ULTIME NOTIZIE Culture
Video
Musica
28 min

’Rush!’ dei Måneskin è primo anche in Svizzera

Pubblicato lo scorso 20 gennaio, l’album della band italiana comanda anche in Italia, Francia, Giappone, Belgio, Paesi Bassi e Lituania
Musica
1 ora

Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television

Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Culture
16 ore

Sgarbi: ‘Il logo Bergamo-Brescia è di insolente bruttezza’

Il sottosegretario contro la grafica delle capitali della Cultura: ‘Un particolare di un dipinto di Caravaggio sarebbe stato più rappresentativo’
Scienze
16 ore

Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano

Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
Arte
1 gior

Il Museo etnografico apre le sue Finestre sull’arte

Il volume edito da Salvioni, con oltre cinquanta schede, racconta il patrimonio artistico dalla Valle di Muggio alla Val Mara, dall’epoca romana a oggi
L’intervista
1 gior

Si alza forte ‘Il suono della guerra’

Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
Arte
1 gior

Michel Houellebecq protagonista di un corto a luci rosse

Il collettivo Kirac, specializzato in video ‘controversi’, riprende lo scrittore francese nudo mentre viene baciato. A marzo la pubblicazione.
Culture
1 gior

Il concerto ‘scomodo’ del pianista ucraino, l’Osi lo sostituisce

L’esclusione di Alexander Romanovsky sarebbe riconducibile a un video col violinista Lundstream, per i media britannici sostenitore di Putin
Arte
1 gior

‘Amore e Psiche stanti’ del Canova venduti per oltre un milione

L’opera della collezione di Veneto Banca, del valore stimato in un paio di centinaia di migliaia di euro, è stata battuta all’asta per una cifra record
SALUTE
1 gior

L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus

Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
1 gior

John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo

Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
1 gior

L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora

La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
1 gior

Il furto della memoria

A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
2 gior

Raccontarsi con una lingua adottiva

Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
2 gior

Il volontario Guido e Margherita

Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
2 gior

Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola

Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Culture
2 gior

A Milano una serata per celebrare la Cramps Records

Etichetta fondata nel 1972 da Gianni Sassi, pubblicò ‘Arbeit Macht Frei’, primo album degli Area. Appuntamento al Lirico Giorgio Gaber giovedì 6 aprile
Musica
2 gior

LuganoMusica, Francesco Piemontesi tra Debussy e Schubert

Martedì 31 gennaio alle 20.30 al Lac. Poco prima, alle 19.30 nella Hall, in dialogo con Etienne Reymond, il pianista presenta il programma al pubblico
Scienze
2 gior

Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima

Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
3 gior

Maestro, che ne pensa dei Måneskin?

Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
28.03.2022 - 21:20

Ombre e luci degli Oscar 2022

Una cerimonia imbarazzante con una frammentazione dei premi, segno di un periodo pieno di dubbi

di Ugo Brusaporco
ombre-e-luci-degli-oscar-2022
keystone
Ariana DeBose, miglior attrice non protagonista per West Side Story, Troy Kotsur, miglior attore non protagonsita per CODA, e Jessica Chastain, miglior attrice protagonsita per The Eyes of Tammy Faye

La 94ª edizione degli Academy Awards è stata una delle più imbarazzanti degli ultimi anni, ed era prevedibile visto il periodo di vacche magre che sta passando non solo l’industria di Hollywood, ma quella mondiale, dopo due anni di pandemia e questo al di là delle tante polemiche.
Il visibile scontro in diretta tra Will Smith e Chris Rock, con quest’ultimo caduto in una delle peggiori gaffe degli ultimi tempi quando per scherzare con Jada Pinkett Smith le dice che non vedeva l’ora di vederla in un sequel di ‘G.I. Jane’, con chiaro riferimento alla sua pettinatura corta ignorando però che l’attrice, moglie di Will Smith, ha anche una parziale caduta dei capelli a causa dell’alopecia. Succede così che il marito, Will Smith, si è alzato dal suo posto vicino al palco e avvicinatosi a Rock lo ha colpito in faccia. Dopo essersi seduto di nuovo, gli ha gridato due volte: "Rock tieni il nome di mia moglie fuori dalla tua fottuta bocca!". Cinema ai premi del cinema, con poi Smith che vince l’Oscar come miglior attore per la sua interpretazione in ‘King Richard’ – il film di Reinaldo Marcus Green sulla vita di Richard Williams, padre delle tenniste Venus e Serena Williams – e incentra il suo discorso sul bisogno di proteggere coloro che lo circondano, scusandosi poi con l’Academy. Ma non con Rock.
A incidere sull’evento anche la guerra in Ucraina e l’invito dell’Academy al presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy a partecipare virtualmente via satellite o in forma pre-registrata, in modo da rendere la cerimonia politicamente più seria delle precedenti. Il 26 marzo, il giorno prima della cerimonia, comunque, Sean Penn, in un’intervista alla Cnn, aveva promesso boicottare la cerimonia se l’Academy avesse confermato di non aver invitato Zelenskyy. Penn aveva inoltre aggiunto: "Non c’è niente di più grande che gli Academy Awards potrebbero fare che dargli l’opportunità di parlare con tutti noi… A proposito, questo è un uomo che capisce i film e ha avuto la sua carriera molto lunga e di successo. Se l’Academy ha deciso di non farlo, se i presentatori hanno scelto di non seguire la leadership in Ucraina che sta prendendo proiettili e bombe per noi, insieme ai bambini ucraini che stanno cercando di proteggere, allora penso che ognuna delle persone che ha preso quella decisione rappresenti il momento più vergognoso di tutta la storia di Hollywood". Durante la cerimonia si è tenuto un momento di silenzio in segno di rispetto per il popolo ucraino.
Poi ci sono stati i soliti problemi con gli inviti: Rachel Zegler, che ha interpretato María in ‘West Side Story’, ha annunciato su Instagram di non essere stata invitata a partecipare alla cerimonia, suscitando polemiche sui social media, anche perché il mancato invito a Zegler si è accompagnato a quello recapitato a vari personaggi al di fuori dell’industria cinematografica come lo skateboarder professionista Tony Hawk, la surfista Kelly Slater e lo snowboarder Shaun White.Il problema è stato risolto il giorno successivo quando l’Academy l’ha invitata a fare la presentatrice.
Ha poi fatto molto discutere la decisione dell’Academy di programmare alcune premiazioni al di fuori dell’evento televisivo: più di 70 professionisti del cinema – tra cui James Cameron, Jane Campion, Guillermo del Toro, Denis Villeneuve e John Williams – hanno pubblicamente esortato l’Academy a invertire il controverso piano che secondo loro avrebbe relegato alcuni candidati allo "status di cittadini di seconda classe". Parliamo di cinque Oscar "under-the-line" (tecnici) e dei tre premi per i cortometraggi che, posizionati nell’ora precedente la diretta televisiva, comporterebbero "un danno irreparabile" alla reputazione degli Oscar "umiliando quelle professioni che, nelle loro espressioni più straordinarie, rendono l’arte del cinema degna di essere celebrata". Jessica Chastain, candidata (e poi vincitrice) quale migliore attrice aveva annunciato la sua decisione di saltare il tappeto rosso e altri incontri con la stampa per poter essere in teatro al momento della consegna del’Oscar al miglior trucco e acconciatura per supportare il team che ha lavorato con lei in ‘The Eyes of Tammy Faye’, poi vincitore.

Al di là di tutto, i premi

E infine i premi che non hanno determinato un vero grande trionfatore. ‘Coda’ (acronimo di Children of Deaf Adults, figlio udente di genitori sordi) ha vinto tre premi durante la cerimonia, incluso quello per il miglior film. ‘Dune’ ha vinto ben sei premi, mentre ‘The Eyes of Tammy Faye’ ne ha conquistati due. Corposo l’elenco dei film che hanno concluso la serata con un solo Oscar: ‘The Power of the Dog’, ‘King Richard’, ‘West Side Story’, ‘Drive My Car’, ‘Encanto’, ‘Belfast’, ‘No Time to Die’, ‘Cruella’, ‘The Long Goodbye’, ‘The Queen of Basketball’, ‘Summer of Soul’ e ‘The Windshield Wiper’.
L’Oscar per il miglior film, come detto, è andato a ‘Coda’ di Sian Heder, remake del film francese ‘La famiglia Belier’ (2014) di Eric Lartigau. Presentato al Sundance 2021 nella sezione dramma, era risultato vincitore del Gran Premio della Giuria, Premio del Pubblico, Premio Speciale per il cast e Premio per la miglior regia, qui oltre all’Oscar per il miglior film – andato ai produttori Philippe Rousselet, Fabrice Gianfermi e Patrick Wachsberger – ha avuto quello per miglior attore non protagonista a Troy Kotsur, primo attore sordo premiato agli Oscar; il terzo premio è per la miglior sceneggiatura non originale, andato allo stesso regista Sian Heder. Questo premio pone un problema importante che già il film francese da cui deriva lo aveva in parte posto: un film sull’handicap su che corde emozionali gioca prima di essere giudicato come film? La domanda me la sono posta mentre su Raiuno stavano trasmettendo un programma con ospite una bravissima giovane attrice down italiana: involontariamente tutte le persone intorno la guardavano come fosse un animaletto dello zoo altro da loro. Ricordo con commozione il film ‘Le pays des sourds’ (1992) capolavoro di Nicolas Philiber, un film di rispetto, mai superficiale come può essere un remake industriale, come quest’Oscar.
Il film che vinto più statuette è stato ‘Dune’ di Denis Villeneuve: miglior fotografia a Greig Fraser, miglior montaggio a Joe Walker, miglior musica originale a Hans Zimmer e poi ancora miglior sonoro a Mac Ruth, Mark Mangini, Theo Green, Doug Hemphill e Ron Bartlett, miglior scenografia a Patrice Vermette e Zsuzsanna Sipos, e migliori effetti speciali a Paul Lambert, Tristan Myles, Brian Connor e Gerd Nefzer. Tutti meritatissimi, ma forse il premio più meritato di questi Oscar 2022 è quello di cui si è dovuto accontentare Ryusuke Hamaguchi per il suo ‘Drive My Car’, già premiato a Cannes 2021, e qui onorato come Best International Feature Film. Un solo Oscar anche per Jane Campion, premiata per la regia per il suo ‘The Power of the Dog’.
In generale una grande frammentazione di premi per un periodo pieno di dubbi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved