laRegione
Nuovo abbonamento
materie-prime-per-due-giorni-lugano-capitale
Marco Passalia, segretario generale della Lcta (foto Lcta)
+1
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
14 ore
Lonza si avvicina al vaccino e vola in Borsa
L'inizio della fase finale dei test è previsto per il 27 di luglio. L'azineda renana produrrà il principio attivo del vaccino
Economia
1 gior
La Svizzera e il Liechtenstein modificano la Convenzione sulle doppie imposizioni
Firmato a Berna il nuovo Protocollo che passa ora al vaglio dei legislativi dei due Paesi
Economia
1 gior
Swatch, nonostante il tonfo, nessun licenziamento in Svizzera
'Non siamo un gruppo che licenzia, anche in tempi di crisi'. Durante la seconda metà del 2020 ci si attende comunque un ritorno alla normalità
Economia
1 gior
Swatch: crollano le attività, persi 308 milioni in 6 mesi
Un anno fa l'utile superava i 400 milioni. Chiuso temporaneamente l'80% dei canali di vendita nel mondo, ma la domanda dei clienti è ora elevata
Economia
3 gior
A Credit Suisse sarebbero in forse centinaia di posti
Nulla ancora deciso, ma vi sarebbero piani abbozzati secondo il domenicale Sonntagszeitung. L'istituto non ha negato riflessioni relative a possibili economie
Economia
5 gior
Investire nel solare può creare 14'000 posti di lavoro
Ne è convinta la Fondazione svizzera dell'energia (SES), che propone questa soluzione per ridurre la disoccupazione, cresciuta a seguito del coronavirus
Economia
5 gior
Il coronavirus fa esplodere il debito pubblico mondiale
Oltre il 100% e al livello più alto da sempre: ha superato anche il picco post-Seconda guerra mondiale
Economia
6 gior
Cambio alla testa di EY Lugano
Erico Bertoli succede a Stefano Caccia che lascia l'incarico per pensionamento
Economia
14.11.2019 - 16:360

Materie prime, per due giorni Lugano capitale

Si è conclusa oggi la 'Global commodities conference' organizzato dalla Lcta. Oltre 300 i partecipanti

Si è conclusa oggi la “Global Commodities Conference”, organizzata dalla Lugano Commodity Trading Association (Lcta). Oltre 300 persone hanno partecipato alla due giorni di incontri che ha riunito al Lac di Lugano numerosi attori del settore del commercio di materie prime e del commercio internazionale. La conferenza ha riunito anche quest’anno esperti del commercio internazionale, commodity traders, istituti bancari e providers di servizi.

Diversi i temi trattati, come il potenziale e le sfide dello spazio economico Euroasiatico o l’impatto del progetto “One Belt, One Road” (o Nuova Via della Seta) promosso dal Governo cinese. Ospite d’onore della prima giornata: il professor Mark Entin, titolare della cattedra di diritto europeo presso l’Istituto statale di relazioni internazionali di Mosca, Co-presidente del seminario scientifico permanente dell’Università federale del Baltico, membro del Consiglio della politica estera e della difesa, nonché Ambasciatore a Lussemburgo (2012-2016). Il professor Entin ha esposto delle tesi sul tema 'Competition vs. Cooperation in Greater Eurasia'.

Il secondo giorno è stato dedicato al ruolo delle banche nel finanziamento del commercio di materie prime, seguito da tre seminari paralleli sui principali settori presenti in Ticino: Metalli, Energia e Spedizioni.

Momento saliente della seconda giornata è stato l’intervento di John Bruton, già Primo Ministro d’Irlanda (dal 1994 al 1997) e Ambasciatore dell'Ue negli Stati Uniti (2004-09). Un programma intenso e ricco di spunti che anche “quest’anno ha portato a Lugano ospiti da tutto il mondo. Una conferenza attesa dai traders ma anche dagli esperti del settore finanziario poiché dà l’opportunità, nel contesto dei diversi panel, di stabilire delle interessanti occasioni di networking e di conoscenze per poter sviluppare il proprio business”, si legge in una nota. 

La Lugano Commodity Trading Association (LCTA), fondata nel 2010, è un’associazione senza scopo di lucro con sede a Lugano. L’Associazione riunisce aziende attive nel settore delle materie prime e del loro commercio, ma anche una serie di importanti operatori le cui attività ruotano attorno al settore, come compagnie di spedizione, banche, assicurazioni, fiduciarie.

Il commodity trading a Lugano è composto da pressappoco 100 aziende con un un gettito fiscale di 75 milioni di imposte complessive, che equivalgono ad oltre 2% del Pil e impiegano (direttamente e indirettamente) 1'500 persone. Si tratta soprattutto di personale altamente qualificato che ruota attorno a competenze specifiche: trasporti, logistica, finanziamento delle operazioni, assicurazioni giuridiche, conoscenze di lingue straniere, ecc.

Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved