Spettacoli

De Niro: ‘Io censurato per un discorso anti-Trump’

Ai Gotham Awards, il testo sul gobbo non è quello preparato e la star ricorre al telefonino. Quanto ai premi, vincono ‘Past Lives’ di A24 e ‘Gladstone’

Con Leonardo Di Caprio e Lily Gladstone ai Gotham Independent Film Awards
28 novembre 2023
|

Salito sul palco dei Gotham Awards per un omaggio all'ultimo film di Martin Scorsese, ‘Killers of the Flower Moon’, Robert De Niro ha perso il filo del discorso, protestando, perché l'inizio del suo commento non era apparso sul gobbo così come lo aveva preparato. “Non mi ci ritrovo. C’è stato un errore”, ha detto l'attore: “L'inizio del discorso è stato tagliato a mia insaputa. Ma ve lo voglio leggere”, ha aggiunto, estraendo dalla tasca il cellulare: “La storia non è più storia. La verità non è verità. Anche i fatti sono sostituiti da fatti alternativi e guidati da teorie complottiste e bruttezza”. De Niro ha proseguito affermando che “in Florida, agli studenti si insegna che la schiavitù è stata un bene per gli schiavi. Anche l'industria dello spettacolo non è immune da questa piaga”. E poi, attaccando frontalmente Donald Trump: “La menzogna è diventata l'ennesima arma nell'arsenale del ciarlatano. L'ex presidente ha mentito oltre 30mila volte in quattro anni di Casa Bianca e continua a mentire nella nuova campagna elettorale. Ma con le menzogne non può nascondere la sua anima”. De Niro si è poi rifiutato di ringraziare i Gotham e Apple, che ha finanziato il film di Scorsese, accusando entrambi di esser dietro alla censura. “Come hanno osato?”.

‘Apprezzamenti’

Non è la prima volta che l'80enne star due volte premio Oscar (per ‘Toro Scatenato‘ e ‘Il Padrino parte seconda’) si lancia in tirate contro Trump che, per parte sua, gli ha spesso reso pan per focaccia: nel 2016, in un video pre-elettorale, l'attore aveva accusato l'allora candidato repubblicano di essere "palesemente stupido", ma anche "un cane, un maiale, un truffatore, un bastardo che non sa di cosa parla". Tre anni dopo, intervistato dal Guardian, aveva detto che non aspettava altro che vedere Trump in prigione, mentre lo scorso ottobre, in un messaggio inviato a un evento anti-Trump a New York, aveva definito l'ex capo della Casa Bianca "un bullo senza morale o etica".

Quanto al cinema...

Il discorso di De Niro ha rubato la scena ai vincitori dei premi Gotham, un trampolino di lancio per il cinema indipendente e la prima tappa della stagione dei premi che culminerà con gli Oscar 2024. ‘Past Lives’ dell'esordiente regista Celine Song ha vinto come miglior film: il dramma intimista, in cui una giovane scrittrice immigrata fa i conti con le occasioni mancate della sua vita quando ritrova l'uomo che era stato il primo boyfriend della sua infanzia, è stato prodotto da A24, lo studio indipendente che ha portato agli Oscar 2023 ‘Everything Everywhere All At Once’. Lily Gladstone ha vinto il primo premio per la recitazione (i Gotham non distinguono tra attore e attrice), ma non per ‘Killers of the Flower Moon’: è stato il suo ruolo in ‘The Unknown Country’, film su una donna che si imbarca per un lungo viaggio in auto dopo la morte della nonna di cui si era presa cura fino ad allora, ad attirare l'attenzione della giuria. I Gotham per il miglior film internazionale e la migliore sceneggiatura sono andati invece ad ‘Anatomia di una caduta’ della francese Justine Triet, il thriller che lo scorso maggio ha vinto la Palma d'Oro a Cannes.

Leggi anche:
Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE