peter-grimes-un-dramma-fatale-sul-destino-dell-uomo
Michele Crosera
Il ‘Peter Grimes’ di Benjamin Britten, per la regia di Paul Curran
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
1 ora

Al cubano ‘Moa’ e al venezuelano ‘Muchachos’ l’Open Doors Award

Si è svolta questa mattina la cerimonia di premiazione della sezione che va alla scoperta di nuove cinematografie in America Latina e nei Caraibi
Sostiene Morace
1 ora

Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film

I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
Locarno 75
3 ore

Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione

Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach
Scienze
5 ore

Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena

Gli esperti consigliano di osservare le stelle cadenti con qualche giorno di anticipo, oppure aspettare l’ultima parte della notte
Locarno 75
5 ore

Il Cinema canta in Piazza e in Concorso

Un disincantato ‘Gigi la legge’, la voglia di essere vivi che sprizza in ‘Tengo sueños eléctricos’, emozioni forti in ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey
Locarno 75
6 ore

Alexander Sokurov divide il Festival con un film immenso

Ode a ‘Skazka’ (Fairytale), del maestro russo; al suo confronto scompare ‘Il Pataffio’. Da applausi l’opera di Sylvie Verheyde
Locarno 75
17 ore

Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni

La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
18 ore

Morta Olivia Newton-John, star di Grease

Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
19 ore

Lars von Trier ha il morbo di Parkinson

La sua storica società di produzione, Zentropa, ha oggi reso pubblica la malattia
Culture
19 ore

Era Clu Gulager, protagonista de ‘Il ritorno dei morti viventi’

Si è spento a Los Angeles all’età di 93 anni. Fu Billy The Kid negli anni ’60, negli Ottanta iniziò a recitare in B movie e horror
Cinema
20 ore

Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’

Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
Teatro
03.07.2022 - 11:06
Aggiornamento: 16:14
di Ugo Brusaporco

Peter Grimes: ‘Un dramma fatale sul destino dell’uomo’

Il mare tempestoso come metafora e allegoria della vita. L’opera dell’autore britannico Benjamin Britten è di scena al Teatro la Fenice di Venezia

"Chi potrà riportare i cieli indietro per ricominciare da zero?", canta Peter Grimes. E noi comprendiamo la sua umanità profonda, che diventa specchio della nostra, anche nell’annunciato fallimento: destino che tutta l’umanità accomuna.

Ecco il ‘Peter Grimes’ di Benjamin Britten, in questi giorni in scena nell’incantevole Teatro la Fenice di Venezia, prima opera maggiore del grande maestro inglese, è dramma fatale sul destino dell’uomo. Uno spettacolo stretto parente del teatro greco antico, dove fato, uomini e natura, confondono le loro trame.

Innanzitutto, le date: ‘Peter Grimes’ viene presentato il 7 giugno 1945 in una Londra distrutta dai bombardamenti nazisti, la guerra ufficialmente era finita nel teatro europeo l’8 maggio, Britten aveva composto l’opera negli Stati Uniti, nel 1944, dove era esule dal 1941, anno in cui aveva lasciato l’Inghilterra, per protesta contro la guerra. Era un convinto pacifista e per giunta omosessuale. E questo pesò al suo rientro in patria dove nessuno voleva perdonarlo, e a molto gli servì allora l’appoggio incondizionato della Regina Madre.

Il ‘Peter Grimes’ protagonista dell’opera è un uomo che per le sue azioni viene posto al di fuori della comunità, condannato non dalla legge, ma dalla volontà popolare, che si trova solo in una solitudine che ha come obbligata uscita il suicidio. Grimes (convincente, seppur più attore che cantante, il tenore Andrew Staples) è un pescatore del Borgo, un villaggio costiero del Suffolk, e Britten ce lo presenta, in un intenso prologo davanti a un tribunale dove deve rispondere della morte di un mozzo durante una pesca finita male per colpa di un uragano. È assolto dal giudice ma non dagli abitanti del villaggio che lo accusano di essere violento e brutale nei confronti dei ragazzi che assume. Con lui restano Ellen (l’interessante soprano Emma Bell), una giovane maestra vedova, che lo ama riamata, e Balstrode (un convincente Mark S. Doss), un vecchio comandante di marina che comprende la fatica di un uomo che cerca di avere un futuro lavorando duramente.

Succede che l’ormai isolato Grimes riesca ad avere un nuovo mozzo e che lo maltratti con la disapprovazione di Ellen che si allontana da lui. Disgraziatamente il mozzo muore, senza responsabilità di Grimes, ma tutti ritenendolo colpevole lo vanno a cercare per punirlo. Lui – solo e disperato – prende la barca e lontano dalla costa la affonda, nell’indifferenza degli abitanti del villaggio.

Britten compone un’opera complessa dando grande spazio al mare, alle tempeste, al rincorrersi incessante delle onde: sono brani di grande intensità, che lo stesso autore presentò anche indipendentemente dall’opera, con cinque Interludi e una Passacaglia. Momenti che raccontano e che immergono l’ascoltatore in quel mondo che vive con il mare, e allora la solitudine di Grimes si alza sulla pochezza borghese di pescatori che affogano il loro vivere nel gin e nelle puttane, che svendono la loro bieca normalità in nome di moralità inventate. C’è in Britten il disprezzo verso questo popolo-coro stolto che canta vecchie canzoni da bettola, che segue un tamburo che batte vendetta contro chi non accetta di essere "normale". Non è difficile vederlo come Grimes e non è un caso che il primo interprete dell’opera sia stato il tenore Peter Pears, il suo compagno-amante.

L’opera è stupenda e ancora sorprende per la qualità musicale che il direttore Juraj Valčuha alla guida dell’Orchestra della Fenice sa ben mostrare, e lo spettacolo composto figurativamente dal regista Paul Curran è di quelli da ricordare. Lunghi applausi meritati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
benjamin britten peter grimes teatro fenice venezia
© Regiopress, All rights reserved