ida-nielsen-e-una-tipa-tosta-tostissima-da-bass-heavy-funk
©JazzAscona
La Funk Princess con i Funkbots questa sera ad Ascona
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
12 min

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
3 ore

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
11 ore

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
1 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
1 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
1 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
1 gior

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
1 gior

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Spettacoli
2 gior

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Culture
2 gior

Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo

Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
Spettacoli
2 gior

‘... senza parole’, al via il cine-concerto itinerante

È la seconda rassegna ideata dai fratelli Nolan, Simon e Brian Quinn. Dal 18 agosto in poi toccherà Morcote, Claro, Balerna, Massagno-Savosa
Teatro
2 gior

Emanuele Santoro in ‘La stupidità - Orazione semiseria’

Venerdì 26 agosto alle 21 al Parco Ciani, ispirandosi a ‘Le leggi fondamentali della stupidità umana’ di Carlo M. Cipolla
Musica
2 gior

Mardegan e Borghetto per il SobrioFestival

Violino e pianoforte, domenica 21 agosto alle 11 nella sala di Casa Mahler
L'intervista
2 gior

Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’

La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
2 gior

Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio

Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
Spettacoli
2 gior

Cinquant’anni dopo, l’Academy chiede scusa a ‘Piccola piuma’

Sacheen Littlefeather ritirò l’Oscar al posto di Marlon Brando. Fece un discorso in difesa dei Nativi americani e fu fischiata
laR
 
02.07.2022 - 05:30
di Martina Knecht

Ida Nielsen è ‘una tipa tosta, tostissima’, da bass heavy funk

Carriera personale ed eredità artistica di Prince: a colloquio con la Funk Princess che questa sera sarà sul palco di Ascona con The Funkbots, dalle 23.30

È stata la ‘Funk Princess’ di Prince che, senza troppi giri di parole, ha definito Ida Nielsen "una tipa tosta. Tostissima". Scoperta dal "folletto di Minneapolis" nel 2010, la bassista e compositrice danese salirà insieme a The Funkbots sul palco alla chiesa per esibirsi – è proprio il caso di scriverlo – nell’attesissimo concerto di questa sera (dalle 23.30) a JazzAscona.

Nielsen, che ha fatto parte in pianta stabile dei The New Power Generation e del trio rock 3rdeyegirl, ha suonato al fianco di Prince per circa sei anni, fino alla sua prematura scomparsa, nel 2016. Dopo gli anni passati a suonare con Prince, la bassista funk è tornata a concentrarsi sulla sua carriera da solista. Oggi, insieme ai Funkbots porta in giro per Europa, Asia, Australia, Brasile e Stati Uniti il suo energico mix fatto di jazz, funk old school, hip-hop e soul. È l’amore per la musica funk, dice lei, la motivazione più grande che la spinge sui palchi di tutto il mondo. Con lei abbiamo fatto una chiacchierata, partendo proprio dall’avventura musicale con Prince.

Quando Prince ti ha ingaggiata, stavi già costruendo il tuo impero artistico con i Funkbots e un paio di album da solista. Poi la tua traiettoria è cambiata. Ma come vi siete conosciuti?

In breve: nel 2010 ho ricevuto una telefonata dalla sua manager. Mi disse che Prince aveva visto il mio profilo su Myspace e che gli sarebbe piaciuto fare una jam con me. Così sono andata a Minneapolis per una jam. Dopo aver suonato insieme per una ventina di minuti, mi ha invitato a unirmi in tournée alla sua band, The New Power Generation. Questo è stato l’inizio dell’avventura [sorride].

Com’è stato lavorare con lui?

Per me è stato un sogno che si avvera... Prince ha sempre avuto una grande influenza su di me, anche prima di conoscerlo. Lavorare a stretto contatto con lui per quasi sei anni mi ha insegnato moltissimo in ogni aspetto dell’essere musicista. Lui era davvero un genio e ci faceva riflettere su ogni decisione che prendevamo, sia dal punto di vista musicale che pratico. Sono grata di aver avuto l’opportunità di osservare da vicino come lavorava. Ho imparato tantissimo su come suonare, arrangiare e produrre. E continuo a immergermi in questo bacino di conoscenze nella mia vita musicale, tanto per il lavoro in studio quanto per le mie esibizioni dal vivo.

Quest’estate giri il Brasile e l’Europa con i Funkbot. È impegnativo portare in tournée un’intera band?

No, è una sensazione fantastica! Anche se le condizioni e i palcoscenici non sono affatto allo stesso livello di quando giravo con Prince. È molto gratificante guadagnarsi da vivere creando e presentando la propria musica. Sono molto grata di poterlo fare e che ci siano persone, là fuori, che vogliono ascoltare un po’ di musica bass heavy funk!

Hai creato il tuo basso personalizzato con il produttore tedesco Sandberg Guitars. Come è nata questa collaborazione e che cosa contraddistingue il tuo strumento?

Conosco Holger, il fondatore di Sandberg Guitars, da molti anni. Nel 2009, un anno prima di iniziare con Prince, mi regalò un basso che mi piaceva molto. Così, quando si è trattato di creare un modello signature, mi è parso naturale farlo con lui. A me piacciono molto i bassi Sandberg, ma naturalmente ci sono molti altri ottimi costruttori sul mercato. Il mio basso ha due pickup, uno per quel suono funk della vecchia scuola che mi piace tanto, tipo Larry Graham, l’altro per un suono più simile a quello di Jaco Pastorious. Sono due suoni molto diversi. La loro combinazione offre una grande varietà nello spettro sonoro e permette di ottenere un suono più moderno e morbido. Il basso è nero e oro e lo trovo davvero bello [sorride].

Il tuo quinto album 02022020 è stato pubblicato nel 2020, l’anno in cui è scoppiata la pandemia. Quali erano i tuoi sentimenti al momento della sua uscita?

In realtà l’album è stato pubblicato il 2 febbraio, prima che la pandemia colpisse davvero, almeno in Danimarca. Quindi, al momento della sua uscita non ero ancora consapevole di ciò che stava per accadere.

Le restrizioni Covid che sono seguite hanno stravolto l’intera industria artistica e culturale. In che modo i due anni di pandemia hanno influito sul tuo processo artistico? Vedi anche delle nuove opportunità?

Gli effetti della pandemia sono stati molteplici: da un lato mi ha fatto apprezzare il fatto di suonare di nuovo dal vivo, ma mi ha anche resa consapevole della necessità di apprezzare il presente e le cose belle della vita, come la natura e la famiglia. Ho tratto un certo conforto nello smettere di stressarmi per cose come le scadenze e così via; ho anche avviato un paio di nuovi progetti musicali in cui suono soprattutto le tastiere e programmo musica al computer. Ho fatto un sacco di registrazioni in casa e lo stile è un po’ diverso dal mio tipico funk.

Che consiglio daresti ai giovani musicisti che intendono intraprendere una carriera musicale?

Seguite i vostri sogni! Sono convinta che se ci si mette in gioco e ci si impegna al massimo, le cose belle accadranno.

Note per la serata di oggi

Il culmine della 38esima edizione andrà in scena questa sera con i concerti della Nielsen e di Dee Dee Bridgewater che dopo sette anni torna sulle sponde del Maggiore esibendosi in concerto sul palco New Orleans, alle 22.

Facendo un paio di passi indietro, dalle 16, la musica riverbererà per le vie del Borgo, con concerti in vari locali che verranno conclusi dalla parata finale della Sister Cities Brass Band, a partire dalle 18.30.

I concerti sono gratuiti.

Programma completo: www.jazzascona.ch.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
funkbots ida nielsen jazzascona prince
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved