quadri-ssr-polemica-sugli-stipendi-con-bonus-incluso
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
1 ora

Nuove narrazioni digitali: un incontro al BaseCamp

All’Istituto Sant’Eugenio domani, dalle 19, si terrà una masterclass dedicata al lavoro del collettivo Total Refusal. A introdurla una conferenza.
Spettacoli
1 ora

Al Festival di narrazione, raccontare senza stereotipi

Un incontro aperto al pubblico sul tema è in programma sabato 20 agosto, presso la Corte dei Miracoli di Arzo
Locarno 75
2 ore

‘Il pataffio’ o della trappola della commedia (umana)

Il film di F. Lagi, presentato in prima mondiale al Concorso internazionale sabato, racconta le bassezze della contemporaneità travestite da medioevo
Locarno 75
2 ore

Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare

Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’
Castellinaria
8 ore

Castellinaria compie 35 anni e avrà una nuova casa di proiezione

Dall’Espocentro bellinzonese, il Festival del cinema giovani si svolgerà (19-26 novembre) al Mercato coperto di Giubiasco
Letteratura
14 ore

Lin Shu, Chen Jalin e il cavaliere magico

Il settantenne cinese ha tradotto (o riscritto) 180 libri della tradizione letteraria europea, fra cui il Don Chisciotte insieme al suo collaboratore
Ceresio Estate
16 ore

A Caslano il ‘romantico’ Quartetto Altemps

In rappresentanza dell’ensemble, atteso domenica 7 agosto nella chiesa parrocchiale, parla il violoncellista Marco Testori
Scienze
16 ore

‘Le epidemie intermittenti di Covid saranno la normalità’

Dato l’emergere regolare di varianti, per i ricercatori non ci sono ragioni per credere che questa tendenza non continuerà, come succede per l’influenza
07.02.2022 - 19:47
Ats, a cura de laRegione - laRegione

Quadri Ssr, polemica sugli stipendi con bonus incluso

Secondo il sindacato Ssm sarebbe stata opportuna una riduzione dei compensi per i quadri, data la situazione di crisi

Buona l’idea di integrare la “parte variabile” dello stipendio dei quadri Ssr nel salario fisso, ma la decisione dell’ente televisivo pubblico rappresenta anche un’occasione mancata per ridurre i compensi dei quadri in un periodo di crisi come questo per solidarietà col personale. Questa la critica presa di posizione del Sindacato svizzero dei media alla notizia, pubblica dai domenicali del gruppo CH Media, della decisione del Cda di Ssr di eliminare la parte variabile del salario della direzione. Lo scorso novembre il Cda della Ssr aveva infatti deciso di integrare la componente “variabile” dell’onorario nel salario fisso dei quadri a partire dal 2023. Tuttavia, ha precisato l’azienda interpellata da Keystone-Ats, la componente variabile non rappresentava “un bonus dipendente dai risultati dell’azienda e pagato volontariamente”, ma era parte del salario contrattualmente concordato e assicurato. Tale parte ammontava a circa il 20 per cento e nel nuovo sistema è ora integralmente fissata: il salario medio del personale dirigente e la somma totale dei salari non cambiano.

Questa decisione per il sindacato “segna la fine di un sistema arcaico che alcune volte permetteva di premiare obiettivi difficili da controllare, come fare delle economie, riducendo in parte i posti di lavoro”. Tuttavia, il Sindacato svizzero dei media si rammarica che la direzione e il Consiglio di amministrazione non abbiano colto l’opportunità “di ridurre significativamente i nuovi stipendi integrati in questo periodo di crisi per esprimere la loro solidarietà con il personale e mostrare una forma di impegno politico per ridurre i costi alla Ssr”. Del resto, ha ricordato il sindacato, ha cercato invano di ottenere per il suo personale nel nuovo contratto collettivo l’abolizione della “parte variabile” di alcuni pseudo bonus opachi e di utilizzare un sistema salariale chiaro. Stando al sindacato, il personale della Ssr ha visto il suo stipendio complessivamente ridotto negli ultimi anni con il taglio di alcune prestazioni, come il pagamento del canone da parte del datore di lavoro.

L’Ufficio federale delle comunicazioni ha indicato a Keystone-Ats di essere stato informato del cambiamento operato da Ssr in merito alla remunerazione dei quadri che viene stabilita dalla stessa azienda e non dalla Confederazione.

Stando al rapporto annuale della Ssr, il direttore generale dell’ente – Gilles Marchand – si è portato a casa nel 2020 532’857 franchi, il presidente del Cda Jean-Michel Cina 153’300 franchi per un posto al 50%. I sette membri della direzione hanno ricevuto in media 389’702 franchi a testa. Sul tema si è espresso anche il presidente dell’Alleanza di Centro Gerhard Pfister che su Twitter ha criticato quello che definisce “un aumento indipendente dalla performance” precisando, a chi gli farà notare l’appartenenza politica di alcuni membri del Consiglio di amministrazione, “di provare vergogna”. Il riferimento è al presidente Cina e ai membri del Cda Luigi Pedrazzini e Vincent Augustin.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bonus ssr stipendi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved