l-ekphrasis-alla-diciassettesima-edizione-di-babel
Keystone
Il regista italiano Mario Martone fra gli ospiti della 17esima edizione di Babel
ULTIME NOTIZIE Culture
Castellinaria
3 ore

Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione

Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
Letteratura
9 ore

Lin Shu, Chen Jalin e il cavaliere magico

Il settantenne cinese ha tradotto (o riscritto) 180 libri della tradizione letteraria europea, fra cui il Don Chisciotte insieme al suo collaboratore
Ceresio Estate
11 ore

A Caslano il ‘romantico’ Quartetto Altemps

In rappresentanza dell’ensemble, atteso domenica 7 agosto nella chiesa parrocchiale, parla il violoncellista Marco Testori
Scienze
11 ore

‘Le epidemie intermittenti di Covid saranno la normalità’

Dato l’emergere regolare di varianti, per i ricercatori non ci sono ragioni per credere che questa tendenza non continuerà, come succede per l’influenza
Streaming
21 ore

Man! I Feel Like Shania Twain

Su Netflix c’è ‘Shania Twain: Not Just a Girl’, il bel documentario di Ross Crowley sulla ‘Regina del Country Pop’
Scienze
22 ore

In arrivo una batteria di carta usa e getta, si attiva con acqua

Potrebbe essere usata per vari dispositivi elettronici monouso a bassa potenza
Locarno 75
1 gior

‘Where the Crawdads Sing’ e ‘Piano Piano’ sono panna inacidita

I due film proposti ieri in Piazza Grande sono il trionfo della banalità, dove tutto è in superficie: poca emozione, poca indagine
Locarno 75
1 gior

Dieci festival al Palacinema: una finestra sulla Svizzera

Presentata oggi l’iniziativa che propone da settembre ’22 a giugno ’23 una rassegna di film realizzata con le direzioni artistiche di vari festival
Estate giallo-nera
1 gior

‘Soldi bruciati’, la versione argentina di una tragedia greca

‘Plata guemada’ (1997) è il romanzo più riuscito di Ricardo Piglia. Tratto da vicende accadute nel 1965, è il suo più noto e il più duro
Open Doors
1 gior

Poetica dell’eterogeneo: Caraibi e America Latina

Narrazioni, contesti, storie, generi differenti mappano contesti cinematografici unici. A colloquio con Zsuzsi Bànkuti, responsabile Open Doors.
Locarno 75
1 gior

Daisy Edgar-Jones: ‘C’è un po’ di Kya in ognuno di noi’

La 24enne attrice britannica, protagonista di ‘Where the Crawdads Sing’ (La ragazza della palude), si è raccontata prima della proiezione in Piazza Grande
Locarno 75
1 gior

Cineasti del presente, la storia di Katia e Anna

Una vicenda minore che ci ricorda però l’importanza di non retrocedere dai nostri principi. Oggi al Palacinema alle 18.
Festival di traduzione
05.08.2022 - 17:18
Aggiornamento: 07.08.2022 - 15:28

L’ekphrasis alla diciassettesima edizione di Babel

Al centro del simposio, che si svolgerà a Bellinzona dal 15 al 18 settembre prossimi, il rapporto fra la scrittura e le altre arti

Dopo l’edizione 2021 dedicata a Babele, alla diaspora, alla moltiplicazione delle lingue e alla nascita della traduzione, nel 2022 Babel riflette su un altro caposaldo del festival: il rapporto tra la scrittura e le altre arti. La diciassettesima edizione si svolgerà dal 15 al 18 settembre prossimi.

Babel Ekphrasis invita autori e autrici la cui scrittura si nutre fortemente di altre arti, e artiste e artisti che operano tra più arti, accostando ai dialoghi in teatro una rassegna cinematografica, un concerto, un dj set, due mostre d’arte, gli incontri Industry per operatori culturali, un laboratorio di scrittura nella lingua adottiva e quattro laboratori di traduzione letteraria.

Termine poco noto, quasi da addetti ai lavori, la parola greca ekphrasis – composta da ek, "fuori", e phràzo, "parlare, descrivere" – abbraccia diversi significati che si propagano come onde concentriche dal suo nucleo etimologico. Per gli oratori antichi era un descrivere che presenta in modo vivido il soggetto del discorso davanti agli occhi di chi ascolta. Nell’accezione più corrente, è la descrizione poetica di un’opera pittorica o scultorea: sono i centotrenta versi con cui Omero forgia lo scudo di Achille, è Auden sulla Caduta di Icaro di Bruegel. Ma ekphrasis è anche il "visibile parlare" dell’arte medievale che predica in immagini, è un romanzo trasposto in pellicola, è poesia danzata, melodia dipinta. L’ekphrasis è interazione, relazione, ibridazione, anelito, sconfinamento. È insieme il frutto di un contagio e il risultato di una sfida: è arte che genera altre arti. L’ekphrasis parla più lingue simultaneamente, vive tra-i-linguaggi. L’ekphrasis è traduzione. L’ekphrasis è babelica.

Di ekphrasis in tutte le sue declinazioni parlerà Nicola Gardini – poeta, romanziere, saggista, traduttore, professore di Letteratura italiana e comparata a Oxford – durante la serata inaugurale di venerdì 16 nella splendida cornice dell’Antico Convento delle Agostiniane di Monte Carasso. A seguire, Tethered Lines, un concerto/performance di Joshua Chiundiza e Yann Longchamp che intreccia musica mbira, chimurenga e sungurra, ritmi euro-elettronici e flow hip-hop.

Nei due giorni successivi, al Teatro Sociale di Bellinzona si alterneranno: il grande scrittore francese Jean Echenoz, con i suoi romanzi in stile cinematografico e la sua scrittura imbevuta tanto di jazz quanto di musica classica. Il regista pluripremiato Mario Martone, che da ‘L’amore molesto’ al recentissimo ‘Nostalgia’, passando per ‘Il giovane favoloso’ e ‘L’odore del sangue’, ha intessuto negli anni un rapporto intenso e straordinario con la letteratura, a dialogo con il direttore artistico del Locarno Film Festival Giona A. Nazzaro. Le scrittrici Jakuta Alikavazovic e Léonor de Récondo, che hanno passato una notte in solitaria rispettivamente nella Sala delle cariatidi del Louvre e nel Museo El Greco di Toledo e hanno raccontato la loro esperienza in due libri della collana ‘Ma nuit aux musée’ delle edizioni Stock. Lo scrittore e disegnatore Frédéric Pajak, che con i nove volumi del suo Manifesto incerto, in corso di traduzione presso L’orma editore, ha creato un’opera unica, inclassificabile, insieme autobiografia e riflessione filosofica, saggio e romanzo, attraverso il racconto scritto e illustrato della propria vita e di quelle di poeti, artisti e filosofi come Benjamin, Van Gogh, Dickinson, Cvetaeva, Pessoa. Il fotografo statunitense Aaron Schuman, autore di ‘Slant’ (Mack, 2019) e ‘Sonata’ (Mack, 2022), nei quali il dialogo tra immagine fotografica e parola assume contorni inaspettati. Gwenn Rigal, che con ‘Il tempo sacro delle caverne’ (Adelphi, 2022) interroga attraverso i millenni i misteri dell’arte parietale del Paleolitico superiore europeo, da Chauvet a Lascaux ad Altamira. Fabienne Radi, Jérémie Gindre e Donatella Bernardi, che nei libri d’artista trovano la sintesi della loro duplice natura di artisti e scrittori. Luca Fiore, Leonardo Merlini e Vega Tescari, che ai microfoni di Moby Dick - Rete Due parleranno dell’arte di dire l’arte, raccontarla, recensirla.

Info: www.babelfestival.com.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
babel bellinzona diciassettesima edizione ekphrasis
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved