05.12.2022 - 13:14
Aggiornamento: 14:31

Parigi conta i giorni per la riapertura del Grand Rex

Dopo un restauro durato tre anni torna a splendere lo storico cinema indipendente dalla facciata Art déco fondato l’8 dicembre 1932

Ats, a cura di Red.Web
parigi-conta-i-giorni-per-la-riapertura-del-grand-rex
Keystone
Si alza il sipario

Un simbolo di resistenza dei cinema storici dell’Europa dinanzi all’avanzata delle piattaforme online come Netflix o Amazon Prime. Dopo un restauro durato tre anni, Parigi conta i giorni per la riapertura del Grand Rex, lo storico cinema indipendente dalla facciata Art déco fondato l’8 dicembre 1932 nel cuore della capitale francese. Giovedì, a 90 anni dalla prima proiezione, il cosiddetto ‘tempio del cinema’ tornerà a splendere sotto il cielo di Parigi.

"Ritroveremo la nobiltà e l’eleganza dell’edificio del 1932", dice il direttore, Bruno Blanckaert, illustrando i lavori da 3 milioni di euro al Journal du Dimanche. Per l’occasione, è stata riattivata l’imponente insegna luminosa rotante con la scritta ‘REX’ riconoscibile anche da lontano, tra i tetti della capitale. Durante i restauri, sotto l’affresco di un clown, è stato anche ritrovato il volto disegnato di Charlie Chaplin, probabilmente cancellato dai nazisti durante l’Occupazione di Parigi.

Il manager del Grand Rex, Alexandre Hellman, spiega che il successo del mastodonte indipendente parigino da 2’700 posti è dovuto anche alla diversificazione del programma. Non solo film, ma anche ‘escape game’ o concerti-evento, da Madonna a Bob Dylan. La maxi-sala dei Grand Boulevards trae anche beneficio dal declino di altri cinema storici di Parigi, in particolare sull’Avenue des Champs-Elysées, dove i costi immobiliari sono diventati proibitivi per esercenti indipendenti come quelli del Rex.

A fine 2022, Parigi continua comunque a vantare tra le più forti densità di cinema al mondo, con 398 schermi in 75 strutture, anche se settembre 2022 ha toccato un record negativo di frequentazioni. È inoltre prevista per il 2024, vicino all’Opéra, l’apertura di un mega-cinema disegnato dall’architetto Renzo Piano per volontà del presidente di Pathé, Jérôme Seydoux.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved