ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
7 ore

A Milano una serata per celebrare la Cramps Records

Etichetta fondata nel 1972 da Gianni Sassi, pubblicò ‘Arbeit Macht Frei’, primo album degli Area. Appuntamento al Lirico Giorgio Gaber giovedì 6 aprile
Musica
8 ore

LuganoMusica, Francesco Piemontesi tra Debussy e Schubert

Martedì 31 gennaio alle 20.30 al Lac. Poco prima, alle 19.30 nella Hall, in dialogo con Etienne Reymond, il pianista presenta il programma al pubblico
Scienze
14 ore

Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima

Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
18 ore

Maestro, che ne pensa dei Måneskin?

Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
19 ore

‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)

Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
Jazz Cat Club
19 ore

Strino-Tandoi, Napoli incontra Roma e lo swing diventa solare

Una pianista e una chitarrista accomunate dall’amore per lo swing e per la melodia, venerdì 27 gennaio al Teatro del Gatto. Intervista a Francesca Tandoi
Giornate del cinema
1 gior

‘Until Branches Bend’, c’è un po’ di Ticino nel Prix de Soleure

Prodotto dalla luganese Cinédokké, al film della regista svizzero-canadese Sophie Jarvis è andato il premio più importante di Soletta
Culture
1 gior

Con le ‘Locarno Short Weeks’ un mese di cortometraggi

Dal 1º al 28 febbraio quinta edizione online di uno degli spin-off del Locarno Film Festival più amati dal pubblico, con più proposte e offerta on demand
La recensione
1 gior

Gabriele Lavia e i sonagli pirandelliani

Nato a Milano con profonde radici sicule, l’80enne Lavia è il Ciampa sornione del ‘Berretto a sonagli’ visto al Lac (tra alcuni ‘ooh’ di meraviglia)
Cinema
1 gior

Shirin Neshat dalla terra dei sogni

Fra critica sociale ed esperienza personale arriva nelle sale ticinesi ‘Land of Dreams’ dell’artista iraniana. Dal 26 gennaio all’Iride e all’Otello
Società
1 gior

‘Esserci’. L’impronta di Mario Timbal alla Rsi

Il bilancio del direttore su cosa è cambiato e cosa ancora potrebbe cambiare, tra nuovi programmi, successi, critiche e grattacapi politici
Cinema
2 gior

Oscar, 11 nomination per ‘Everything Everywhere All at Once’

In testa gli universi alternativi della coppia Kwan-Scheinert. Segue ‘Gli spiriti dell’isola’. Spielberg vede la terza statuetta; John Williams la sesta
28.03.2022 - 07:37
Aggiornamento: 08:21

Colpo di... Coda agli Oscar. Ma la scena la ruba Will Smith

Alla 94esima edizione della consegna delle ambite statuette, Apple batte Netflix, e i servizi in streaming sbaragliano le major

Ansa, a cura de laRegione
colpo-di-coda-agli-oscar-ma-la-scena-la-ruba-will-smith
Keystone
I grandi vincitori della 94esima edizione

Nella corsa agli Oscar, Apple ha battuto Netflix e i servizi in streaming hanno sbaragliato le major: ‘I Segni del Cuore - Coda’, uscito sulla tv della mela col morso dopo aver debuttato l’anno scorso al Sundance Festival, ha portato a casa la statuetta più ambita, quella per il miglior film, contro ’Il Potere del Cane’ prodotto dal colosso di Los Gatos. Ma è stata anche la serata di Jane Campion, la terza donna nella storia degli Oscar a vincere come regista per quel western atipico arrivato alla vigilia dei premi con ben 12 nomination, vincendone uno

È stata la rivincita su Steven Spielberg, candidato per ‘West Side Story’ che le aveva sottratto il premio quando era entrata in cinquina per ‘The Piano’. Will Smith ha rubato la scena: un pugno in diretta al comico Chris Rock che aveva ironizzato sulla testa rasata di sua moglie Jada Pinkett (che invece soffre di alopecia da tempo). È intervenuta la censura ma chi sa leggere le labbra ha colto l’insulto, a riprova che non era uno sketch programmato. Il protagonista di ’King Richard - Una scelta vincente’ si è poi scusato tra le lacrime a pioggia accettando l’Oscar per il miglior attore: «L’arte imita la vita: sembro il padre pazzo, come dicevano di Richard Williams, un feroce difensore della sua famiglia. L’amore ti fa fare pazzie».

La 94esima edizione ha premiato il giapponese ‘Drive My Car’ di Ryusuke Hamaguchi come miglior pellicola internazionale.

Tanti temi sono venuti alla ribalta: la disabilità in primo luogo, e poi i diritti Lgbtq evocati da Jessica Chastain vincitrice (con standing ovation di tutto il teatro) come migliore attrice per ‘Gli Occhi di Tammy Faye’ nel ruolo di una telepredicatrice popolarissima negli anni Ottanta che, in controtendenza con l‘ortodossia della destra religiosa negli anni dell’Aids, si era presa a cuore la causa dei gay. Tema anticipato già da un altro Oscar storico: quello a Ariana deBose migliore attrice non protagonista per la parte di Anita in ’West Side Story’, non solo la seconda latina dopo Rita Moreno per lo stesso ruolo nel 1962, ma anche la prima persona apertamente Lgbtq a vincere un premio per la recitazione.

La guerra in Ucraina ha trovato spazio in un minuto di silenzio e in tanti nastrini azzurro-gialli indossati dalle star, ma l’atteso collegamento con il presidente ucraino Volodymyr Zelenksky non si è concretizzato, contro gli appelli di star come Sean Penn che aveva minacciato di fondere in diretta le sue due statuette se questo non fosse successo.

‘Coda’ è il primo film uscito a Sundance che si accaparra l’Oscar più prestigioso. Oltre che come miglior film, la pellicola sui pescatori sordi del Massachusetts ha vinto per la migliore sceneggiatura non originale e per il miglior attore non protagonista, Troy Kotsur, accolto da applausi nella lingua dei segni, e che nella lingua dei segni ha fatto ridere e piangere gli spettatori evocando scene sul set e la figura del padre, «il miglior ’signer’» della sua famiglia a cui un incidente stradale aveva levato la possibilità di usare le mani. Kotsur è il primo attore sordo a vincere un Oscar.

‘Belfast’, ispirato all’infanzia di Kenneth Branagh durante i ‘Troubles’ nell’Irlanda del Nord, era partito in pole position: si è accontentato del premio per la miglior sceneggiatura originale in una corsa competitiva.

‘Dune’ ha sbaragliato sul fronte tecnico: di 10 nomination, sei sono diventate statuette, tra cui la colonna sonora di Hans Zimmer. Billie Eilish e il fratello Finneas hanno vinto con ‘No Time to Die’ il premio per la migliore canzone. E per i documentari, la Summer of Soul del festival di Harlem 1969, riportata alla luce da ‘Questlove’.

La Hollywood giovane, da Timothee Chalamet a Kirsten Stewart, ha dominato il red carpet mentre la vecchia guardia ha reso omaggio ai 50 anni del ‘Padrino’ con Francis Ford Coppola, Al Pacino e Robert De Niro sul palco.

In chiusura un altro momento di commozione: una fragilissima Liza Minelli in sedia a rotelle ha presentato con Lady Gaga i dieci film in corsa per l‘ultima statuetta. Mezzo secolo fa la figlia di Judy Garland e Vincent Minnelli girava ’Cabaret’, il film che l’anno dopo le fece vincere l’Oscar. E nell’In Memoriam ha trovato posto per un ricordo Lina Wertmuller (oltre a tanti altri da William Hurt alla direttrice della fotografia ucraina Halina Hutchins uccisa per errore da Alec Baldwin sul set di Rust).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved