a-soletta-il-cinema-riscopre-il-mondo-del-lavoro
À ciel ouvert
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

Chiamarsi fuori: ‘A una voce’ di Sabina Zanini

Un romanzo d’esordio stupefacente su un bancario un po’ Bartleby, un po’ Fantozzi, ma con dentro un giardino incantato. E poi c’è Paganini
Spettacoli
12 ore

Margot Robbie nel prequel di ‘Ocean’s Eleven’

Secondo le prime indiscrezioni, la trama sarebbe ambientata negli anni ’60 in Europa, lontano da Las Vegas
Musica da camera
13 ore

Verbano Musica Estate, il ritorno è nell’Aria

Tra Locarno, Ascona e Cannobio, dal 29 maggio al 19 giugno, la seconda edizione, illustrata da Tommaso Maria Maggiolini, direttore artistico
Cinema
15 ore

Simboli, culture, società: torna OtherMovie Lugano Film Festival

Dal 25 al 31 maggio tra Mendrisio, Lugano e Massagno, con ‘un programma che rilassi, visto il momento’, dice il direttore Drago Stevanovic
Cannes 75
16 ore

Cannes, ci sono film al posto delle nuvole

Emozioni in ‘Armageddon Time’ di James Gray; altre ancora in ‘EO’ di Jerzy Skolimowski. ‘Harka’, di Lotfy Nathan, è una testimonianza
Culture
1 gior

La responsabilità di giovani e adulti a Storie controvento

Al festival di letteratura per ragazzi lo scrittore francese Christophe Léon ha presentato il suo romanzo ‘Reato di fuga’
Musica
1 gior

Frequenze libere, Trio Libelle allo Spazio Elle

Raphael Loher, Nils Fischer e Silke Strahl per il sesto appuntamento della rassegna, domenica 22 maggio alle 17.30 a Locarno
Concerti
1 gior

Enrico Pieranunzi a Jazz in Bess

Tra i più noti e apprezzati protagonisti della scena jazzistica internazionale, è atteso domenica 22 maggio alle 20.30
Danza
1 gior

Manca poco al Lugano Dance Project

Tra mercoledì 25 e domenica 29 maggio, Lugano si trasforma nella città della danza
Spettacoli
1 gior

Dagli Aphrodite’s Child a ‘Blade Runner,’ addio a Vangelis

Il compositore greco, autore di celebri colonne sonore e tastierista della band prog-rock con Demis Roussos è morto oggi a 79 anni
Streaming
1 gior

Fughe di notizie su ‘Stranger Things’, Netflix nella bufera

Tra le carte di un Monopoly promozionale, ve ne sarebbero alcune che rivelerebbero particolari della trama ancora top secret della quarta stagione
Cinema
1 gior

‘Marx può aspettare’ di Bellocchio all’Otello di Ascona

In versione originale italiana con sottotitoli in tedesco, il documentario presentato a Cannes nel 2021
25.01.2022 - 18:53
Aggiornamento : 19:49

A Soletta il cinema riscopre il mondo del lavoro

Il nuovo sguardo sulla realtà che ci circonda del documentario svizzero alle Giornate del cinema svizzero

di Mattia Lento

A Soletta il cinema non è fatto soltanto della stessa sostanza dei sogni, ma affonda le sue mani anche nelle contraddizioni del reale. Il lavoro, un tema che da anni sembrava un po’ trascurato dalla nostra cinematografia, è tornato prepotentemente al centro dell’attenzione dei documentaristi di questo Paese. E non stiamo parlando del mestiere di contadino, di cui abbondano rappresentazioni cinematografiche, a volte un po’ edulcorate, ma delle professioni che abbiamo imparato finalmente a definire come essenziali. La pandemia, la crisi ambientale, la trasformazione digitale, la precarietà e l’insicurezza hanno contribuito a questo rinnovato amore tra settima arte e lavoro.

Il cantiere come teatro

Sono una decina i titoli in programma dedicati al lavoro, ma sono due a meritare più di altri la nostra attenzione. ‘À ciel ouvert’, realizzato dal regista Charlie Petersmann e in concorso per il Prix de Soleure, ci porta nei bassifondi di un grande cantiere romando e ci mostra la realtà degli edili. Sono tutti migranti, molti sono qui in Svizzera di passaggio, alcuni non riescono a mettere radici, mentre altri sembrano aver trovato la strada giusta. La loro mascolinità, a dispetto degli stereotipi, è sinonimo di fragilità. Per alcuni il mestiere è una vocazione, per altri una necessità, un compromesso con la vita. D’altronde, come dice uno dei protagonisti, loro sono stati più fortunati di altri. Il mondo fuori dal cantiere sembra indifferente rispetto ai loro destini, a volte appare proprio ostile.

Anche se stiamo parlando di una delle categorie più forti dal punto di vista sindacale, questi uomini, per una ragione o per l’altra, faticano quasi tutti a godere del benessere che contribuiscono a produrre perché la pigione e le altre spese rosicchiano l’agognato e meritato salario. L’isolamento sociale fa il resto. Il cantiere di ‘À ciel ouvert’ è un teatro e noi spettatori siamo chiamati ad assistere alla rappresentazione che si svolge al suo interno. Le storie, i sorrisi, l’umanità dei protagonisti ci entrano nel profondo, ma restiamo anche affascinanti, come degli instancabili umarell, dal puro spettacolo dei corpi e delle macchine in movimento, dalla materia che si trasforma, dalle colate di cemento, dalle sinfonie meccaniche e tanto altro. Dentro il cantiere sentiamo ancora l’odore, in parte rassicurante e in parte no, del Novecento.

Lavoro nero

In ‘À ciel ouvert’ si parla poco di contratti e di abusi. In una breve scena vediamo un sindacalista, ma il regista non entra più di quel tanto in materia. A lui interessa sottolineare la separazione tra il dentro (il cantiere) e il fuori (la società) e il sindacalista appare qui come un tramite, forse l’unico, tra questi uomini e il contesto sociale che li circonda. In ‘Schwarzarbeit’ invece, documentario presentato nella sezione Panorama, gli abusi sono al centro della rappresentazione. Nel film di Ulrich Grossenbacher vediamo infatti quattro ispettori e una ispettrice del lavoro del Canton Berna alle prese con un compito difficilissimo: lottare contro sfruttamento e dumping salariale. Cantieri, ristoranti, piccoli supermercati, esercizi commerciali, persino case: il lavoro nero e le irregolarità sono ovunque.

Grossenbacher non si limita all’inchiesta, ma ci fa entrare nella testa dei suoi protagonisti: gli ispettori sanno che la loro professione è fondamentale, ma nel momento in cui si trovano di fronte a un lavoratore migrante in nero, magari senza permesso di soggiorno, sono consapevoli di avere a che fare con una vittima che pagherà più del datore di lavoro per l’infrazione commessa. In una delle scene più forti del film, due ispettori scoprono su un cantiere un muratore macedone senza contratto e senza permesso. Uno dei due ispettori fa di tutto per cercare di non chiamare la polizia, ma alla fine, a malincuore, è costretto a farlo. Accanto al quotidiano degli ispettori, il regista sceglie anche di rappresentare la lotta di Corrado Pardini, ex parlamentare e sindacalista, contro il tentativo di indebolire le protezioni salariali elvetiche nell’ambito delle trattative per l’accordo quadro con l’Unione Europea. Come sappiamo la questione è ancora aperta, ma l’attività degli ispettori del lavoro va avanti senza sosta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
giornate cinema svizzero soletta
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved