un-piccolo-gioiello-chiamato-aucune-idee
(foto: Julie Masson )
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
1 ora

Frequenze libere, Trio Libelle allo Spazio Elle

Raphael Loher, Nils Fischer e Silke Strahl per il sesto appuntamento della rassegna, domenica 22 maggio alle 17.30 a Locarno
Concerti
2 ore

Enrico Pieranunzi a Jazz in Bess

Tra i più noti e apprezzati protagonisti della scena jazzistica internazionale, è atteso domenica 22 maggio alle 20.30
Danza
3 ore

Manca poco al Lugano Dance Project

Tra mercoledì 25 e domenica 29 maggio, Lugano si trasforma nella città della danza
Spettacoli
4 ore

Dagli Aphrodite’s Child a ‘Blade Runner,’ addio a Vangelis

Il compositore greco, autore di celebri colonne sonore e tastierista della band prog-rock con Demis Roussos è morto oggi a 79 anni
Streaming
4 ore

Fughe di notizie su ‘Stranger Things’, Netflix nella bufera

Tra le carte di un Monopoly promozionale, ve ne sarebbero alcune che rivelerebbero particolari della trama ancora top secret della quarta stagione
Cinema
4 ore

‘Marx può aspettare’ di Bellocchio all’Otello di Ascona

In versione originale italiana con sottotitoli in tedesco, il documentario presentato a Cannes nel 2021
Cannes 75
5 ore

Tom Cruise inonda il cielo sulla Croisette

Era il giorno di ‘Top Gun: Maverick’, ma anche del Bellocchio di ‘Esterno notte’, Aldo Moro diventato serie. E di due film in concorso non ‘globalizzati’
Società
8 ore

Prodigio di libertà e indipendenza: è Anna Kuliscioff

Alla Biblioteca cantonale di Locarno, domani sera, una conferenza per conoscere una delle protagoniste del socialismo e del femminismo italiani
Arte
9 ore

L’aridità andina del fotografo Gian Paolo Minelli

Alla Polus di Balerna fino al 9 giugno ‘Aridez’, progetto scaturito da un lungo viaggio sulle Ande
La recensione
26.01.2022 - 18:31

Un piccolo gioiello chiamato ‘Aucune idée’

Dal ritmo comico e irresistibile, sottilmente beffardo, l’ultima pièce di Christophe Marthaler. Vista martedì scorso al Lac.

di Valentina Grignoli Cattaneo

Nell’apparente calma di un pianerottolo condominiale, le porte si aprono e chiudono come una partizione musicale. Il ritmo è paradossalmente al contempo serrato e lentissimo, ma è presente per tutta la durata dello spettacolo, una presenza costante rassicurante e conturbante. Un ritmo comico irresistibile e sottilmente beffardo.

Che succede, in questa ultima pièce di Christopher Marthaler, regista svizzero riconosciuto come uno dei maestri del teatro europeo, Aucune idée? Il titolo è malizioso, e sembra voler rispondere distrattamente alla nostra domanda. In realtà in questo insieme di situazioni quotidiane quel che succede pare proprio essere l’incontro e la relazione tra le persone, che sembrano così, casuali e a volte senza senso.

Un piccolo gioiellino curato nei minimi dettagli quello visto martedì sera al Lac, uno spettacolo ideato e diretto dallo stesso Marthaler che si vuole omaggio – parlando di incontri e relazioni amichevoli – al suo carissimo amico e collega, l’attore scozzese Graham F. Valentine, presente in molte delle sue creazioni. Con lui sulla scena anche Martin Zeller, violoncellista alla ricerca perenne di un’armonia che sembra ineffabile, e che accompagnato da un mangianastri suona imperterrito e imperturbabile all’interno del proprio appartamento un Tristano e Isotta di Wagner che non decolla.

Un gioco di ingressi, di entrate e uscite in una scenografia estremamente realista, sembra quasi un teatro da camera. E la genialità dell’opera è che immediatamente questa camera, o meglio, queste camere, si sgretolano, si annullano, sembrano condurre tutte allo stesso luogo, è lo stesso Graham che le abita o le visita soltanto. Insomma una situazione assurda per quello che pare, da lontano e sicuramente non solo, anche un omaggio al teatro dell’assurdo.

E nell’apparente assenza di una partizione drammaturgica, lo spettacolo si srotola in una serie di giochi, battute, situazioni che partono sempre da circostanze incredibilmente reali – sostenute dalla stessa imponente rassicurante presenza di Graham Valentine – per volgere poi a quel nonsense che meglio racconta e soprattutto – scriviamo pur sempre di Marthaler – critica il mondo che ci circonda.

Un ladro pigro ma irrimediabilmente cortese chiede il permesso a un annoiato padrone di casa di potergli svaligiare l’appartamento; una bucalettere sputa senza sosta lettere importanti, vagonate di pubblicità, bibbie di ogni genere; un vecchio calorifero sembra prendere vita e imporre le proprie dittatoriali regole agli abitanti dell’appartamento; due vicini si chiedono senza sosta latte e uova, possedendo in realtà solo del burro. Sono tutte situazioni molto più reali di quel che appaiono, e il riconoscersi nelle reazioni degli attori muove il pubblico che non riesce a smettere di sorridere.

E là dove la parola non può più, dove si frantuma, si disperde dietro il rumore della televisione o dove rimane sospesa, arriva la musica. Sì, ineffabile e imperfetta anche lei, ma incredibilmente accogliente e infine rassicurante.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aucune idée christophe marthaler lac
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved