NJ Devils
2
LA Kings
3
fine
(2-1 : 0-1 : 0-1)
Seattle Kraken
3
FLO Panthers
1
2. tempo
(0-1 : 3-0)
VAN Canucks
0
STL Blues
0
1. tempo
(0-0)
emma-dante-e-la-catartica-danza-della-misericordia
Foto di Masiar Pasquali
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
9 ore

‘Tuo padre, mia madre, Lucia’ e Giovanni Truppi

La città di Napoli che arriva prima della musica, un mestiere cui essere fedeli, Capossela con cui duettare a Sanremo: il cantautore si racconta
La recensione
13 ore

Osi in Auditorio: Riccardo Minasi e lo Sturm und Drang

Di giovedì al Lac, splendida interpretazione costellata d’impetuosi contrasti dinamici, ma anche di momenti di serenità danzante
Culture
14 ore

‘Sulle vittime dell’Olocausto non si specula’

La fondazione si dice ‘profondamente delusa’ per il modo in cui è stata effettuata l’inchiesta riguardo al delatore che tradì la famiglia della ragazza
Cinema
17 ore

‘3/19’ di Silvio Soldini, al Lux l’anteprima col regista

Il film con Kasia Smutniak esce in Ticino il 27 gennaio. Anteprima aperta al pubblico martedì 25 gennaio alle 20 a Massagno
Spettacoli
17 ore

Christoph Marthaler, ‘Aucune idée’ al Lac

Martedì 25 e mercoledì 26 gennaio, il geniale regista zurighese torna a Lugano con il suo lavoro più recente
Culture
1 gior

Baricco dall‘ospedale: ’Ho la leucemia, farò il trapianto’

A darne l’annuncio lo stesso scrittore su social, la diagnosi 5 mesi fa
Arte
2 gior

‘Sotto la lampada’, la famiglia Giacometti alla Rtr

Diretto dalla regista engadinese Susanna Fanzun, il film segue le tracce misteriose che hanno portato al successo questa famiglia originaria di Stampa
Spettacoli
2 gior

Adele in lacrime cancella tutti i suoi concerti a Las Vegas

‘Metà della mia squadra ha il Covid ed è stato impossibile finire di preparare lo spettacolo’
Culture
2 gior

Sonnenstube, creare cultura attorno al luogo comune

Il collettivo e spazio d’arte luganese è alla ricerca di una struttura in Ticino per sviluppare il progetto vincitore degli Swiss Art Awards 2021
Teatro Sociale
2 gior

Il mondo di Thomas e il suo ‘Libro di tutte le cose’

Domenica 23 gennaio alle 16 al Sociale, dal romanzo di Guus Kuijer, con Lorenzo Bassotto, Roberto Maria Macchi, Cinzia Morandi e Viviana Gysin
Cinema
2 gior

Woody Allen, ‘Un giorno di pioggia a New York’ esce in Cina

Il film scaricato da Amazon, flop al botteghino negli Stati Uniti durante la pandemia, supera lo scoglio della censura
Cinema
2 gior

Disney al lavoro su live-action degli ‘Aristogatti’

Non si sa se in sala o in streaming. Sceneggiatura affidata a Will Gluck, regista di ‘Peter Rabbit’, e Keith Bunin di ‘Onward’
29.11.2021 - 16:120

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante

L’ineguagliabile cifra poetica di Emma Dante, che come nessuno sa raccontare il fragile incanto delle vite ai margini, è arrivata a noi questo fine settimana con la durezza del primo freddo e la purezza della neve. Non a caso, perché la tragica storia di ‘Misericordia’ è dura e difficile da sopportare e al contempo si porta appresso il naturale candore dell’umanità, del legame incondizionato tra madri e figli, di una sorellanza necessaria.

In ‘Misericordia’, spettacolo del 2020 visto al Teatro San Materno domenica scorsa e finalista come miglior spettacolo dell’anno ai Premi Ubu 2021 (il 13 dicembre la premiazione a Riccione), ci sono tutto l’amore e la violenza che caratterizzano le famiglie disegnate dalla Dante nel suo universo creativo, c’è la leggerezza della danza che sopravvive alla pesantezza della vita, c’è tutto il sud e la vita periferica, c’è quel letame di De André, dal quale “nascono i fior”.

Come il cantautore genovese Emma Dante ha infatti da sempre saputo trovare le parole, ma soprattutto le immagini, i corpi, la musica, e una lingua universale, per sublimare l’umanità che trasuda da vite imperfette, sporche e disilluse. Lo ha sempre fatto – e lo fa anche in questo splendido spettacolo – con grande cura, amore e delicatezza, e ciò che rende così potente lo stupore che si dipana ai nostri occhi è l’assenza totale di morbosità, di moralismo e buonismo, e anche di sociologismi. Nel gioco ininterrotto tra quotidianità e simbolo, tra vita e rito, tra orizzontale e verticale quattro sedie su fondale nero ospitano quattro anime derelitte, ai margini della società. Sono Nuzza (Manuela Lo Sicco), Anna (Leonarda Saffi) e Bettina (Italia Carroccio), e tra loro si distingue Arturo (Simone Zambelli).

Queste anime perse se ne stanno sedute sulle loro sedie, tra ceste e colorati giochi infantili, cuffie e travestimenti, coperte e scarpe, e un grossissimo sacco dei rifiuti nero.

Le tre donne sono vere e proprie Parche, lavorando con i ferri i loro scialli tutelano la nascita del figlio di Lucia e stabiliscono il destino del fanciullo, tra battute scorbutiche e ripicche spiritose. Sono anche ragazze oscure, che la notte si trasformano in puttane e mettono alla mercé del mondo i propri corpi sformati, volgari. E sempre come Parche, sanno quando tagliare il filo che le lega al bambino.

Arturo (per alcuni aspetti collegabile a quello dell’Isola raccontato da Elsa Morante) è invece un bambino difficile, nato prematuro dopo le violenze del padre sul ventre della madre, morta di parto. Non sa parlare, non sa ascoltare, non sa camminare, il suo sguardo si perde. Fa casino. Non si ferma ed è manesco. Ma sorride, vuole bene alle sue mamme, balla alla musica del loro sferruzzare e dei loro battibecchi vernacolari. Simone Zambelli dà vita a un personaggio indimenticabile, la cui dolcezza è capace di spaccare il cuore. Così leggero da riuscire a prendere i movimenti esasperati delle sue mamme, continuarli e trasformarli in danza armonica.

Un piccolo Pinocchio nato da padre Geppetto (che viene citato nel racconto che ne fanno Nuzza, Anna e Bettina), il falegname che ogni settimana faceva visita a Lucia, riempiendola di botte.

Un Pinocchio difficile da gestire che però nella durata dello spettacolo (1 ora che vola via in un soffio) riuscirà a crescere abbastanza da diventare bambino e rendere meno difficile il distacco.

Sì, perché Arturo se ne andrà, insieme a quella fantomatica e tzigana banda che ama guardare dalla finestra (l’unica del tugurio in cui vivono), con una valigia piena di ricordi costruiti e custoditi dalle sue insofferenti ma adoranti madri. Che per lui vogliono il meglio, che immaginano un futuro fatto di calore e luce.

L’amore in questo spettacolo vince su tutto, sulla miseria e sul dolore. Ed è un amore puro, che nasce incondizionato come un bellissimo fiore tra le sterpaglie. Le tre donne sono miracolose.

Salutato ad Avignone la scorsa edizione con grande entusiasmo, lo spettacolo di Emma Dante arriva a noi a qualche giorno dalla Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Una casualità temporale che sottolinea però l’importanza di una misericordia laica, accogliente, non giudicante, da sempre cavallo di battaglia di una delle protagoniste della scena internazionale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved