretta attualità anche alla luce della situazione in Italia, ma soprattutto in Lombardia e nelle province di Varese e Como, che propone dati sempre più allarmanti.

Il tema è stato sollevato anche da una interpellanza al Consiglio di Stato dai deputati democentristi Tiziano Galeazzi e Roberta Soldati, Edo Pellegrini (Udf) e Lelia Guscio e Stefano Tonini (Lega dei ticinesi). “Qualora la situazione dovesse aggravarsi ulteriormente in Italia e quest’ultima dovesse precettare parte del personale socio-sanitario italiano che lavora in Ticino, come si riorganizzerebbe il sistema sanitario cantonale? C’è un piano o delle misure d’urgenza per far fronte a tale situazione? Se sì quali? Se no, perché non si è pianificato questa possibilità?”: gli interrogativi posti dagli interpellanti. Per comprendere la portata del problema, alcune cifre: sono oltre 4’100 i frontalieri occupati in Ticino nel settore della sanità. E stando alle ultime statistiche ufficiali all’Ente ospedaliero cantonale lavorano 668 fra medici e infermieri, pari al 12% dell’insieme dei dipendenti dell’Eoc. Cifre che stanno a dimostrare che senza frontalieri le strutture sanitarie ticinesi rischierebbero di fermarsi.

Pur in presenza della drammatica situazione in cui si trovano numerosi ospedali lombardi, incominciando da quelli di Como e Varese, la precettazione di medici e infermieri frontalieri, sembra più virtuale che reale, in quanto non potrebbe essere decisa con un Dcpm o con un decreto ministeriale, men che meno da un decreto regionale, in quanto si scontrerebbe con l’articolo 23 della Costituzione italiana che recita ‘Nessuna prestazione personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge’. Tocca quindi al Parlamento legiferare.

Nel frattempo i letti negli ospedali dei due capoluoghi di provincia sono praticamente tutti occupati. Molti pazienti vengono trasferiti a Bergamo, Brescia, Lecco e Sondrio. I contagi ieri in Lombardia, pur in presenza di un numero maggiore di tamponi, sono calati: 8’180 (10’955 il giorno precedente). In calo anche a Varese 943 (3’081) e a Como 958 (1’356). Sono però aumentati i decessi: 152 (129).

© Regiopress, All rights reserved