la-nuova-stagione-dell-osi-sara-ovunque
Osi/Kaupo Kikkas
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
12 ore

Locarno Green Project, un Film Festival ancora più verde

Da quest’anno nel Palmarès il Pardo Verde WWF per il film che meglio riflette la tematica ambientale, e un fondo tematico, il Green Film Fund
Arte
15 ore

Idee e visioni in ‘Sacro e profano’ di Mario Botta

L’architetto ticinese è stato invitato a presentare una sintesi della sua ricerca progettuale al MAXXI di Roma, visitabile fino al 4 settembre prossimo
Culture
19 ore

‘Quando suoni in un’orchestra, senti la musica che ti abbraccia’

Incontro con Sara Capone e Jonas Morkunas, due dei quattro giovani che saranno accompagnati dall’Osi nel Concerto dei Solisti del Conservatorio
JazzAscona
1 gior

Adonis Rose: ‘Che Ascona diventi un crogiolo, come New Orleans’

Musicista dalla carriera straordinaria, Adonis Rose è il coordinatore musicale delle due città. Tre anni dopo, torna con un’orchestra da Grammy
Scienze
1 gior

Sull’Etna come sulla Luna: Interact si prepara all’esplorazione

Le pendici del vulcano come luogo di allenamento e simulazione del rover in vista della missione sul satellite per prelevare campioni da analizzare
Culture
1 gior

Da Hassler a Chesnokov alla Cattedrale di Lugano

Sabato 2 luglio alle 20.30 il Coro St. John’s Voice, diretto da Graham Walker
Culture
1 gior

‘Brahms, il progressista’ al Montebello Festival

Una conferenza in onore del 125° anniversario dalla morte di Johannes Brahms, alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 5 luglio alle 18.30
Scienze
1 gior

La depressione postnatale può colpire i genitori simultaneamente

Una revisione dei dati globali rileva che circa una madre e un padre su 30 soffre del “baby blues”, che colpisce spesso entro l’anno di vita del bambino
Arte
1 gior

Lo Spazio Officina per i ‘Libri d’artista svizzeri’

La presentazione del volume curato da Susanne Bieri farà tappa unica a Chiasso, giovedì 7 luglio, dalle 18
Spettacoli
1 gior

Violoncello solo: concerto di Mattia Zappa

L’appuntamento è per domenica 3 luglio nella chiesa di Santo Stefano a Miglieglia. Il musicista locarnese proporrà fra le altre pagine di Bach
Spettacoli
1 gior

Al JazzAscona un omaggio alle tastiere di Joe Zawinul

Martedì 28 e mercoledì 29 giugno, il festival musicale propone oltre 30 appuntamenti, fra cui un concerto gospel e laboratori di burlesque
Video
Musica
1 gior

Julian Fiorentino Iorio, Lugano’s Got Talent

Dieci anni da compiere, innamorato di Charlie Parker, suona il sax come uno navigato. Sabato scorso la Smum lo ha applaudito
Culture
1 gior

Il coraggio di Lilly, che ad Ascona accolse migliaia di bambini

Intervista a Mattia Bertoldi, autore del romanzo storico sulla donna zurighese che diede rifugio a quattromila giovani in situazioni difficili
Musica
2 gior

A JazzAscona la serata dei canadesi The Dead South

L’energico bluegrass rock della popolare band, i ticinesi Freddie & The Cannonballs, un workshop per trombettisti. Tutto il programma di lunedì 27.
Spettacoli
2 gior

A San Bernardino il Floating Notes Festival 2022

La seconda edizione, il 22 e 23 luglio, firmata da Kety Fusco con diversi artisti svizzeri
Arte
2 gior

L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida

Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia
11.05.2022 - 08:11
Aggiornamento: 16:27

La nuova stagione dell’Osi sarà ovunque

Tra preoccupazioni finanziarie e una stagione concertistica di tutto rispetto, è stato presentato il progetto ‘Be connected’

L’invito arrivato nelle scorse settimane dall’Orchestra della Svizzera italiana era per "la conferenza stampa in cui presenteremo la nuova stagione 2022/23". Tuttavia ieri pomeriggio nella Hall del Lac di Lugano si è parlato molto poco – non abbiamo cronometrato, ma meno di cinque minuti su un’ora di conferenza stampa, intermezzi musicali esclusi –, dei dieci concerti nella Sala Teatro del Lac e dei quattro all’Auditorio Rsi, nonostante questi appuntamenti vedano protagonisti artisti come la violinista Julia Fischer, i direttori Krzysztof Urbanski e Charles Dutoit, il decano della musica svizzera Heinz Holliger, la prima assoluta di un brano commissionato dall’Osi a Oscar Bianchi e questo nonostante costituiscano il cuore di quella stagione che in teoria si voleva presentare. Lo diciamo senza intento polemico: è comprensibile che la comunicazione si sia concentrata da una parte su iniziative come il progetto ‘Be connected’ con le quali l’Osi vuole avvicinarsi, uscendo dagli spazi tradizionali di un’orchestra, a un pubblico nuovo; dall’altra sulle incognite per il futuro finanziamento pubblico e privato. Le novità da spiegare al pubblico sono quelle; il programma della stagione è disponibile sul sito www.osi.swiss e sarà inviato a casa agli abbonati. Eppure il cuore dell’attività dell’Osi sono, o dovrebbero essere, quei concerti: è giusto che si aggiungano altre attività, che si superino quei confini che rischiano di escludere parte del pubblico, tuttavia quella qualità che regge tutto di cui ha parlato in conferenza stampa il presidente Mario Postizzi la si può portare al Vanilla o in cima al Monte Tamaro, ma la si conquista nelle sale da concerto e forse sarebbe stato opportuno, anche a livello di comunicazione, sottolineare questo aspetto.

Detto ciò, torniamo alla conferenza stampa durante la quale, come accennato, si è parlato anche dei finanziamenti, iniziando dall’evocazione, da parte del consigliere di Stato Manuele Bertoli, del «non dibattito» che si è recentemente tenuto in Gran Consiglio sulla questione del sostegno economico che anche i Comuni, insieme al Cantone, sono chiamati a dare (il punto è stato toccato anche dal vicesindaco di Lugano Roberto Badaracco con un significativo «tutti devono contribuire»). Ma in ballo ci sono anche l’accordo con la Ssr che va rinegoziato e le collaborazioni con gli sponsor che – ha spiegato il presidente Postizzi – per una maggiore sicurezza si vorrebbero assicurare per un periodo di sei anni. L’attività di ricerca di finanziamenti è sempre più importante, tanto da rendere necessaria una sorta di ‘task-force’ interna all’Osi ma, ha ribadito Postizzi, non è il caso di parlare di «sopravvivenza dell’orchestra», bensì «di slancio, di vitalità» necessari a fare la propria parte.

Siamo tutti connessi

Ed eccoci al progetto ‘Be connected’, presentato dalla responsabile di produzione e Audience Development Barbara Widmer. Tralasciando gli arzigogoli filosofici («la natura mette in relazione ogni entità (…) nella convinzione che tutto è uno»), l’obiettivo è «disseminare l’identità dell’Orchestra della Svizzera italiana» avvicinandosi al pubblico, soprattutto a quella comunità apparentemente lontana e separata dal mondo della musica classica. E questo va fatto «fuori dai soliti schemi, con formati inediti che possono incuriosire e parlare in un’altra maniera».

Andando nel concreto, abbiamo cinque appuntamenti. Il primo è ‘Osi on the top’ (l’inglese accomuna tutta questa iniziativa) nato quasi per caso mentre venivano realizzate le fotografie dell’Orchestra sul Monte Tamaro: il 3 luglio l’Osi, o meglio il quintetto Osi Brass (non tutti gli strumenti si adattano alle vette), percorrerà in musica il sentiero culturale del Tamaro. Il 10 ottobre avremo ‘Back to school’, frutto di un workshop con allieve e allievi di due scuole superiori: «I ragazzi stessi, e i loro docenti, sono gli ideatori della modalità con cui l’evento dovrà avvenire». Il 19 ottobre e il 19 aprile 2023 avremo ‘Lunch with Osi’, una pausa pranzo con l’orchestra, dialogando nella Sala Teatro del Lac con i musicisti «e cercando di capire dal direttore Poschner i segreti che si nascondono dietro la realizzazione di un concerto». Infine, ‘Osi@Vanilla’, la serata in discoteca annunciata prima della pandemia e poi annullata e che si terrà il prossimo 14 marzo portando una parte del progetto Tracce dedicato a Ciajkovskij.

Per concludere, due parole sulle attività "fuori stagione": sono previste tournée al Bodenseefestival in Germania e alla Isarphilharmonie di Monaco di Baviera, oltre a una intensa attività, anche comunicativa, in Svizzera interna con concerti a Basilea e Zurigo oltre che al Derungs Festival di Coira e in altre località. Confermati il Concerto di San Silvestro con Martha Argerich, la seconda edizione del festival Presenza affidato alla violoncellista Sol Gabetta e i due appuntamenti a Bellinzona con il Concerto di Natale alle Officine e quello del Venerdì santo alla Collegiata.

Per quanto riguarda la partecipazione dell’Osi alle Settimane musicali di Ascona, dopo che quest’anno – per la prima volta nella storia di questo festival – non si è riusciti a trovare un accordo, le trattative per l’edizione 2023 sono in corso e, da noi interpellato, il direttore artistico-amministrativo Christian Weidmann si è detto molto positivo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
musica orchestra svizzera italiana
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved