ombre-e-luci-degli-oscar-2022
keystone
Ariana DeBose, miglior attrice non protagonista per West Side Story, Troy Kotsur, miglior attore non protagonsita per CODA, e Jessica Chastain, miglior attrice protagonsita per The Eyes of Tammy Faye
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
1 ora

A JazzAscona la serata dei canadesi The Dead South

L’energico bluegrass rock della popolare band, i ticinesi Freddie & The Cannonballs, un workshop per trombettisti. Tutto il programma di lunedì 27.
Spettacoli
2 ore

A San Bernardino il Floating Notes Festival 2022

La seconda edizione, il 22 e 23 luglio, firmata da Kety Fusco con diversi artisti svizzeri
Arte
7 ore

L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida

Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia
Scienze
15 ore

Gli esseri umani cercano amici che abbiano il loro stesso odore

Uno studio mostra che le persone che hanno un odore simile hanno maggiori possibilità di andare d’accordo
Estate giallo-nera
1 gior

Attraente e inquietante, la Milano di Giorgio Scerbanenco

‘Traditori di tutti’, una scrittura dinoccolata come la figura dello scrittore, e che non somiglia a nessun’altra
Microcosmi
1 gior

Transiti, nove e dieci

Da Ponte Chiasso terra di mezzo verso Monte Olimpino, poi il lago di Como. Fuggire per tornare a se stessi, così come fugge Travis...
Fotografia
1 gior

Il Monte Generoso di Catania

Istantanee da ‘My Generoso. Una Montagna per Amico’ al Fiore di Pietra, mostra del fotografo italiano Yuri Catania, che dal 2018 vive a Rovio
Letteratura
1 gior

Harry Potter, i venticinque anni di un maghetto bestseller

Oggi è il compleanno della saga di J. K. Rowling che ha cambiato l’universo del fantasy per ragazzi, incantando il mondo intero
Culture
2 gior

La scienza su libreo.ch, piattaforma dell’editoria svizzera

Raggruppa editori che pubblicano lavori nel campo delle scienze umane. Incluse le Edizioni Casagrande, da luglio
Spettacoli
2 gior

Multa da 23,5 milioni di euro a Viagogo

Maximulta in Italia per la rivendita di biglietti per numerosi concerti a prezzi fino a sette volte più alti del normale
Spettacoli
2 gior

Musical: ‘Chicago’ celebra i 10mila show

È secondo soltanto a ‘Il fantasma dell’Opera’. Dopo il debutto a Broadway nel 1996, in oltre 25 anni è stato rappresentato in 36 paesi
Società
2 gior

Stone su Haggis: ‘Se incontri una donna meglio essere in tre’

Sulle più recenti accuse al collega di violenza sessuale, Oliver Stone contro il #MeToo: ‘Non vogliamo un altro caso alla Amanda Knox’
Spettacoli
2 gior

Caparezza si arrende all’acufene: stop ai live dopo l’estate

Il rapper pugliese sospenderà l’attività dal vivo alla fine del tour estivo per l’ultimo album ‘Exuvia’ per i problemi all’udito di cui soffre da tempo
Spettacoli
2 gior

Eminem torna a sorpresa con un singolo insieme a Snoop Dogg

Si intitola ‘From the D 2 The LBC’ l’ultima collaborazione fra le due superstar del rap a stelle e strisce
Spettacoli
2 gior

Omaggio ad Aretha e Messa gospel, il weekend di JazzAscona

Il programma di sabato e domenica, dal tributo alla regina del soul con Gabrielle Cavassa, Erica Falls e Nayo Jones fino a Michael Watson & The Alchemy
Arte
2 gior

Come filo di Arianna, l’opera di Marcel Dupertuis

Il Museo Vincenzo Vela di Ligornetto propone una mostra monografica e retrospettiva dedicata al poliedrico artista. Inaugurazione: 26 giugno alle 11.
L'intervista
2 gior

JazzAscona incorona Nolan Quinn, Swiss Jazz Award 2022

Il trombettista si esibisce sabato 25 giugno: “Se la mia musica può essere un piacere per chi l’ascolta, questo è ragione sufficiente per suonarla”
Scienze
3 gior

Le tartarughe possono frenare e spegnere l’invecchiamento

Lo dimostrano due studi indipendenti, danese e statunitense, pubblicati su Science
Scienze
3 gior

Scoperto un batterio gigante: è visibile a occhio nudo

Si chiama Thiomargarita magnifica, ed è stato individuato nell’arcipelago di Guadalupa: è lungo un centimetro e sfida le leggi della biologia
Scienze
3 gior

Animali domestici non tradizionali, rischio aumentato di zoonosi

Virus e batteri sono più facilitati a spostarsi dagli animali alle persone. Vari focolai negli Usa sono riconducibili a roditori, rettili, furetti e altri
28.03.2022 - 21:20

Ombre e luci degli Oscar 2022

Una cerimonia imbarazzante con una frammentazione dei premi, segno di un periodo pieno di dubbi

di Ugo Brusaporco

La 94ª edizione degli Academy Awards è stata una delle più imbarazzanti degli ultimi anni, ed era prevedibile visto il periodo di vacche magre che sta passando non solo l’industria di Hollywood, ma quella mondiale, dopo due anni di pandemia e questo al di là delle tante polemiche.
Il visibile scontro in diretta tra Will Smith e Chris Rock, con quest’ultimo caduto in una delle peggiori gaffe degli ultimi tempi quando per scherzare con Jada Pinkett Smith le dice che non vedeva l’ora di vederla in un sequel di ‘G.I. Jane’, con chiaro riferimento alla sua pettinatura corta ignorando però che l’attrice, moglie di Will Smith, ha anche una parziale caduta dei capelli a causa dell’alopecia. Succede così che il marito, Will Smith, si è alzato dal suo posto vicino al palco e avvicinatosi a Rock lo ha colpito in faccia. Dopo essersi seduto di nuovo, gli ha gridato due volte: "Rock tieni il nome di mia moglie fuori dalla tua fottuta bocca!". Cinema ai premi del cinema, con poi Smith che vince l’Oscar come miglior attore per la sua interpretazione in ‘King Richard’ – il film di Reinaldo Marcus Green sulla vita di Richard Williams, padre delle tenniste Venus e Serena Williams – e incentra il suo discorso sul bisogno di proteggere coloro che lo circondano, scusandosi poi con l’Academy. Ma non con Rock.
A incidere sull’evento anche la guerra in Ucraina e l’invito dell’Academy al presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy a partecipare virtualmente via satellite o in forma pre-registrata, in modo da rendere la cerimonia politicamente più seria delle precedenti. Il 26 marzo, il giorno prima della cerimonia, comunque, Sean Penn, in un’intervista alla Cnn, aveva promesso boicottare la cerimonia se l’Academy avesse confermato di non aver invitato Zelenskyy. Penn aveva inoltre aggiunto: "Non c’è niente di più grande che gli Academy Awards potrebbero fare che dargli l’opportunità di parlare con tutti noi… A proposito, questo è un uomo che capisce i film e ha avuto la sua carriera molto lunga e di successo. Se l’Academy ha deciso di non farlo, se i presentatori hanno scelto di non seguire la leadership in Ucraina che sta prendendo proiettili e bombe per noi, insieme ai bambini ucraini che stanno cercando di proteggere, allora penso che ognuna delle persone che ha preso quella decisione rappresenti il momento più vergognoso di tutta la storia di Hollywood". Durante la cerimonia si è tenuto un momento di silenzio in segno di rispetto per il popolo ucraino.
Poi ci sono stati i soliti problemi con gli inviti: Rachel Zegler, che ha interpretato María in ‘West Side Story’, ha annunciato su Instagram di non essere stata invitata a partecipare alla cerimonia, suscitando polemiche sui social media, anche perché il mancato invito a Zegler si è accompagnato a quello recapitato a vari personaggi al di fuori dell’industria cinematografica come lo skateboarder professionista Tony Hawk, la surfista Kelly Slater e lo snowboarder Shaun White.Il problema è stato risolto il giorno successivo quando l’Academy l’ha invitata a fare la presentatrice.
Ha poi fatto molto discutere la decisione dell’Academy di programmare alcune premiazioni al di fuori dell’evento televisivo: più di 70 professionisti del cinema – tra cui James Cameron, Jane Campion, Guillermo del Toro, Denis Villeneuve e John Williams – hanno pubblicamente esortato l’Academy a invertire il controverso piano che secondo loro avrebbe relegato alcuni candidati allo "status di cittadini di seconda classe". Parliamo di cinque Oscar "under-the-line" (tecnici) e dei tre premi per i cortometraggi che, posizionati nell’ora precedente la diretta televisiva, comporterebbero "un danno irreparabile" alla reputazione degli Oscar "umiliando quelle professioni che, nelle loro espressioni più straordinarie, rendono l’arte del cinema degna di essere celebrata". Jessica Chastain, candidata (e poi vincitrice) quale migliore attrice aveva annunciato la sua decisione di saltare il tappeto rosso e altri incontri con la stampa per poter essere in teatro al momento della consegna del’Oscar al miglior trucco e acconciatura per supportare il team che ha lavorato con lei in ‘The Eyes of Tammy Faye’, poi vincitore.

Al di là di tutto, i premi

E infine i premi che non hanno determinato un vero grande trionfatore. ‘Coda’ (acronimo di Children of Deaf Adults, figlio udente di genitori sordi) ha vinto tre premi durante la cerimonia, incluso quello per il miglior film. ‘Dune’ ha vinto ben sei premi, mentre ‘The Eyes of Tammy Faye’ ne ha conquistati due. Corposo l’elenco dei film che hanno concluso la serata con un solo Oscar: ‘The Power of the Dog’, ‘King Richard’, ‘West Side Story’, ‘Drive My Car’, ‘Encanto’, ‘Belfast’, ‘No Time to Die’, ‘Cruella’, ‘The Long Goodbye’, ‘The Queen of Basketball’, ‘Summer of Soul’ e ‘The Windshield Wiper’.
L’Oscar per il miglior film, come detto, è andato a ‘Coda’ di Sian Heder, remake del film francese ‘La famiglia Belier’ (2014) di Eric Lartigau. Presentato al Sundance 2021 nella sezione dramma, era risultato vincitore del Gran Premio della Giuria, Premio del Pubblico, Premio Speciale per il cast e Premio per la miglior regia, qui oltre all’Oscar per il miglior film – andato ai produttori Philippe Rousselet, Fabrice Gianfermi e Patrick Wachsberger – ha avuto quello per miglior attore non protagonista a Troy Kotsur, primo attore sordo premiato agli Oscar; il terzo premio è per la miglior sceneggiatura non originale, andato allo stesso regista Sian Heder. Questo premio pone un problema importante che già il film francese da cui deriva lo aveva in parte posto: un film sull’handicap su che corde emozionali gioca prima di essere giudicato come film? La domanda me la sono posta mentre su Raiuno stavano trasmettendo un programma con ospite una bravissima giovane attrice down italiana: involontariamente tutte le persone intorno la guardavano come fosse un animaletto dello zoo altro da loro. Ricordo con commozione il film ‘Le pays des sourds’ (1992) capolavoro di Nicolas Philiber, un film di rispetto, mai superficiale come può essere un remake industriale, come quest’Oscar.
Il film che vinto più statuette è stato ‘Dune’ di Denis Villeneuve: miglior fotografia a Greig Fraser, miglior montaggio a Joe Walker, miglior musica originale a Hans Zimmer e poi ancora miglior sonoro a Mac Ruth, Mark Mangini, Theo Green, Doug Hemphill e Ron Bartlett, miglior scenografia a Patrice Vermette e Zsuzsanna Sipos, e migliori effetti speciali a Paul Lambert, Tristan Myles, Brian Connor e Gerd Nefzer. Tutti meritatissimi, ma forse il premio più meritato di questi Oscar 2022 è quello di cui si è dovuto accontentare Ryusuke Hamaguchi per il suo ‘Drive My Car’, già premiato a Cannes 2021, e qui onorato come Best International Feature Film. Un solo Oscar anche per Jane Campion, premiata per la regia per il suo ‘The Power of the Dog’.
In generale una grande frammentazione di premi per un periodo pieno di dubbi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cinema oscar
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved