laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
10 ore
Croazia, si confermano i conservatori
Gli exit poll attribuiscono 62 seggi su 151 seggi in parlamento al partito del premier uscente Plenkovic. Bene la destra e la coalizione Verdi/sinistra radicale.
Estero
11 ore
Nuovo lockdown in Spagna: dopo la Catalogna, la Galizia
Il virus non dà tregua, 530mila morti nel mondo. Stati Uniti, Brasile e Israele in piena emergenza. Preoccupa la situazione in India.
Confine
16 ore
Svizzeri multati a Como: difficile risalire ai nominativi
Il comandante della Polizia cittadina denuncia: 'I nostri vicini non ci forniscono più i dati per risalire agli automobilisti indisciplinati'
Estero
19 ore
Maltempo in Giappone, 18 vittime e 14 dispersi
Si aggrava il bilancio delle piogge torrenziali che hanno provocato l'inondazione di ampie aree delle prefettura di Kumamoto
Estero
19 ore
5G, Boris Johnson pronto a bandire Huawei
Il premier ha ventilato l'intenzione di eliminare gradualmente la tecnologia della società cinese dalla rete 5G britannica
Estero
21 ore
Il virus continua a diffondersi in Messico
Oltre 30mila vittime e 252mila casi dall'inizio della pandemia. Il Paese è il quinto nel mondo per numero di decessi.
Estero
22 ore
Croazia, aperti i seggi per le elezioni politiche
Il voto si svolge in una situazione tesa a causa della sensibile ripresa dell'epidemia di coronavirus. Si teme influisca sull'affluenza
Estero
22 ore
Usa, festeggiamenti alla Casa Bianca senza distanza fisica
Poche le mascherine indossate durante le cerimonie per l'Indipendenza. Intanto, i contagi nelle ultime 24 ore sono stati 43mila, in leggera flessione
Confine
02.06.2020 - 08:560

Coleottero killer del faggio: primo allarme dal Piemonte

Il temuto curculionide sta colpendo i boschi a nord di Biella, situati a soli cento chilometri dal Ticino

È l'inizio di giugno a già presentano i tipici colori dell'autunno. C'è qualcosa che non quadra nei boschi situati a nord di Biella, nella Valle Cervo, conosciuta anche per l'importante presenza di faggete che ne caratterizzano i boschi secolari. Faggi che in questo periodo dovrebbero verdeggiare e invece le foglie già volgono al marrone. L'allarme viene riportato dalla 'Stampa' e il problema, circoscritto per ora a quella zona prealpina, non sembra toccare al momento anche il Ticino che dista in linea d'aria solo un centinaio di chilometri. E i cui boschi hanno proprio nel faggio il secondo albero per importanza di presenza (18%) - dopo il castagno (20) e prima dell'abete rosso (17) - equamente suddivisa fra Sopra e Sottoceneri. 

La conferma

In Valle Cervo - spiega il giornale di Torino - il colpevole è un minuscolo insetto che in milioni di esemplari ha attaccato la macchia verde incuneata sul torrente Cervo. I boschi "non hanno avuto tregua e in poche settimane, malgrado l’estate sia agli inizi, molte piante dal lungo ed elegante tronco grigio ora mostrano una chioma che ha colori autunnali". Il primo a essere informato - prosegue l'articolo - è stato Alfredo Sunder, esperto botanico e fitopatologo già impegnato, nel Biellese, nella guerra al cinipide dei castagni, lo stesso che negli anni passati ha causato importanti danni anche in Ticino, compromettendo i raccolti del frutto autunnale. Le analisi hanno permesso di capire che i faggi sono stati attaccati da un piccolo coleottero, il curculionide, molto temuto anche in Canada. Dal canto suo il Settore Fitosanitario della Regione Piemonte ha poi purtroppo confermato le supposizioni.

Infestazioni elevate e la soluzione è... indigena

L’insetto è presente in quasi tutta l'Europa. Il nome curculionide deriva dalla forma particolare del capo che presenta una piccola proboscide detta rostro. La dimensione dell'adulto è di 2-3 millimetri. L’insetto depone le uova sui germogli, le larve che si sviluppano scavano delle gallerie per nutrirsi tra le due lamine e per questo vengono dette larve minatrici. Il danno si manifesta sulle giovani foglie del faggio che vengono bucherellate (la manifestazione viene detta impallinatura). Nelle altre vallate biellesi al momento non ci sono state segnalazioni. La diffusione sembra essersi fermata nella zona del Cervo e, secondo gli esperti, in un paio d'anni la sofferenza passerà, ma intanto il verde è visibilmente danneggiato. «Il disseccamento delle foglie di quasi tutta la pianta conferisce un aspetto marrone della chioma che si evidenzia bene poi nell'insieme del bosco - prosegue Sunder nell'articolo della 'Stampa' -. Di solito il curculionide colpisce le piante marginali e non crea grandi danni, tranne in annate particolari, come questa, con infestazioni elevate che in Valle Cervo hanno interessato tutti i faggi. Non si può fare nulla, si parla di milioni di esemplari, ma essendo un insetto indigeno fortunatamente il coleottero ha degli antagonisti naturali che provvederanno a limitarne le popolazioni nel tempo».

© Regiopress, All rights reserved