ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
15 sec

Gospel Voices Family a Losone per aprire ‘Gospel & Spirituals’

Oggi, giovedì 8 dicembre, alle 17 nella Chiesa di San Lorenzo, il quintetto misto di cantanti afroamericani. La rassegna proseguirà fino al 30 dicembre
Scienze
18 ore

Nel cibo ultraprocessato l’insidia del declino cognitivo

In chi eccede, il peggioramento è mediamente del 28% più rapido. Lo indica uno studio coordinato dall’Università di San Paolo, in Brasile
Spettacoli
23 ore

Il ‘Boris Godunov’, una storia russa tra Puskin e Musorgskij

La stagione della Scala di Milano si apre con un’opera ancora attuale: la brama di potere, e la paura di perderlo, ritratte in prosa e, poi, in musica
Pensiero
1 gior

Perché il fascismo è nato in Italia

È il titolo di un notevole saggio appena pubblicato dagli storici Marcello Flores e Giovanni Gozzini. Spoiler: c’entra lo ‘sfarinamento’ dello Stato.
Società
1 gior

Perché (e come) parlare di emozioni a scuola con gli adolescenti

Nel libro ‘In media stat virtus’ idee e attività per l’educazione socio-emotiva negli anni formativi. Anna Bosia: ‘Strumento per docenti ma non solo’.
Culture
1 gior

Ottavio Besomi e i ‘Ricordi capriaschesi di ragazzo’

Un percorso di cinquanta tappe che narra il primo segmento di vita di un uomo nato ottant’anni fa. Il libro sarà presentato il 12 dicembre a Tesserete.
Mostre
1 gior

Le foto a colori di Bischof aprono le esposizioni 2023 del Masi

Dopo il fotografo svizzero, una retrospettiva dedicata ad Ackermann, l’arte concreta di Mertens, il russo-ticinese Jawlensky e la grafica da Zurigo
danza
1 gior

Una versione quasi distopica de ‘Il lago dei cigni’ al Lac

Il coreografo Angelin Preljocaj porta sulla scena luganese (9 e 10 dicembre) la sua compagnia di balletto che si esibirà nel capolavoro rivisitato
27.07.2022 - 20:34
Aggiornamento: 21:40

Addio ad Antonio Casagrande, una vita tra Eduardo e cinema

Il figlio Maurizio: ‘Se ne va un pezzo della mia anima’. Vincenzo Salemme: ‘Un uomo senza schemi’

Ansa, a cura di Red.Cultura
addio-ad-antonio-casagrande-una-vita-tra-eduardo-e-cinema
Antonio Casagrande

Sul palcoscenico ha debuttato all’età di sei anni e da allora non lo ha mai lasciato. È morto oggi Antonio Casagrande, uno degli ultimi interpreti del teatro eduardiano. «Se ne va un pezzo della mia anima», scrive il figlio Maurizio Casagrande, attore come il papà.

E sono tantissimi i ricordi che in queste ore vengono affidati ai social. Uno su tutti, quello di Vincenzo Salemme, che lo definisce un uomo senza schemi. «Quando ho iniziato a fare l’attore negli anni Settanta, Antonio Casagrande era già un mito. Era il prediletto di Eduardo, si diceva. Era bravissimo, con una voce indimenticabile (cantava in modo eccellente) ed era pure bellissimo – racconta Salemme –. Poi ho avuto il piacere di conoscerlo personalmente grazie al figlio Maurizio, col quale avevo iniziato una collaborazione molto apprezzata dal padre che faceva proprio il tifo per noi. Conoscendolo di persona ho capito che Antonio era un artista molto particolare. Forse non ha ricevuto quello che avrebbe meritato, ma credo che questa mancanza sia stata conseguenza del suo carattere. Era un uomo che aveva un distacco quasi nobile da tutti gli interessi materiali, dai secondi fini, dalle diplomazie opportunistiche. Aveva conservato un tratto romantico che, anche grazie al volto dolcemente antico, lo faceva sembrare un cavaliere ottocentesco. E, allo stesso tempo, aveva lo spirito giovanile che gli donava uno sguardo ironico sempre rivolto al futuro. Ed era un uomo senza schemi, curioso e incapace di invidie e rancori. Gli ho voluto molto bene e lui me ne ha voluto».

Figlio di un attore di prosa e di una corista del San Carlo di Napoli, Antonio Casagrande a 6 anni interpreta un bambino nella Madama Butterfly. Diplomato in canto al Conservatorio, negli anni Sessanta debutta come cantante lirico. In quegli stessi anni esordisce anche come attore nella compagnia di Eduardo De Filippo, con cui partecipa alle trasposizioni cinematografiche di ‘Sabato, domenica e lunedì’, ‘Ditegli sempre di sì’, ‘Filumena Marturano’, ‘Napoli Milionaria’, ‘Il sindaco del rione Sanità’ e ‘Mia famiglia’.

Il pubblico degli anni Ottanta lo ricorda per una parte da caratterista nel film ‘Cosi parlo Bellavista’ mentre alla fine degli anni Novanta, con il figlio Maurizio e con Salemme, prende parte ad ‘Amore a prima vista’, ricoprendo il ruolo di padre del protagonista.

«È stato un artista tra i più grandi e apprezzati interpreti del teatro partenopeo, in particolare di quello eduardiano», ricorda il governatore della Campania, Vincenzo De Luca. «Napoli perde un pezzo della sua storia teatrale e cinematografica», dice il sindaco, Gaetano Manfredi. I funerali si svolgeranno a Napoli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved