weekend-dei-quartetti-dalla-musica-di-ieri-a-quella-di-domani
Beowulf Scheehan
Il Quartetto Jack
ULTIME NOTIZIE Culture
JazzAscona
6 ore

Adonis Rose: ‘Che Ascona diventi un crogiolo, come New Orleans’

Musicista dalla carriera straordinaria, Adonis Rose è il coordinatore musicale delle due città. Tre anni dopo, torna con un’orchestra da Grammy
Scienze
6 ore

Sull’Etna come sulla Luna: Interact si prepara all’esplorazione

Le pendici del vulcano come luogo di allenamento e simulazione del rover in vista della missione sul satellite per prelevare campioni da analizzare
Culture
8 ore

Da Hassler a Chesnokov alla Cattedrale di Lugano

Sabato 2 luglio alle 20.30 il Coro St. John’s Voice, diretto da Graham Walker
Culture
8 ore

‘Brahms, il progressista’ al Montebello Festival

Una conferenza in onore del 125° anniversario dalla morte di Johannes Brahms, alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 5 luglio alle 18.30
Scienze
10 ore

La depressione postnatale può colpire i genitori simultaneamente

Una revisione dei dati globali rileva che circa una madre e un padre su 30 soffre del “baby blues”, che colpisce spesso entro l’anno di vita del bambino
Arte
10 ore

Lo Spazio Officina per i ‘Libri d’artista svizzeri’

La presentazione del volume curato da Susanne Bieri farà tappa unica a Chiasso, giovedì 7 luglio, dalle 18
Spettacoli
11 ore

Violoncello solo: concerto di Mattia Zappa

L’appuntamento è per domenica 3 luglio nella chiesa di Santo Stefano a Miglieglia. Il musicista locarnese proporrà fra le altre pagine di Bach
Spettacoli
12 ore

Al JazzAscona un omaggio alle tastiere di Joe Zawinul

Martedì 28 e mercoledì 29 giugno, il festival musicale propone oltre 30 appuntamenti, fra cui un concerto gospel e laboratori di burlesque
Video
Musica
17 ore

Julian Fiorentino Iorio, Lugano’s Got Talent

Dieci anni da compiere, innamorato di Charlie Parker, suona il sax come uno navigato. Sabato scorso la Smum lo ha applaudito
Culture
20 ore

Il coraggio di Lilly, che ad Ascona accolse migliaia di bambini

Intervista a Mattia Bertoldi, autore del romanzo storico sulla donna zurighese che diede rifugio a quattromila giovani in situazioni difficili
Musica
1 gior

A JazzAscona la serata dei canadesi The Dead South

L’energico bluegrass rock della popolare band, i ticinesi Freddie & The Cannonballs, un workshop per trombettisti. Tutto il programma di lunedì 27.
Spettacoli
1 gior

A San Bernardino il Floating Notes Festival 2022

La seconda edizione, il 22 e 23 luglio, firmata da Kety Fusco con diversi artisti svizzeri
laR
 
01.02.2022 - 14:08
Aggiornamento: 15:05

Weekend dei quartetti, dalla musica di ieri a quella di domani

LuganoMusica ha ospitato, nel Teatro Studio, il Jack Quartet di New York e lo svizzero Carmina Quartett

di Enrico Colombo
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Dopo un anno a vuoto è tornata la più esclusiva offerta di LuganoMusica: il fine settimana ambito dai migliori quartetti d’archi del mondo, formazioni prestigiose, costrette sovente a esibirsi davanti a migliaia di ascoltatori, che qui ritrovano la dimensione cameristica. Il Teatro Studio è un parallelepipedo di cemento con una settantina di posti a sedere, mai tutti occupati a questi concerti. I musicisti stanno due metri davanti alla prima fila, l’ascolto è diretto, non ci sono problemi di acustica. Nel silenzio gli esecutori possono sentire, non solo metaforicamente, il respiro degli ascoltatori.

Affascinante, come sempre, il cartellone: una prima apparizione per il Jack Quartet di New York, comunque noto da noi perché di casa al Lucerne Festival; il ritorno graditissimo del Cuarteto Casals, spagnolo; una prima apparizione anche per il Carmina Quartett, quartetto svizzero, giunto ormai al suo trentottesimo anno di attività. Ma la pandemia non è finita e ha colpito ancora, non solo chiedendo al pubblico di portare la mascherina. All’ultimo momento il Cuarteto Casals non è potuto venire e l’edizione di quest’anno, con due soli concerti, sarà ricordata per il suo carattere bifronte: cinquant’anni di musica di due secoli fa contrapposti a cinquant’anni di musica contemporanea.

Il Quartetto Carmina ha scelto il tempo della musica rara e seducente: l’op. 20 n. 2 (1772) di Haydn, l’op. 13 (1827) di Mendelssohn e il grande Sol maggiore (1826) di Schubert. Il Quartetto Jack ha scelto il nostro tempo, sommerso dal frastuono di troppa musica riprodotta che ha reso il silenzio prezioso e seducente: “Dead Wasps in the Jam-Jar (iii)”, letteralmente “Vespe morte nel barattolo di marmellata” (2018) di Clara Iannotta, classe 1983; “Memento mori” (1992) di John Zorn, classe 1953; “Celare” (2016) di Cenk Ergün, classe 1978; Quartetto n. 3, “Im Innersten”, di Wolfgang Rihm, classe 1952.

Il Carmina, che accanto al violinista Matthias Enderle e alla violista Wendy Champney, membri fondatori del quartetto, schiera da un paio d’anni Agata Lazarczyk, secondo violino, e Chiara Enderle Samatanga, violoncello, domenica ha deluso assai. “Quattro razionali signori riuniti in amabile conversazione” è la definizione di Goethe del quartetto d’archi. La musica era quella del tempo di Goethe, i quattro strumentisti di assoluto valore, ma la conversazione ha funzionato poco. Capita talvolta e l’ascoltatore non può sempre capire perché.

In compenso l’esecuzione del Quartetto Jack è stata di altissima qualità e resterà nella storia di LuganoMusica. I violinisti Christopher Otto e Austin Wulliman, il violista John Pickford Richards, il violoncellista Jay Campbell sono entrati in sala con un cipiglio aggressivo, quasi si aspettassero un pubblico ostile e, accomodati al loro posto, si sono (finalmente!) tolti la mascherina. Non è la prima volta che ascolto dal vivo questi musicisti che si dedicano esclusivamente al repertorio contemporaneo, ma mai come l’altra sera ho goduto la qualità di un suono ottenuto anche attraverso un impiego variegato di sordine, la forza travolgente di pizzicati in tutte le loro forme. Poi il piacere ineffabile di sentirsi tra ascoltatori tutti sedotti e affascinati.

La cultura occidentale, che con significativa approssimazione diciamo europea, vanta tra i suoi esiti musicali più alti il quartetto d’archi, storicamente cresciuto soprattutto in area tedesca. Ma guardiamo i compositori contemporanei di questo concerto, il programma di sala dà con le date anche i loro luoghi di nascita: Roma, New York, Istanbul, Karlsruhe. Quanto basta a sottolineare un’evoluzione storica irreversibile: dopo secoli di orrori razziali anche noi europei stiamo finalmente diventando un popolo di meticci.

Il lungo, complesso brano di Wolfgang Rihm, nonostante le intenzioni di rendere omaggio a tanti compositori di area tedesca, mi sembra una musica rigorosamente astratta. Molto meno astratta, con evidenti intenzioni narrative l’altrettanto lungo brano di John Zorn, che è riuscito a strappare qualche sorriso agli ascoltatori. Più intriganti i brani recentissimi di Cenk Ergün e Clara Iannotta tesi alla ricerca di leopardiani “sovrumani silenzi e profondissima quiete”. Sembrano trafitti dalla consapevolezza che l’incalzare recente delle scoperte neurologiche ampliano l’abisso affascinante di ciò che non conosciamo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lugano musica musica
© Regiopress, All rights reserved