Confine
15.10.2018 - 12:440

'Vendesi villa a 100 milioni di euro, astenersi perditempo'

Villa Passalacqua a Moltrasio è in vendita. Al suo interno Vincenzo Bellini scrisse 'Norma' (affrettatevi, c'è tempo solo fino al 31 ottobre...)

"Vendesi villa sul lago di Como". E che villa viene spontaneo osservare, visto che costa 100 milioni di euro. Il prezzo più alto sin qui richiesto, anche perché quelle più costose non sono in vendita: Villa d'Este di Cernobbio, Villa Olmo a Como, Villa Carlotta a Cadenabbia e Villa Serbelloni a Bellagio. L'annuncio immobiliare, fra i più costosi in Europa, riguarda Villa Passalacqua a Moltrasio. La proprietà ha deciso di metterla in vendita affidandosi a Concierge Auctions, agenzia immobiliare americana specializzata in immobili di lusso che definisce le strutture trattate "i Picasso delle proprietà".

Costruita nel XVIII secolo, Villa Passalacqua è riconosciuta come monumento nazionale d’Italia, avendo ha ospitato una serie di personaggi significativi della politica, dell’arte e della musica, tra cui l’ex primo ministro britannico Winston Churchill. Incorpora affreschi dipinti dal famoso artista neoclassico Andrea Appiani, capo artista di Napoleone Bonaparte, e uno scalone monumentale decorato da un bronzo di Auguste Rodin. Negli anni, la villa ha ospitato alcuni degli eventi più glamour d’Europa. Vincenzo Bellini visse alla Passalacqua dal 1829 al 1833, componendo le opere 'Sonnambula' e 'Norma', rese celebre anche grazie a Giuditta Angiola Maria Costanza Pasta, mezzosoprano e soprano italiano considerato come la più celebre cantante lirica del XIX secolo. L'incontro tra la Pasta e il compositore catanese fu fondamentale per entrambi: la cantante trovò nel giovane musicista l'unica persona capace di mettere in risaltro le sue doti, mentre Bellini trovò l'interprete ideale, l'unica che grazie ai ricchi messi vocali soddisfacesse pienamente la sua verve creativa e sperimentale.

Situata in un terreno di 4,6 ettari, Villa Passalacqua fu costruita per volere della famiglia Odescalchi di Como. Nel 1787 fu acquistata dal conte Andrea Luccini-Passalaqua, che assunse i migliori architetti e designer del tardo XVII secolo. Progettata per intrattenere, la casa principale offre un totale di 2.462 metri quadrati di spazio vitale, tra cui sale affrescate e nove camere da letto. Una guesthouse all’interno del parco offre altre sei camere da letto di oltre 372 metri quadrati. Internamente, la proprietà è piena di mobili antichi, lampadari veneziani e raffinati soffitti intagliati, mentre le cucine e i bagni includono finiture contemporanee. Sotto i giardini ci sono circa 1.028 metri quadrati di gallerie mozzafiato, cantine e stanze sotterranee e passerelle che collegano la villa principale al lungolago. Le spettacolari gallerie sotterranee in pietra consentono agli ospiti di godersi la darsena e il lago senza dover mai lasciare la proprietà. Su appuntamento, si può visitare tutti i giorni dalle 13 alle 16. Mercoledì 31 ottobre è il giorno dell'asta.

© Regiopress, All rights reserved