la-santippe-di-lella-costa-una-santa-vedova-socrate
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
4 ore

La responsabilità di giovani e adulti a Storie controvento

Al festival di letteratura per ragazzi lo scrittore francese Christophe Léon ha presentato il suo romanzo ‘Reato di fuga’
Musica
15 ore

Frequenze libere, Trio Libelle allo Spazio Elle

Raphael Loher, Nils Fischer e Silke Strahl per il sesto appuntamento della rassegna, domenica 22 maggio alle 17.30 a Locarno
Concerti
16 ore

Enrico Pieranunzi a Jazz in Bess

Tra i più noti e apprezzati protagonisti della scena jazzistica internazionale, è atteso domenica 22 maggio alle 20.30
Danza
17 ore

Manca poco al Lugano Dance Project

Tra mercoledì 25 e domenica 29 maggio, Lugano si trasforma nella città della danza
Spettacoli
18 ore

Dagli Aphrodite’s Child a ‘Blade Runner,’ addio a Vangelis

Il compositore greco, autore di celebri colonne sonore e tastierista della band prog-rock con Demis Roussos è morto oggi a 79 anni
Streaming
18 ore

Fughe di notizie su ‘Stranger Things’, Netflix nella bufera

Tra le carte di un Monopoly promozionale, ve ne sarebbero alcune che rivelerebbero particolari della trama ancora top secret della quarta stagione
Cinema
18 ore

‘Marx può aspettare’ di Bellocchio all’Otello di Ascona

In versione originale italiana con sottotitoli in tedesco, il documentario presentato a Cannes nel 2021
Cannes 75
19 ore

Tom Cruise inonda il cielo sulla Croisette

Era il giorno di ‘Top Gun: Maverick’, ma anche del Bellocchio di ‘Esterno notte’, Aldo Moro diventato serie. E di due film in concorso non ‘globalizzati’
Società
23 ore

Prodigio di libertà e indipendenza: è Anna Kuliscioff

Alla Biblioteca cantonale di Locarno, domani sera, una conferenza per conoscere una delle protagoniste del socialismo e del femminismo italiani
Arte
23 ore

L’aridità andina del fotografo Gian Paolo Minelli

Alla Polus di Balerna fino al 9 giugno ‘Aridez’, progetto scaturito da un lungo viaggio sulle Ande
20.01.2022 - 07:13
Aggiornamento : 19:14

La Santippe di Lella Costa, una santa vedova Socrate

Al Teatro Sociale l’attrice italiana ha ripreso il monologo di Franca Valeri dedicato “alla moglie più insopportabile dell’Antichità”

di Giovanni Medolago

“Dall’antichità ci è pervenuto un quadro della figura di Socrate così complesso e così carico di allusioni che ogni epoca della storia umana vi ha trovato qualche cosa che le apparteneva”. Così sentenziano i classicisti e di sicuro ne ha approfittato pure Franca Valeri per scrivere e poi interpretare, alla veneranda età di 85 anni, ‘La vedova di Socrate’. Un testo liberamente ispirato al libro di Friedrich Dürrenmatt nel quale questa Signora del teatro italiano sembra – soprattutto – voler rendere omaggio alla vedova non troppo inconsolabile del titolo: Santippe. Descritta dagli storici come una delle donne più insopportabili dell’antichità (!), Valeri ha voluto a suo modo rivalutare questa figura di moglie all’epoca confrontata con un maritino piuttosto ingombrante e per giunta noiosetto, “che ha sempre la testa tra le nuvole e poi non sa dove mettere i piedi, uno così pigro che dovevo insistere per fargli cambiare il peplum”. Un testo che Lella Costa, da sempre paladina delle rivendicazioni femminili, non poteva certo lasciarsi sfuggire. Lella Costa è tornata al Sociale di Bellinzona (teatro che le è caro) a sua volta bardata di un peplum bianco e nero di almeno una taglia superiore alla sua figura e, circondata da un rettangolo luminoso dove campeggia la maschera del marito in una scenografia che più minimalista non si poteva, ha colto l’occasione per aggiungerne altre quattro sulle difficoltà di una vita quotidiana che già due millenni or sono gravavano soprattutto sulla figura femminile del focolare.

Scaltra titolare di un improbabile negozio di antichità (“Oggi son riuscita a piazzare un brutto ritratto di Apollo per 100 dracme, però era in 3D!”), Santippe riconosce talvolta la genialità di Socrate (“Governare significa soprattutto conoscere gli uomini; un pensiero non serve a niente se non vale come risposta; i soldati gay si riconoscono subito poiché scendono in battaglia bardati di troppe ghirlande”), denunciando altresì la sua naïveté: “Abbi il coraggio di difendere le tue idee… balorde”. Stando a lei, Socrate doveva guardarsi soprattutto da Platone: “Guarda che i suoi ‘Dialoghi’ sono in realtà un riassunto dei tuoi monologhi, che io del resto conosco bene. E non ci ha nemmeno pagato i diritti d’autore! Al limite potresti ingaggiarlo come copista”. Talvolta è più sarcastica: “Sei un filosofo? Va bene, ma mi spieghi che cavolo combina tutto il giorno un filosofo?!?”. Fuori dalle pezze, Santippe denuncia pure il narcisismo del marito: “Hai dovuto bere la cicuta due volte, tanto per essere sicuro di diventare immortale”.

Di fronte a un testo talvolta impegnativo benché esilarante e pungente – si citano personaggi non così conosciuti, tipo Aristodemo e Agatone, certo non proprio tanto celebrati come Aristotele e Aristofane (“Quello che sta sempre sulle Nuvole”), tanto per restare sulla “A” – epperò ricco di battute come quelle riportate sopra, Lella Costa ci è sembrata un po’ troppo monocorde e priva di quel mordente cui ci ha abituati. Non c’è stato un crescendo di quelli che esaltano il pubblico, tant’è che la stessa Lella si è vista costretta, nel bel mezzo dello spettacolo, a chiedere apertamente un applauso. Alla fine, tuttavia, il battimani del pubblico (al Sociale si è registrato un significativo sold out) è calorosamente arrivato, anche grazie all’ultima fulminante battuta: “La morte di un marito è un così grande dolore che nessuna donna ci rinuncerebbe”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lella costa teatro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved