e-morto-il-compositore-carlo-ciceri
ti-press
Carlo Ciceri nel 2018
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
41 min

Steve Martin dice addio alla carriera di attore

L‘attore ha alle spalle quasi 60 anni di carriera. Attualmente è impegnato nella serie televisiva ‘Only Murders in the Building’
Sostiene Morace
1 ora

Ma col domenicale in pausa estiva, io con chi faccio polemica?

Mancano gli affondi sulla ‘kultura’ e lo sperpero di soldi pubblici del Festival. Ma restando al cinema, quant’è bello ‘Last Dance’
Chilometro zero
1 ora

Una matinée dedicata al tema della toponomastica al femminile

L’appuntamento è proposto nel solco della rassegna Chilometro zero, lunedì 22 agosto, alle 9, in Biblioteca cantonale a Lugano
Prix au Public
3 ore

Lattina di Feldi con pezzi di sottotitoli

Sfilate di direttori artistici, il tormentone sul Ceneri, le donne che non sudano (e altre storie locarnesi)
Piazza Grande
3 ore

Il Pardo alla carriera a Costa-Gavras, poi ‘Annie Colère’

È il programma di questa sera, che dalla storia di Annie porta al noir d’esordio del grande regista, che ritira il suo premio
In Concorso
5 ore

Immagini dell’immondizia e di un’umanità persa

‘Matter Out of Place’ dell’austriaco Nikolaus Geyrhalter vs ‘Regra 34’ della brasiliana Julia Murat: emozioni contrastanti
Estate giallo-nera
7 ore

Borges, raccontare l’infamia per amore del coraggio

‘Storia universale dell’infamia’, sette storie di Jorge Luis Borges, che di scrivere racconti aveva tanta paura
Locarno 75
9 ore

La normalità non binaria dell’adolescente Robin

A colloquio con Trevor Anderson, tra i Cineasti del presente con ‘Before I Change My Mind’, uno dei film più sorprendenti di questa 75esima edizione
Locarno 75
11 ore

Non sapeva di sognare, Piazza Grande è un sogno che s’avvera

La regista Caterina Mona ci parla di ‘Semret’, suo primo lungometraggio proiettato mercoledì sera a Locarno. ‘Sentivo che era un film necessario’
23.03.2022 - 20:21

È morto il compositore Carlo Ciceri

Lo ha reso noto il Conservatorio della Svizzera italiana dove Ciceri era attivo nella direzione e come responsabile di 900present e

Carlo Ciceri, compositore e membro della commissione di direzione del Conservatorio della Svizzera italiana, è morto in seguito a un incidente avvenuto nei giorni scorsi. Una morte improvvisa, di quelle che lasciano attoniti e che, oltre a rappresentare una enorme perdita professionale e affettiva, arriva a conclusione della prima edizione del Conservatorio in Festival, manifestazione coordinata proprio da Ciceri.

Quello di Carlo Ciceri era un nome conosciuto, nel mondo della musica contemporanea, legato soprattutto alla stagione 900presente ideata nel 1999 dal suo maestro Giorgio Bernasconi. È all’interno di questa rassegna, di cui poi è diventato responsabile, che Ciceri presentò uno dei suoi lavori: le musiche ‘Der gelbe Klang’, ardita composizione scenica che integra suono, colore e movimento, abbozzata nel 1912 da Vassilij Kandinskij le cui musiche originali di Thomas von Hartmann sono andate perdute, una delle tante opere programmate e commissionate da vari festival e istituzioni. Ma il suo impegno per la musica e per il Conservatorio della Svizzera italiana era ben più ampio e oggi, nell’annunciare ai collaboratori la triste notizia, il direttore generale Christoph Brenner ha ricordato "la sua versatilità e le sue capacità, sia a livello professionale, sia nei rapporti umani", doti che lo hanno portato a rivestire la carica di Delegato per i progetti strategici oltre che della Postformazione/Formazione continua. Ciceri si era anche occupato del fondo di solidarietà che il conservatorio aveva istituito nel 2020, quando la prima ondata pandemica aveva privato molti studenti dei ricavi concertistici. Carlo Ciceri, ha scritto sempre Brenner, era "competente negli aspetti musicali, grande conoscitore del repertorio contemporaneo e nei più svariati campi della cultura, abile nelle relazioni umane e carismatico, in possesso di uno spirito imprenditoriale, avverso alla burocratizzazione, capace di pensare in maniera strategica". Una persona capace di ragionare "senza ideologie e senza preconcetti" e con "un sano senso dello humour, anche e volentieri un po’ anarchico".

Carlo Ciceri è nato a La Spezia nel maggio del 1980. Dopo essersi diplomato in pianoforte al Conservatorio Puccini della Spezia, si è trasferito al Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano, dove ha proseguito la formazione in composizione (con Nadir Vassena) e in direzione di ensemble per la musica contemporanea (con il già ricordato Giorgio Bernasconi). Parallelamente, ha seguito accademie e masterclass di composizione in tutta Europa, laureandosi inoltre in Musicologia all’Università di Pavia.

Parallelamente all’impegno con il Conservatorio della Svizzera italiana, Cicesi nel 2010 è entrato a far parte dell’organizzazione RepertorioZero che nel 2011 ha vinto il Leone d’argento alla Biennale musica di Venezia; ha inoltre cofondato Crile, gruppo che sviluppa progetti di danza, musica e nuove tecnologie e EXPractica, un collettivo di artisti attivo nella danza, musica e new media.

La sua produzione, vincitrice negli ultimi anni di diversi concorsi internazionali e suonata da numerosi ensemble europei, si è incentrata soprattutto sulla musica strumentale, da brani per strumento solista ad opere per orchestra, esplorando anche la dimensione della musica elettronica.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
carlo ciceri conservatorio svizzera italiana
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved