l-osi-interpreta-broken-blossoms-al-fevi
©Park Circus-Cohen Film Collection
Lillian Gish nei panni della tredicenne Lucy Burrows
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
15 min

Alexander Sokurov divide il Festival con un film immenso

Ode a ‘Skazka’ (Fairytale), del maestro russo; al suo confronto scompare ‘Il Pataffio’. Da applausi l’opera di Sylvie Verheyde
Locarno 75
10 ore

Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni

La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
12 ore

Morta Olivia Newton-John, star di Grease

Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
13 ore

Lars von Trier ha il morbo di Parkinson

La sua storica società di produzione, Zentropa, ha oggi reso pubblica la malattia
Culture
13 ore

Era Clu Gulager, protagonista de ‘Il ritorno dei morti viventi’

Si è spento a Los Angeles all’età di 93 anni. Fu Billy The Kid negli anni ’60, negli Ottanta iniziò a recitare in B movie e horror
Cinema
13 ore

Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’

Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
Cineasti del presente
13 ore

Un deserto sospeso tra cielo e terra

‘Fragments From Heaven’ del marocchino Adnane Baraka è un’esperienza per la vista e anche per l’udito. Ma anche Franciska Eliassen...
L'intervista
14 ore

Tre uomini nel ‘Delta’

Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
Locarno 75
02.08.2022 - 19:39

L’Osi interpreta ‘Broken Blossoms’ al Fevi

Domani, alle 15.30, l’Orchestra, diretta da Béran, inaugura la 75esima edizione del Locarno Film Festival con la proiezione del regista Griffith

Anche quest’anno, grazie all’Orchestra della Svizzera italiana (Osi), il Locarno Film Festival inizierà la nuova edizione con un salto nel passato per portarlo nel presente. Un salto lungo oltre un secolo, giusto il tempo di tornare al 1919 e ritrovare ‘Broken Blossoms’, lungometraggio del pioniere e grande maestro del cinema David Wark Griffith. A dargli suoni e musica 103 anni dopo saranno le musiciste e i musicisti dell’Osi diretti da Philippe Béran che, domani (mercoledì 3 agosto) al Palexpo (Fevi) alle 15.30, inaugureranno l’edizione eseguendo dal vivo le musiche del film composte da Carl Davis.

Sullo schermo tornerà a vivere con una nuova voce uno dei capolavori del cinema muto americano, interpretato da una delle prime e più grandi star del cinema mondiale: Lillian Gish. Musa di Griffith, a ventisei anni Gish – che nel 1971 sarebbe stata insignita di un Oscar onorario – riuscì in un’interpretazione indimenticabile nei panni di una ragazzina tredicenne, Lucy Burrows. Al suo fianco, nel ruolo di Cheng Huan, l’attore newyorkese Richard Barthelmess. In ‘Broken Blossoms’ il regista di ‘Intolerance’ e ‘The Birth of a Nation’ continuò il suo inesauribile processo di sperimentazione, con controcampi e soggettive capaci di ipnotizzare il pubblico; talento e gesti che saranno mossi e sottolineati dalle musiche eseguite dall’Osi.

«Broken Blossoms è un film incredibile, incredibilmente moderno e addirittura contemporaneo, sia per il linguaggio, sia per i temi che tratta – racconta Philippe Béran –. È tecnicamente meraviglioso e per me sarà un onore essere il primo al mondo a dirigerlo dopo Carl Davis. Mi ha mandato una partitura scritta appositamente per questo film: farla ascoltare al pubblico di Locarno sarà una vera gioia ed emozione». Spiega ancora il direttore d’orchestra: «Nel 1919, il film era accompagnato da musiche scritte da Louis F. Gottschalk, che Davis ha ripreso e ri-arrangiato negli anni Ottanta. La musica segue fedelmente il movimento cinematografico, il "touch" di questo melodramma e passa da momenti che ti trasportano in Cina, quando in scena c’è Yellow Man, sottolineati da uno strumento particolare come il cimbalom, alla potenza di Wagner, quando la camera passa al padre di Lucy (Lillian Gish, ndr) e alla sua violenza. Le musiciste e i musicisti dell’Orchestra che avrò il piacere di dirigere saranno 48 e insieme ricostruiremo un’atmosfera veramente particolare, unica, lontana un secolo ma fortemente attuale».

La proiezione è resa possibile grazie all’Osi, all’Associazione Amici dell’Orchestra della Svizzera italiana (Aosi) e con il sostegno della Fondazione per la cultura.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
broken blossoms locarno 75 locarno film festival osi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved