la-danger-zone-di-top-gun
© 2022 Paramount Pictures. All Rights Reserved
Più di un’operazione nostalgia
ULTIME NOTIZIE Culture
Ceresio Estate
12 ore

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
15 ore

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
16 ore

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
Spettacoli
16 ore

JazzAscona una nottata all’insegna delle note di mescolanza

Domani sera le proposte musicali del festival vedranno susseguirsi sui palchi le Sister Cities Band, con Ari Teitel, Four Deb, Nojo 7, Ashlin Parker
Spettacoli
17 ore

Crivellaro e Bovet aprono il Festival organistico di Magadino

Martedì 5 luglio si terrà il 1° concerto della 60esima edizione che è dedicato a uno dei fondatori e al connubio fra sonorità dell’organo ed elettroniche
Culture
20 ore

Simenon: ‘Con la pietà di Čechov e la spietatezza di Gogol’

Scrittore della mediocrità, si dice, perché la conosceva bene. Non solo ne era circondato, ma vi era ben piantato. Ma scriveva ininterrottamente.
Spettacoli
22 ore

Niente Metallica, in 11’000 chiedono il rimborso del biglietto

Rischio deficit per gli organizzatori dell’‘Out in the Green’ di Frauenfeld, rimasto orfano all’ultimo, causa Covid, della band più attesa
Spettacoli
1 gior

Sean Ardoin: il cajun nelle vene

Erede e innovatore della grande tradizione creola, il musicista zydeco spiega perché è importante coltivare e promuovere la propria eredità culturale
Arte
1 gior

Thomas Hoepker, protagonista di una mostra e un film

La Bildhalle di Zurigo dedica al fotografo Magnum una retrospettiva. E domani esce nelle sale svizzerotedesche il documentario di Nahuel Lopez.
Spettacoli
1 gior

James Bond, il prossimo film può attendere

La produttrice dei film dell’agente 007, Barbara Broccoli, ha annunciato che nessun nuovo lungometraggio verrà girato prima di due anni
Arte
1 gior

È morto Sam Gilliam, famoso per le sue tele drappeggiate

L’artista 88enne era nato in Mississippi, partecipò ad Art Basel e fu il primo afroamericano a rappresentare gli Stati Uniti alla Biennale di Venezia
Culture
1 gior

Alborghetti racconta i suoi ‘Corpuscoli di Krause’ al Ciani

L’incontro dedicato alla raccolta poetica del Premio svizzero di letteratura si svolgerà venerdì 1° luglio, alle 18, nell’ambito di Chilometro Zero
Spettacoli
1 gior

Osi Brass sull’alpe Foppa per la prima data di ‘be connected’

L’Orchestra della Svizzera italiana lancia una nuova rassegna in luoghi e modalità inediti. Domenica 3 luglio è la data inaugurale.
La recensione
laR
 
27.05.2022 - 05:30
Aggiornamento: 16:04

La ‘Danger zone’ di Top Gun

Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

‘Top Gun’ è un po’ la quintessenza di un certo cinema degli anni Ottanta: un buon film d’azione – o un lungo spot per arruolarsi in Marina mascherato da film d’azione –, una solida sceneggiatura da Bildungsroman con agganci all’attualità della Guerra fredda, giovani e bravi interpreti – Tom Cruise, Val Kilmer, Kelly McGillis e anche Meg Ryan – e poi ovviamente la colonna sonora, da ‘Danger zone’ presente ben tre volte e la hit ‘Take My Breath Away’ premiata con un Oscar, un regista che sa il fatto suo – Tony Scott, scelto non perché fratello minore di Ridley, ma perché i produttori Don Simpson e Jerry Bruckheimer avevano visto un suo spot della Saab in cui si mostrava la gara tra un’auto e un jet – e una serie di battute memorabili.

Negli anni Ottanta un film così non poteva che diventare un film di culto e ‘Top Gun’ lo è diventato: amato, citato, parodiato, decostruito (vedi il monologo di Quentin Tarantino nel film ‘Il tuo amico nel mio letto’, in cui sostiene che ‘Top Gun’ è la storia su un uomo in lotta con la propria omosessualità). E oggi? Ha senso, trenta e qualcosa anni dopo, riproporre un sequel di ‘Top Gun’ o è solo quell’eterno ritorno dell’uguale che porta Hollywood a non correre rischi? E di motivi per sospettare che questo ‘Top Gun: Maverick’ sia fondamentalmente un’operazione nostalgia ce ne sono: Tony Scott si è suicidato, Val Kilmer ha avuto un tumore che gli ha tolto la voce, non c’è più un nemico cinematograficamente rassicurante come l’Unione Sovietica, a Tom Cruise non mancano i film per restare uno degli attori (e produttori) più popolari di Hollywood. Invece no, o meglio non solo: le citazioni del primo film abbondano, da quelle più scontate e attese – Tom Cruise che corre in motocicletta a bordo pista – ad altre anche autoironiche, come la riedizione della scena di sesso che all’epoca del primo ‘Top Gun’ aveva turbato la first lady Nancy Reagan (il marito Ronald ha ovviamente apprezzato l’ignominiosa sconfitta dei sovietici nella battaglia finale), ma il film non si esaurisce in una serie di compiacenti strizzatine d’occhio ai fan e, alla fine, anche chi ha visto ‘Top Gun’ una volta sola sonnecchiando mentre veniva trasmesso in seconda serata può apprezzare il sequel. Il regista Joseph Kosinski ha fatto un buon lavoro, grazie ai progressi tecnologici le scene di volo sono ancora più spettacolari, la colonna sonora ben fatta con brani inediti di Lady Gaga e degli OneRepublic, gli sceneggiatori hanno fatto un gran lavoro nel cercare di attualizzare la storia mantenendo un legame con i personaggi originali e costruendo anche una bella parte per Val Kilmer. A grandi linee: Maverick, che in trent’anni ha accuratamente evitato le promozioni che gli avrebbero impedito di volare, viene chiamato per addestrare 12 piloti per una missione irrealisticamente difficile e dalla quale difficilmente torneranno tutti vivi. Tra i 12 c’è anche il figlio di Goose, il compagno di volo di Maverick morto per un incidente nel primo film e il sequel si gioca tutto sul rapporto tra i due oltre che sulla missione da compiere.

Poi, certo, ci sono anche altri personaggi, tra cui Penny (Jennifer Connelly), la proprietaria di un bar vicino alla base aerea dei Top Gun che cerca di sostituire il personaggio interpretato da Kelly McGillis. Il problema è che due ore non bastano, per una storia di similspionaggio con supersegreti depositi di arricchimento dell’uranio, spettacolari scene di combattimento aereo, Tom Cruise che gigioneggia un po’ sullo schermo e dare un po’ di spessore a una dozzina o più di personaggi che alla fine rimangono un po’ troppo caricaturali. Ma sono piccole, inevitabili sbavature in un film divertente e spettacolare come lo era il primo ‘Top Gun’: anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta, quando porta a prendere il meglio di un certo cinema e trasportarlo felicemente nel 2022.


© 2022 Paramount Pictures. All Rights Reserved
Tom Cruise

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
danger zone tom cruise top gun
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved