freddie-the-cannonballs-crowdfunding-per-rispettare-memphis
Albertoni (il secondo da destra) e i suoi Cannonballs
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
22 min

‘Clarinetto d’improvviso’, il Santilli d’agosto

Prosegue il ciclo di concerti di Marco Santilli, atteso ad Ascona il prossimo 26 agosto e a Bellinzona il giorno dopo
Culture
35 min

A Biasca il primo Festival di letteratura per l’infanzia

Quarantotto eventi spalmati su tre giorni: al via martedì 16 agosto, per proseguire venerdì 14 e sabato 15 ottobre
Culture
59 min

Pier Paolo Pasolini ad Airolo, una rassegna

A cent’anni dalla nascita dell’intellettuale italiano, dal 16 al 19 agosto una rassegna cinematografica a lui dedicata, curata da Nina Altoni
L’intervista
1 ora

Martin Suter, triviale come una libellula

Documentario atipico, ‘Alles über Martin Suter. Ausser die Wahrheit’ ha chiuso il Festival. Lo scrittore svizzero parla di sé (e risponde alla NZZ...)
Musica
5 ore

Rimini chiede che il ballo liscio sia patrimonio dell’Unesco

‘È una rappresentazione della vita e dei sentimenti’, dice il sindaco. Di recente si è espresso in questo senso anche Morgan, col plauso di Renzo Arbore
Culture
6 ore

Torna ‘Io sono vivo, voi siete morti’, Dick visto da Carrère

Apparso per la prima volta nel ’93, è un viaggio nella mente di Philip K. Dick, l’autore del ‘Cacciatore di androidi’ da cui è tratto il film Blade Runner
Scienze
7 ore

Roche lancia un test per la risposta immunitaria

Dovrebbe permettere di capire meglio le infezioni da coronavirus. Farà la sua apparizione sui mercati che riconoscono le marcature Ce
Spettacoli
7 ore

Trovati i riceventi per gli organi di Anne Heche

Staccati i macchinari a cui era attaccata l’attrice, cerebralmente morta dopo il grave incidente stradale
Scienze
23 ore

Le lucciole preferiscono accoppiarsi lontano dai ‘riflettori’

La luce artificiale troppo forte rende faticosa la riproduzione. L’inquinamento luminoso ha degli effetti sul declino di alcune popolazioni di insetti.
IL RACCONTO
1 gior

Pomeriggio valdostano

Una passeggiata racconto fra le opere degli espressionisti svizzeri in mostra al Museo Archeologico Regionale di Aosta
L’INCONTRO
1 gior

Per fare cinema: trovare la propria strada e lottare

Kelly Reichardt, la regista ‘libera e coraggiosa’ è stata insignita del Pardo d’onore. Testimone della contemporaneità, narratrice in punta di piedi.
Spettacoli
1 gior

Boom di spettatori al Locarno Film Festival: +60,4%

Si chiude positivamente il bilancio della 75ma edizione del Festival del cinema: 128’500 gli spettatori complessivi alle proiezioni
Musica
17.12.2021 - 17:24
Aggiornamento: 18:46
di B.D.

Freddie & the Cannonballs, crowdfunding per rispettare Memphis

In quanto vincitori dell’ultimo Swiss Blues Challenge, sono invitati nella città della musica. Le spese però sono alte e ‘le istituzioni non ci aiutano’

Il crowdfunding in musica è, solitamente, quel microfinanziamento dal basso che porta alla realizzazione di un album. Tradotto a grandi, grandissime linee: “A me, acquirente di musica, piace quello che tu, artista, fai e quindi anticipo l’acquisto del disco che deve ancora uscire, sulla fiducia, in attesa che tu me lo spedisca quando è pronto”. Nel caso dei ticinesi Freddie & the Cannonballs, il crowdfunding è l’ultima speranza per ottemperare all’invito all’International Blues Challenge (Ibc) di Memphis in qualità di vincitori dell’ultimo, prestigioso Swiss Blues Challenge, ritirato lo scorso luglio, a Basilea. Pandemia permettendo, Freddie & the Cannonballs sono per questo attesi negli States in rappresentanza dell’intera Confederazione, non solo a titolo personale. Ma ci sono dei costi da sostenere.

«Il crowdfunding – spiega il leader, bassista e cantante, Federico Albertoni – copre le spese del viaggio e dell’alloggio. La partecipazione all’Ibc non prevede nessun tipo di remunerazione e le spese per una band di sei elementi sono molto importanti. Questa è letteralmente l’ultima opzione che ci è rimasta per realizzare un sogno. Abbiamo provato a cercare il sostegno di numerosi enti, ma senza successo. È stato un processo faticoso e per certi versi persino un po’ avvilente». Su Freddie e sui suoi Cannonballs – Mad Mantello alla chitarra, Roberto Panzeri alla batteria, Andi Appignani all’organo Hammond (dalla primavera 2021 al posto del compianto hammondista Chris Arcioni), con i sassofonisti Nigel Casey e Olmo Antezana – il generale disinteresse da parte delle istituzioni pesa: «La partecipazione a questo concorso internazionale non è, o non ci sembra, cosa di poco conto, e avrebbe avuto un grosso potenziale quanto a visibilità locale. La Blues Foundation parla di decine di migliaia di persone nei locali della gloriosa Beale Street per sentire le band in concorso. Ci siamo sentiti un po’ abbandonati, poco capiti e poco presi in considerazione».

Elvis, Johnny Cash, Sun Records e la Stax

Memphis, in effetti, non è un posto come un altro: «Ci riempie di gioia l’idea di andare a portare il nostro blues sul posto, le nostre storie, le nostre canzoni. E ci inorgoglisce anche poterlo fare come rappresentanti della scena blues svizzera. In questa città si sono scritte alcune delle pagine più belle della storia della musica americana, basti pensare a Elvis, Johnny Cash e tutta la Sun Records, oppure il blues intenso e sudato che da anni risuona in quella strada. E poi c’è quella meravigliosa fase del soul locale targato Stax Records. Per un appassionato di musica blues e di musica afro-americana, inoltre, Memphis è a un solo ponte di distanza dalla vera e propria terra del blues, il Mississippi».

Entusiasmo giustificato, dunque, che deve però fare i conti con altrettanta delusione: «Credo che l’attuale contesto storico e pandemico non abbia giocato a nostro favore. Ma in realtà non riesco davvero a capire quali siano i reali motivi per il mancato sostegno a questo progetto. Le spiegazioni che abbiamo ricevuto, anche da parte di enti che secondo i propri statuti si dovrebbero occupare proprio di sostegno a iniziative culturali di questo tipo, non sono state particolarmente esaustive e in alcuni casi si rifacevano a motivi, diciamo così, intrisi di ‘burocratese’. O forse non siamo stati bravi noi, nell’era del marketing e dell’autopromozione dominante, a convincerli della bontà della nostra offerta. Anche se, posso proprio assicurarlo, ci abbiamo provato. Eccome se ci abbiamo provato...».

Al di là delle capacità di autopromozione, gli appassionati di musica suonata e tutti coloro che sanno cosa significhi per un europeo suonare a Memphis (senza scomodare Compostela e altri complicati cammini) potrebbero trovare sensato questo link: www.wemakeit.com/projects/playing-in-memphis

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
blues freddie cannonballs memphis swiss blues challenge ticino
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved