ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
12 ore

‘Nostalgia’ di Mario Martone rappresenterà l’Italia agli Oscar

Scritto dallo stesso Martone con Ippolita di Majo, presentato a Cannes 2022, il film è ambientato nel rione Sanità a Napoli
Sconfinare Festival
12 ore

Capire il Metaverso con il professor Silvano Tagliagambe

La conferenza del filosofo della scienza si terrà venerdì 30 settembre alle 18, in Piazza del Sole a Bellinzona
Culture
12 ore

Dieci anni di Studio Foce, la nuova stagione artistica

Illustrata a Lugano la prima parte del cartellone 2022-2023. È affidata alla musica la festa del decennale: sabato 15 ottobre, Tre allegri ragazzi morti
Biografia
14 ore

Volevo una vita esagerata, cit. Axl Rose

In uscita le oltre trecento pagine aggiornate che raccontano la vita dei Guns n’ Roses e del loro frontman, dagli esordi fino al 2021
Classica
15 ore

Michele Mariotti e Marc Bouchkov aprono il ciclo Osi al Lac

Il direttore d’orchestra italiano e il violinista franco-belga si esibiranno su pagine di Brahms e Prokof’ev giovedì 29 settembre alle 20.30
Classica
15 ore

Skrjabin, Chopin e Beethoven suonati da Beatrice Rana

Il debutto alla 77esima edizione delle Settimane musicali della pianista salentina si svolgerà nella chiesa del Collegio Papio il 28 settembre, alle 19.30
Spettacoli
15 ore

Miss Behave al Murrayfield Pub di Chiasso

È il trio formato da Paola Caridi (batteria), Silvia Wakte (chitarra e voce), Camilla Missio (basso elettrico), venerdì 30 settembre dalle 22
Crisi energetica
16 ore

Misure di risparmio energetico alla Ssr

L’azienda al fine di garantire il mandato di servizio pubblico attuerà gli accorgimenti da subito per risparmiare il 13-15 per cento
20.03.2022 - 17:06

Al Sociale un grande omaggio a Battiato

Applausi per Alice che a Bellinzona ha ricordato il maestro della canzone italiana, dai ‘Treni di Tozeur’ a ‘Povera patria’

di Giovanni Medolago
al-sociale-un-grande-omaggio-a-battiato

Confessiamolo subito: ci affascina sin dal 1980, quando si chiamava ancora Alice Visconti e con la sua voce – potente, aggressiva e talvolta quasi baritonale – ci sbatteva in faccia ‘Il vento caldo dell’estate’. Decenni dopo, e a quasi un anno dalla scomparsa di Franco Battiato (18 maggio scorso), eccola al Sociale di Bellinzona gremito all’inverosimile pronta a riproporci quel suo hit che segnò l’inizio della proficua, decisiva collaborazione col Maestro siciliano.

Il pubblico ha però giustamente riservato il suo primo sentito applauso all’appello per la pace – lanciato in questi giorni in tutti i teatri italiani dal mondo dello spettacolo –, appello preceduto dal sinistro sibilare delle sirene d’allarme che in questi giorni riecheggia sull’Ucraina. Battiato corre in nostro aiuto ricordandoci che "le nuvole non possono annientare il sole", però ci ricorda pure che quando c’è di mezzo un dittatore, "la primavera tarda ad arrivare" (‘Povera patria’, forse il brano più feroce di Battiato contro i governanti, definiti "gente che non sa cos’è il pudore, perfetti quanto inutili buffoni"). Si stempera un po’ la tensione quando Alice ci porta su quella ‘Solitary Beach’, dove d’estate il sole ci nutriva e dalla quale un minatore bruno… tornava (ironico richiamo a quella strappalacrime d’una ‘Miniera’, Luciano Virgili tardi anni 40).

È la svolta del récital della "Cerbiatta di Forlì", il suo soprannome dovuto ai suoi grandi occhi e lanciato con scarsa fortuna dalla stampa, dopo la Tigre di qua, l’Aquila di là e passando per la Pantera. Arrivano i brani che, sempre supervisionati da Battiato, ha portato in vetta nelle hit parade di mezzo mondo (sembra che Alice abbia venduto più dischi in Germania che in Italia!). A partire da ‘Chan-son egocentrique’ che porta il pubblico al battimani ritmato. Si sale poi su quei ‘Treni di Tozeur’ che condussero lei e Franco all’Eurosong: "Non abbiamo vinto – ricorda lei sorridendo ma un po’ commossa –, però ci siamo divertiti un sacco!". Si superano le barriere gravitazionali (‘La cura’), miracolosamente la luce si unisce allo spazio e non risulta più impossibile trovare l’alba dentro l’imbrunire: ecco il Battiato filosofo. Brillantemente accompagnata dal pianista Carlo Guaitoli e dopo una passeggiatina sulla ‘Prospettiva Nevski’, a una platea già conquistata e sull’orlo di una standing ovation, Alice regala due attesi bis: ‘Per Elisa’ (Sanremo 1981 in bacheca, manifesto sonoro contro l’eroina) e quella ‘Era del cinghiale bianco’ che qualche anno prima aveva rivelato Franco Battiato e il suo fedele complice Giusto Pio, capaci di dare un significativo scossone alla musica italiana.

Gran bella performance: gli anni passano, ma la voce di Alice è ancora in grado di offrirci un’invidiabile estensione vocale, che talvolta mette addirittura i brividi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved