duo-merlo-reggiani-musica-tra-argentina-e-spagna
La musica che conduce in luoghi lontani
14.11.2021 - 12:300
Aggiornamento : 14:35

Duo Merlo-Reggiani, musica tra Argentina e Spagna

Valentina Merlo, soprano, e Lorenzo Reggiani, chitarra classica, sabato 20 novembre alle 20 nella Chiesa Evangelica Riformata di Lugano

a cura de laRegione

Si sono incontrati per la prima volta a Losanna nel 2019. Il progetto che portano alla Chiesa Riformata di Lugano, sabato 20 novembre alle 20, nasce da un interesse comune per la musica spagnola e latino-americana e dal desiderio di esplorare insieme la musica da camera. Valentina Merlo, soprano, e Lorenzo Reggiani, chitarra classica, si muovono tra la musica classica e quella popolare, per un progetto culturalmente inclusivo e che conduce il pubblico in luoghi lontani, attraverso la musica. Il loro repertorio annovera musiche di Carlos Guastavino, Joaquin Rodrigo, Manuel de Falla, Villa Lobos e Alberto Ginastera.

Lorenzo Reggiani, classe 1995, ha partecipato a concorsi nazionali e internazionali come lo Sjmv, il concorso Antonio Salieri, e alla finale del Prix Credit Suisse Jeunes Solistes, sia come solista che in duo e quartetto ottenendo numerosi primi premi. Si è esibito alla Tonhalle di Zurigo, all’auditorio della Rsi di Lugano, al Kulturcasino di Berna, alle Giessener Gitarrentage in Germania, al festival ‘Guitar passion’ in Francia e altri contesti europei. Valentina Merlo è una soprano argentina originaria di Cordoba, città in cui è cresciuta in una famiglia di musicisti; nel suo paese natale canta in diversi cori professionali e in Svizzera fa parte del coro dell’Opéra di Losanna e del coro complementare del Grand Théâtre de Genève. Appassionata di tutte le arti e sensibile alla musica, crede che il canto sia un cammino di guarigione che porta alla scoperta di sé stessi e in cui le persone possono trovare il proprio modo di essere ed esprimersi.

Dal 2021, Merlo e Reggiani fanno parte dell’associazione Les Concerts du Cœur, il cui obiettivo è quello di portare la musica nei luoghi meno avvantaggiati del mondo, ovvero ospedali, prigioni, case di cura (iscrizione e prenotazioni chiamando lo 079 600 23 11).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved