moltiplicato-per-venti-marco-santilli-rossi-goes-shakespeare
In copertina e su www.marcosantillirossi.com
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
11 min

Si apre l’Ascona Music Festival con il ‘Duo Cattaneo’

La tredicesima edizione, con un tributo a César Franck, inizia venerdì 8 nella chiesa del Collegio Papio
Arte
17 min

Ivan Turetskyy a Chiasso per la ricostruzione dell’Ucraina

Opere dell’artista sono esposte al Palazzo municipale, allo Spazio Officina, alla Biblioteca e al m.a.x museo fino al 24 luglio
Culture
23 min

Mattia Bertoldi presenta ‘Il coraggio di Lilly’ a Bellinzona

Lo scrittore ticinese autore del romanzo storico sarà alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 26 luglio alle 18.30
Culture
30 min

I dialetti e la loro poliedricità con Walter Arnold

‘Chilometro zero’: dialetti, miti, leggende e teatro alla Biblioteca cantonale di Bellinzona venerdì 22 luglio alle 18.30
Arte
32 min

‘Esci dall’atelier ed entra nel cubo’, il legno in ogni forma

La mostra dell’Associazione svizzera degli scultori del legno prosegue fino al 13 luglio nella Piazza di Palazzo Franscini
Scienze
1 ora

Cern, riacceso il più grande acceleratore di particelle al mondo

A dieci anni dalla scoperta del bosone di Higgs il Large Hadron Collider (Lhc) pronto ad andare ancor più lontano nell’infinitamente piccolo
Spettacoli
3 ore

Novantacinque anni per la ‘Bersagliera’ di Subiaco

Taglia il traguardo delle 95 primavere Gina (Luigia) Lollobrigida, mito intramontabile del grande schermo italiano
Teatro
22 ore

‘Peter Brook ha vissuto il teatro, la sua vita, fino alla fine’

David Dimitri, presidente della Fondazione Dimitri di Verscio: ‘Aveva un’opinione forte e precisa sul teatro, che doveva avere senso e smuovere’
Spettacoli
1 gior

Ceresio Estate, Vittorio Ghielmi con la viola da gamba a Gandria

Il concerto nell’ambito della rassegna estiva si svolgerà domenica 10 luglio, nella chiesa parrocchiale del borgo lacustre
Musica
02.12.2021 - 18:11
di B.D.

Moltiplicato per venti, Marco Santilli Rossi goes Shakespeare

Aspettando un ricco 2022, ‘Love all, trust a few, do wrong to none’ è la nuova canzone, per una versione ‘new prog’ del musicista

Il camaleontico Marco Santilli torna in versione canzone e dunque lo dobbiamo chiamare Marco Santilli Rossi. Si cimenta con William Shakespeare e un telegrafico estratto dall’opera teatrale ‘Tutto è bene quel che finisce bene’ (‘All’s Well that End’s Well’), quel ‘Love all, trust a few, do wrong to none’ (Ama tutti, credi a pochi, non fare del male a nessuno) ora titolo di un singolo nel quale a voce solista, clarinetto (marchio di fabbrica), percussioni, tastiere e chitarre si aggiungono altre voci, ‘gregoriane’, grazie a un ensemble ironicamente denominato (dall’autore) ‘The Monks of St.Illi’: «È stata un’idea di Urs quella di registrarmi 20 volte all’unisono per dare al messaggio un tono ‘sacrale’, a mo’ di sentenza. Il tutto con la dovuta ironia: non mi prendo mai troppo sul serio, trovo che già tanti lo facciano egregiamente, ma pure a loro voglio bene (è lo shakespeariano “love all”, ndr). Importante è che la musica la si faccia sul serio, per rispetto della stessa e del pubblico». Urs è Wiesendanger, fido produttore e amico che ha suonato le tastiere e scelto con Santilli i suoni: «Abbiamo registrato quest’autunno, come di consueto ai Powerplaystudios di Maur (Zh), con le chitarre di Claudio Cervino. Io ho cantato le parti del coro a 4 voci, per poi moltiplicarmi per venti. E ho aggiunto i miei clarinetti».

Perché William Shakespeare? «L’embrione di questo brano risale al 2016, quando mi venne commissionata una composizione per coro e clarinetto basso nel 400esimo della morte dello scrittore. Come testo scelsi questa massima di Shakespeare, poiché sempre attuale e metricamente ben malleabile». Su www.marcosantillirossi.com, ‘Love all, trust a few, do wrong to none’ va sotto la sezione ‘new prog’: «Nessuna conversione, può capitarti pure il prog se spazi tra vari stili. Sono restio alle classificazioni, poiché spesso imprecise (talvolta capita di leggere una categoria e poi senti tutt’altro...). Avendo dovuto sceglierne però una per la ditta di distribuzione di musica online, Urs mi ha consigliato questa. Il progressive di per sé mi intriga, seppure non l’abbia ascoltato molto non è escluso che sia un po’ in me, ma “indirettamente”, avendo suonato pure musica classica moderna dalle strutture e armonie complesse, cui il prog è debitore».

Lo Shakespeare santilliano, o il Santilli Rossi shakesperiano, ci porterà sino all’anno nuovo, da festeggiarsi con «una canzone omaggio ai ruggenti anni 20, spensierata e speranzosa». Poi il secondo album art pop, quello nuovo del nonetto (in coproduzione con Srf2 Kultur) e un Ep di musica elettronica con il musicista Simone Menozzi. Il tutto, confidando nelle date del primo trimestre dell’anno, che includono anche il suo primo accompagnamento di un film muto. «Mentre Shakespeare continuerà a ‘perseguitarmi’ (ride, ndr): in primavera, all’Operahaus di Zurigo, dovrò suonare nella musica di scena di Macbeth».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
marco santilli rossi prog william shakespeare
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved