ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
31 min

Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television

Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Culture
15 ore

Sgarbi: ‘Il logo Bergamo-Brescia è di insolente bruttezza’

Il sottosegretario contro la grafica delle capitali della Cultura: ‘Un particolare di un dipinto di Caravaggio sarebbe stato più rappresentativo’
Scienze
15 ore

Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano

Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
Arte
23 ore

Il Museo etnografico apre le sue Finestre sull’arte

Il volume edito da Salvioni, con oltre cinquanta schede, racconta il patrimonio artistico dalla Valle di Muggio alla Val Mara, dall’epoca romana a oggi
L’intervista
1 gior

Si alza forte ‘Il suono della guerra’

Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
Arte
1 gior

Michel Houellebecq protagonista di un corto a luci rosse

Il collettivo Kirac, specializzato in video ‘controversi’, riprende lo scrittore francese nudo mentre viene baciato. A marzo la pubblicazione.
Culture
1 gior

Il concerto ‘scomodo’ del pianista ucraino, l’Osi lo sostituisce

L’esclusione di Alexander Romanovsky sarebbe riconducibile a un video col violinista Lundstream, per i media britannici sostenitore di Putin
Arte
1 gior

‘Amore e Psiche stanti’ del Canova venduti per oltre un milione

L’opera della collezione di Veneto Banca, del valore stimato in un paio di centinaia di migliaia di euro, è stata battuta all’asta per una cifra record
SALUTE
1 gior

L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus

Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
1 gior

John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo

Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
1 gior

L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora

La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
1 gior

Il furto della memoria

A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
1 gior

Raccontarsi con una lingua adottiva

Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
2 gior

Il volontario Guido e Margherita

Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
2 gior

Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola

Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Culture
2 gior

A Milano una serata per celebrare la Cramps Records

Etichetta fondata nel 1972 da Gianni Sassi, pubblicò ‘Arbeit Macht Frei’, primo album degli Area. Appuntamento al Lirico Giorgio Gaber giovedì 6 aprile
04.04.2022 - 19:18
Aggiornamento: 21:45

Grammy Awards, la musica ha più voce del cinema

Highlights da Las Vegas, gli Oscar della musica, dove non sono volati pugni e l’Academy ha fatto parlare Volodymyr Zelensky

grammy-awards-la-musica-ha-piu-voce-del-cinema
Keystone
‘Aiutateci in ogni modo ma non con il silenzio, e verrà la pace’

Due buone notizie. A differenza di quanto accaduto agli Oscar del Cinema, a quelli della musica nessuno ha preso a schiaffi chicchessia e al posto della schermata un po’ scaricabarile con l’hashtag ‘standforukraine’ – in un silenzio che al Dolby Theatre di Hollywood fu più imbarazzante che intimo – alla MGM Grand Garden Arena di Las Vegas c’era il presidente ucraino in collegamento streaming. L’Oscar della musica – il Grammy, da ‘grammofono’ – ha più voce dell’Oscar del cinema. E più coraggio. All’alba di lunedì, dopo un galà durato quattro ore, Volodymyr Zelensky ha avuto dalla National Academy of Recording Arts and Sciences (Recording Academy, più brevemente detto) quella finestra sul mondo negatagli la scorsa settimana dall’Academy of Motion Picture Arts and Sciences (o ‘Academy’), quando ogni pressione sulle star del cinema e pure la minaccia di Sean Penn di fondere le due statuette vinte (al momento, dell’avvenuta fusione non si ha notizia) risultarono del tutto inutili.

“Aiutateci, ma non col silenzio. Riempite il silenzio della morte con la vostra musica“, ha detto Zelenski durante la cerimonia di consegna dei Grammy, nella consueta tenuta verde militare e nel consueto formato 16/9, la proporzione dello schermo nella quale lo si ascolta nei parlamenti del mondo, quella stessa proporzione che ci porta in casa la guerra, qualunque sia il canale televisivo. Il suo è stato un discorso basato sulla contrapposizione guerra-musica (d’altra parte, "cosa ci può essere di più opposto?”) e su quella musica-silenzio: "I nostri musicisti indossano il giubbotto antiproiettile invece dello smoking, cantano per i feriti, negli ospedali, anche per coloro che non li possono sentire». E ancora: "Sulla nostra terra combattiamo la Russia che con le sue bombe ha portato il silenzio: riempite il silenzio della morte con la vostra musica, con la vostra storia, aiutateci in ogni modo ma non con il silenzio, e verrà la pace”.

Grammofoni postumi

Prima e dopo Zelensky, la consueta pioggia di riconoscimenti per la messe di categorie, ogni anno destinatarie di omaggio fisico (un grammofono, non a caso). A partire dalla prima, il ‘Record Of The Year’, e cioè ‘Leave The Door Open’ del superduo soul-funk Bruno Mars-Anderson Paak anche detti Silk Sonic, fino all’86esima, ‘Best Music Film’, vinta da ‘Summer Of Soul’, film sull’Harlem Cultural Festival del 1969. In mezzo, tra i premi principali, il duo Silk Sonic ha vinto anche per la miglior canzone e la miglior performance R&B (sempre ‘Leave The Door Open’); ‘Miglior album’ è ‘We are’ di Jon Baptiste, bandleader dello Stephen Colbert Show, già Oscar, Bafta e Golden Globe due anni fa per la colonna sonora del film d’animazione Pixar-Disney ‘Soul’. Suoi anche altri quattro Grammy quest’anno, compreso quello per il Miglior video.

In ambiti pop, la pluricandidata Olivia Rodrigo ha vinto per la Migliore performance (‘Drivers Licence’) e per il Miglior Album (‘Sour’), oltre che come Miglior artista emergente; ‘Love For Sale’ di Lady Gaga e Tony Bennett, omaggio a Cole Porter, è per l’Academy il Miglior album di traditional pop. Il rock, a pochi giorni dalla scomparsa del batterista Taylor Hawkins, morto in un hotel di Bogotà in modalità che la musica ben conosce, è affare per i Foo Fighters, tre Grammy – Miglior album (‘Medicine At Midnight’), Miglior canzone rock (‘Waiting For A War’) e Miglior performance rock (‘Making A Fire’) – che vanno ad aggiungersi ai precedenti 12. La band di Dave Grohl, orfana dell’amico e musicista (Billie Eilish ce l’aveva sulla t-shirt mentre cantava ‘Happier Than Ever’), è ora la formazione americana con più riconoscimenti, benché lontana dai non americani U2, che di grammofoni ne hanno vinti 22.

Il Country ha riservato molti premi a Chris Stapleton, la New age ha visto vincere l’ex Police Stewart Copeland con Ricky Key (Miglior album per ‘Divine Tides’). Nel jazz, Chick Corea a un anno dalla morte ha conquistato altri due Grammy: quello per il Miglior solo (‘Humpty Dumpty’, dall’album ‘Akoustic Band Live’, con John Patitucci e Dave Weckl) e per il Miglior album latin jazz (‘Mirror Mirror’, insieme a Elian Elias e Chucho Valdés). Nella categoria ‘Americana’, i Los Lobos (‘Native Sons’) hanno battuto Jackson Browne, John Hiatt e tutti gli altri nominati. Menzione per Bonnie Raitt, Lifetime achievement award (alla carriera).

‘Free’

Tornando a Zelenski. Ha parlato in inglese prima che il 12 volte Grammy John Legend eseguisse la nuova canzone intitolata ‘Free’, a tutti gli effetti una preghiera: “Lascia che una scritta attraversi il cielo così in alto che pure i missili possano sapere che esiste un Dio / Io dico, Signore, fai piovere libertà fino a che saremo tutti liberi”. Legend, Grammy nel 2021 per ‘Bigger Love’, miglior album R&B, era accompagnato alla bandura (strumento tradizionale ucraino) da Suizanna Iglidan, originaria di Odessa ma residente a Denver, dalla cantante ucraina Mika Newton e dalla poetessa Lyuba Yakimchuck, tutte e tre vestite dei colori della bandiera nazionale. Anche Yaminchuck aveva con sé una preghiera: “Perdona le nostre città distrutte, anche se non perdoniamo per loro i nostri nemici. Proteggi mio marito, i miei genitori, mio figlio e la mia patria”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved