BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
FLO Panthers
5
WAS Capitals
4
fine
(1-2 : 0-2 : 4-0)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
5
ARI Coyotes
2
3. tempo
(1-1 : 3-0 : 1-1)
NAS Predators
6
COB Jackets
0
3. tempo
(3-0 : 2-0 : 1-0)
STL Blues
3
TB Lightning
3
overtime
(0-3 : 2-0 : 1-0 : 0-0)
DAL Stars
2
CAR Hurricanes
0
2. tempo
(1-0 : 1-0)
LA Kings
ANA Ducks
04:30
 
the-movie-vita-pop-e-miracoli-dei-norvegesi-a-ha
Storia di Magne Furuholmen, Morten Harket e Pål Waaktaar Savoy. Da oggi nelle sale ticinesi (foto: Magne Furuholmen)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
8 ore

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
9 ore

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
10 ore

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
10 ore

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
10 ore

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
11 ore

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
11 ore

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
14 ore

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
17 ore

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
1 gior

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
1 gior

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
1 gior

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
1 gior

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
1 gior

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
2 gior

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
2 gior

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
2 gior

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
2 gior

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
2 gior

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
2 gior

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
2 gior

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
2 gior

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
La recensione
28.10.2021 - 09:080
Aggiornamento : 15:27

‘The Movie’, vita pop e miracoli dei norvegesi a-ha

Al contrario della Svezia, prima del 1985 la Norvegia non aveva esportato un solo cantante pop. Poi sono arrivati Morten, Magne e Pål...

È una biografia sincera e senza troppi fronzoli, che inizia come quei singoli che partono già col ritornello. E il ritornello è ‘Take On Me’, parte cospicua dei 50 milioni di dischi venduti dai norvegesi a-ha, brano col quale il connazionale produttore e regista Thomas Robsahm (figlio degli attori Ugo Tognazzi e Margarete Robsahm) ha scelto di aprire ‘a-ha: The Movie’, in un’alternanza di palchi distante 32 anni dove il tempo è passato solo per il chitarrista Pål Waaktaar (poi Waaktaar Savoy, dal cognome della moglie aggiunto), meno per Magne Furuholmen (tastiere, voce) e ancor meno per Morten Harket, sex symbol ma soprattutto gran voce, che regge ancora su entrambi i fronti.

In ‘The Movie’, le origini degli a-ha partono da Oslo 1974, narrate alla maniera di ‘Take On Me’, richiamando cioè la medesima animazione ideata e creata da Steve Barron nel 1985 per il rivoluzionario videoclip cartoon-misto-a-umani che accompagnò una hit da 1 miliardo di visualizzazioni in YouTube (come soltanto, dal secolo scorso, ‘November Rain’, ‘Bohemian Rhapsody’ e ‘Smell Like Teen Spirits’).

L’infanzia degli a-ha è la musica: è il sentirsi uno dei Beatles come via di fuga per Pål; è il padre trombettista che per Magne è la scintilla; sono le poco gradite lezioni di pianoforte imposte a Morten, che un giorno in auto, cantando un tradizionale norvegese dalle note altissime, scopre “di avere le ali”. Magne che suona la chitarra incontra Pål che suona la batteria e insieme condividono Doors, Huriah Heep, Beatles e Hendrix, tutti tecnicamente inarrivabili, e per fortuna che esistono i Velvet Underground e i Joy Division: “A quel punto abbiamo pensato che avremmo potuto provarci, e suonare anche meglio di loro”. Magne supera il trauma di passare dalla chitarra alle tastiere piegandosi ai ‘consigli’ di Pål, sorta di fratello maggiore che diventa leader, da gratificare anche in quanto autore prolifico, in uno di quei rapporti in cui la competizione porta a grandi cose, ma scava qualche solco ben oltre quelli dei vinili. Per Pål e Magne è l’esordio coi Bridges, completati dal batterista Øystein Jevanord e dal bassista Viggo Bondi. A suo agio con le tonalità di Freddie Mercury, manca solo Morten, scoperto al Club 7 di Oslo dove suona con i Soldier Blue. È amicizia a prima vista, o “un senso del destino”, dice il futuro cantante dei futuri a-ha.


Tempi duri (foto: Henning Kramer Dahl)

‘Dove c’è un falsetto c’è una hit’

Alla fine degli anni ’70, diversamente dalla Svezia dei palindromi Abba, la Norvegia dominante nel settore delle orchestre da ballo non aveva esportato nulla di clamoroso all’estero, non un calciatore, men che meno una popstar. Nel 1981, gli ancora teenager Magne e Pål vanno a Londra per diventarlo, con l’idea di trovare un frontman che suoni l’arpa, perché nella storia del pop un frontman arpista sarebbe una novità. Tornano a Oslo nel 1982, ma non è un fallimento perché a Londra rimettono piede nel 1983 con Morten, consci che per naturale avvenenza e predisposizione sia lui il frontman che cercano (senza arpa, ma coi capelli tinti d’intonaco per pareti); vivono a lungo di solo porridge, regredendo da dignitosi appartamenti in affitto con tappezzeria a bettole per senzatetto; trovano un manager quando i soldi per mantenersi sono finiti, vengono rimbalzati dalla Emi e dalla Decca (motivo d’orgoglio perché la seconda scaricò i Beatles), poi ecco la Warner Bros. Records, che crede in quel pezzo “troppo commerciale”, troppo “Juicy Fruit Song” (canzone da pubblicità delle caramelle alla frutta) intitolato ‘Take On Me’, smontato e rimontato, provato pop, rock, rock-blues, in versione canto del gallo (da ascoltare) e tentativi plurimi di cambiare il ritornello; Terry Slater, tycoon del music business, suggerisce d’inserire un falsetto, perché “dove c’è un falsetto c’è una hit” (e lui lo sa, perché ha lavorato coi Queen).

La prima versione di ‘Take On Me’ curata da Tony Manfield è una hit solo in Norvegia, poi Alan Tarney produce la versione perfetta e il video di Steve Barron fa il resto. È così che la Norvegia si ritrova in testa alle classifiche del mondo e le teenager che urlano non sono più solo quelle del liceo di Oslo. L’album di debutto – il cui titolo arriva dalla bella ‘Hunting High And Low’ e contiene almeno un’altra hit, ‘The Sun Always Shines on T.V.’ – vende 11 milioni di copie; il video vince quel che c’è da vincere e gli a-ha, dai peggiori bar di Londra, viaggiano in Limousine per le vie di Manhattan. Pål, che sul palco si era immaginato come i protagonisti del primo concerto visto nella sua vita – gli Echo & the Bunnymen per tutto il tempo di spalle al pubblico – capisce che le cose andranno diversamente: “Mi ci sono voluti 25 anni per venire a patti con tutto questo”, dice nel film.

‘Ci ha uniti più la musica che l’amicizia’

Quanto sopra è solo la prima, romantica mezz’ora dell’opera di Robsahm. Il resto è quanto segue a partire da ‘Scoundrel Days’ (1986), con la band a dimostrare che “non siamo tizi da cartoni animati”. ‘Stay On These Roads’ (1988), tentativo di consolidare il successo, cade nel momento in cui i norvegesi cantano per James Bond ‘The Living Daylights’ (con divertente aneddoto), imperano sui magazine per adolescenti e la critica li bolla come mera teenage band, etichetta che a toglierla non basta il diluente. ‘East Of The Sun, West Of The Moon’ (1990) è la ricerca di altre strade, in un momento di popolarità che spinge 200mila persone paganti a Rio per quello che fino al Modena Park di Vasco Rossi (2017) resterà il concerto più affollato della storia. Con Magne che prepara l’addio già ai tempi di ‘Memorial Beach’ (1993), nel 1994 gli a-ha sono ognun per sé in progetti solisti. Quattro anni dopo tornano con ‘Summer Moved On’ “a finire il lavoro”, dice Morten; poco dopo, con ‘Minor Heart Major Sky’ (2000), quel processo di ri-beatificazione che è destino di molti si compie con i Coldplay a dichiararsi devoti degli omologhi norvegesi e gli U2 a dire di quando scrissero ‘Beautiful Day’ ispirati da ‘The Sun Always Shines On T.V.’. E gli a-ha sottostimati che ancora riempiono gli stadi (niente playback) sono definitivamente riabilitati.

‘a-ha - The Movie’ è la storia di un frontman che cerca un angolo del mondo in cui rifugiarsi, è un racconto sul valore del songwriting ma anche sulla sana incoscienza; è la fatica di tornare in studio stanti i conflitti mai sanati sulla paternità del vecchio repertorio. “Ci ha uniti più la musica che l’amicizia”, dice Pål a un certo punto, e la splendida versione di ‘Take On Me’ provata e riprovata per Mtv Unplugged del 2017, parte del ricco footage a tratti nostalgicamente analogico, sta lì a dire esattamente questo.


Il film di Thomas Robsahm nelle sale ticinesi dal 28 ottobre

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved