ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
6 ore

‘Figli di E.’, un dono e un vuoto grandi come solo l’amore

Domenica a ‘Storie’ il percorso di Marta e Tazio dopo la tragica scomparsa del papà Erminio Ferrari, in un toccante documentario di Fabrizio Albertini
Musica
12 ore

A Carlo, il Conservatorio in Festival

È una lunga dedica al Ciceri che non c’è più la seconda edizione dell’evento, dal 6 al 12 febbraio tra aule, Lac e altre sale da concerto cittadine
Lac
12 ore

Ulisse Artico solo fra i ghiacci

Lina Prosa reinterpreta gesta e peripezie del mito classico in un futuro apocalittico. Ne abbiamo parlato con Carmelo Rifici, nel ruolo di regista.
Musica
15 ore

Bruno Maderna torna a casa con il suo ‘Satyricon’

Al Teatro Malibran di Venezia, un lavoro musicalmente perfetto, ben guidato da Alessandro Cappelletto. Non così lo spettacolo in generale.
Spettacoli
15 ore

Ornella Vanoni ha la febbre, salta il concerto di Lugano

Attesa il 3 febbraio al Palacongressi, la tappa luganese del tour ‘Le Donne e la musica 2023’ non ci sarà. I biglietti saranno rimborsati.
Spettacoli
16 ore

Israel Galván, il flamenco dell’Età dell’Oro

‘La Edad de Oro’ sabato 11 febbraio alle 20.30 al Lac, il grande bailador nel recupero di un’arte nel pieno del suo fulgore, qui infusa di modernità
Arte
17 ore

Gran Premio svizzero d’arte/Prix Meret Oppenheim, i vincitori

Premiati l’artista Uriel Orlow, il collettivo di architetti Parity Group e lo storico d’arte ed esperto di architettura Stanislaus von Moos
Spettacoli
18 ore

Locarno chiama, Peter Maffay risponde presente

Al rocker tedesco l’onore (e l’onere) di aprire l’edizione 2023 di Moon&Stars. Salirà sul palco di Piazza Grande giovedì 13 luglio
Musica
19 ore

Piotr Nikiforoff nuovo direttore dell’Orchestra Arcadia

Nato a Mosca nel 1978, risiede in Ticino dal 1995. Nel 2009 è entrato nell’Osi, con la quale continuerà la sua attività concertistica
L’intervista
1 gior

Ottavia Piccolo racconta Elda Pucci, sindaco di Palermo

Il 4 e 5 febbraio a Locarno, l’attrice porta in scena ‘Cosa nostra spiegata ai bambini’, storia di una donna retta dunque scomoda, che non va dimenticata
Musica
1 gior

Grande jazz a Chiasso: Paolo Fresu e Dave Holland, per gradire

Svelata, con preziosa parentesi live, la XXIV edizione del Festival di cultura e musica jazz, dal 9 all’11 marzo con ‘inserto’ femminile
28.10.2021 - 23:16

‘Nuda’, da Finzi Pasca uno spettacolo per gli occhi

Applausi per la nuova produzione della compagnia che mercoledì ha debuttato al Lac

di Ivo Silvestro
nuda-da-finzi-pasca-uno-spettacolo-per-gli-occhi
Foto Viviana Cangialosi - Compagnia Finzi Pasca

Chi scrive recensioni lo sa: quello che conta, alla fine, è una frase che – talvolta estrapolata in maniera un po’ maliziosa dal contesto – “suoni bene” e venga così messa in evidenza in manifesti e rassegne stampa. Una prassi discutibile, ma ci sono artisti e spettacoli che in fondo se la meritano, quella frasettina entusiasta, e nell’elenco inseriamo volentieri ‘Nuda’ della Compagnia Finzi Pasca che ha debuttato mercoledì sera al Lac. Eccola qui: “Uno spettacolo per gli occhi, una gioia per il cuore”. Non molto originale, ma riassume abbastanza bene l’ora e mezza – esclusi gli applausi – della prima.

In ‘Nuda’ la compagnia mette in campo tutta la propria maestria scenografica e tecnica. Cose in parte già viste in precedenti produzioni, come i “tubi di luce” che reagiscono alla musica o gli attori che volano e danzano sospesi sul palco, ma che in questo spettacolo vengono impiegati in maniera particolarmente elegante. Così i tubi di luci popolano il proscenio e, seppur in maniera più discreta della foresta di luci di ‘Bianco su Bianco’, interagiscono con il racconto, accompagnando le parole delle due attrici Melissa Vettore e Beatriz Sayad e trasformandosi ora in fuoco ora in neve. Quanto alle danze aeree, oltre al fascino di coreografie ben costruite ci portano, con i fili ben visibili che regolano soprattutto i movimenti di Francesco Lanciotti, nel mondo delle marionette. Contribuiscono inoltre a quella leggerezza sognante che, come sempre negli spettacoli di Finzi Pasca, fa da contrappunto a storie di dolore. In ‘Nuda’ “tutto danza e levita costruendo attimi di giocosità mentre si parla di mostri che vivono accanto a noi”, leggiamo nelle scarne note di regia.

Quali mostri? ‘Nuda’ nasce – ispirato o adattato, difficile dirlo – dall’omonimo romanzo che Daniele Finzi Pasca aveva pubblicato nel 2014 con la casa editrice Abendstern. Due gemelle, una “uscita dalla pancia di mia mamma con una tunichetta immacolata”, l’altra “nata nuda, sporca, con gli occhi appiccicati”, con racconti di morti, uccisioni, lutti.

Solo cinque attori in scena, anche se con un piccolo ma efficace stratagemma – dei pupazzi fissati a braccia e gambe – all’occorrenza si moltiplicano creando movimentate coreografie di gruppo. Da una parte il teatro fisico e le leggere acrobazie delle brave Jess Gardolin e Micol Veglia che insieme al già citato Lanciotti fanno da sognante contrappunto a Melissa Vettore e Beatriz Sayad che invece hanno il non facile compito di raccontare la storia delle due gemelle, tra rivalità, miracoli, culti, ricordi dolci e dolorosi. ‘Nuda’ è uno spettacolo molto parlato, la prima parte è quasi teatro di parola, probabilmente un’eredità del romanzo. Le due attrici se la cavano molto bene, nonostante la difficoltà del non esprimersi nella propria lingua madre, uno dei capisaldi dell’estetica di Finzi Pasca che qui mostra un po’ i suoi limiti: una riduzione del parlato iniziale, o l’anticipo di alcuni momenti maggiormente coreografici, avrebbe dato maggior equilibrio allo spettacolo, forse evitando anche la sensazione di disorientamento che parte del pubblico ha provato, temendo di essersi persa qualche importante dettaglio della trama.

Come detto, lo spettacolo ha al cuore la leggerezza sognante tipica di Finzi Pasca; tuttavia c’è, in quella leggerezza, una intensa sfumatura malinconica, sottolineata anche dalle belle musiche di Maria Bonzanigo. Perché quindi – tornando alla frase a effetto iniziale – parlare di “gioia per il cuore”? Perché lo spettacolo ha comunque la speranza di un lieto fine, con la gemella sfortunata che si disfa dell’armatura in cui si era rinchiusa. Ma una gioia soprattutto perché la Compagnia Finzi Pasca è riuscita a tornare a teatro – riempiendo la sala del Lac, con giusto i posti liberi per il distanziamento sociale – con uno spettacolo festoso e corale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved