COB Jackets
NY Rangers
01:00
 
PIT Penguins
Seattle Kraken
01:00
 
NY Islanders
LA Kings
01:00
 
FLO Panthers
VEGAS Knights
01:00
 
TB Lightning
NJ Devils
01:00
 
OTT Senators
CAR Hurricanes
01:00
 
MON Canadiens
ANA Ducks
01:00
 
jazz-cat-arrivano-le-vibrazioni-di-emmet-cohen
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

‘3/19’, l’incontro tra due mondi di Silvio Soldini

Il regista italo-svizzero ci racconta il suo nuovo film con protagonista Kasia Smutniak
Spettacoli
2 ore

Daniele Bianco, ‘L’ultimo eroe’ a Balerna

Sabato 29 gennaio alle 18 al Teatro Oratorio, spettacolo sul concetto di mito, per trovare una nuova narrazione della nostra era globale
Spettacoli
2 ore

‘Lydia tre le nazioni’, di vittime e criminali allo Studio Foce

Mercoledì 2 febbraio, spettacolo che trae spunto dalla storia di Lydia Gelmi Cattaneo, donna bergamasca che salvò numerosi ebrei tra il ’43 e il ’45
Spettacoli
3 ore

Addio Morgan Stevens, star di ‘Melrose Place’ e ‘Saranno Famosi’

Fu Nick Diamond nella celebre serie. È morto all’età di 70 anni nella sua casa di Los Angeles
LuganoMusica
3 ore

Filarmonica della Scala e non Orchestra del Gewandhaus di Lipsia

Il Kapellmeister del Gewandhaus Andris Nelsons conferma la presenza, ma alla guida della Filarmonica. Domenica 6 febbraio alle 21, con nuovo programma
Arte
5 ore

45 milioni di dollari per ‘L’uomo dei dolori’ del Botticelli

Nel XIX secolo era appartenuto a una famosa cantante inglese. Alla sua ultima vendita all’asta, nel 1963, fu acquistato per 10mila sterline.
Culture
5 ore

Giornata memoria, scuola del Tennessee vieta graphic novel Maus

Art Spiegelman tacciato di ‘linguaggio scurrile e nudità nella pubblicazione’. L’autore, premio Pulitzer, definisce la vicenda ‘orwelliana’
Culture
6 ore

Fotografò il flamenco: René Robert morto per il freddo a Parigi

Ha trascorso nove ore su di un marciapiede in seguito a una caduta senza che nessuno lo aiutasse. Aveva 85 anni.
Culture
15 ore

Spotify rimuove la musica di Neil Young dopo polemica col no-vax

Le accuse a Joe Rogan di diffondere fake news e il successivo ‘o io o lui’. Il cantante è accontentato: rischia di perdere il 60% dei proventi streaming
Culture
17 ore

Frammenti di memoria

Le cose, anche le più minute, risvegliano sentimenti, avvicinano un mondo da scoprire nuovamente.
L'intervista
19 ore

Ambrogio Sparagna, la taranta come terapia di gruppo

‘La musica è l’antidoto al male che viviamo’: sabato al Sociale, il virtuoso dell’organetto, musicista ed etnomusicologo con l’Orchestra Popolare Italiana
Cinema
1 gior

Giornate di Soletta, ‘Wet Sand’ e gli altri vincitori

Un festival di storie intime, autentiche, raccontate nei tanti documentari in gara, e i premi hanno confermato questo trend.
La recensione
1 gior

Un piccolo gioiello chiamato ‘Aucune idée’

Dal ritmo comico e irresistibile, sottilmente beffardo, l’ultima pièce di Christophe Marthaler. Vista martedì scorso al Lac.
Jazz Cat Club
1 gior

Il violino di Elia Bastida, dal classico al virtuosismo jazz

Lunedì 31 gennaio alle 20.45, per il Jazz Cat in trasferta al Sociale, la 27enne violinista catalana con il trio del contrabbassista Joan Chamorro
Spettacoli
1 gior

SOLOcon Amleto, William Shakespeare per Emanuele Santoro

Domenica 30 gennaio alle 17 al Teatro paravento di Locarno, per l’adattamento e l’interpretazione dell’attore e regista
Spettacoli
1 gior

Neil Young contro Spotify per le fake news sui vaccini

Il cantautore statunitense vuole ritirarsi dalla piattaforma di streaming a causa del controverso podcast di Joe Rogan
03.10.2021 - 11:080
Aggiornamento : 14:17

Jazz Cat, arrivano le vibrazioni di Emmet Cohen

Intervista al giovane pianista newyorkese, lunedì ospite della stagione del club asconese

“Un virtuoso capace di strabiliare per la sua tecnica ed emozionare”: così lo descrivono critici, colleghi musicisti e centinaia di migliaia di fan che lo seguono sui social. Parliamo del 31enne newyorkese Emmet Cohen, poliedrico pianista e compositore jazz, uno dei nomi di punta della nuova scena jazz statunitense e internazionale, che si esibisce domani sera, lunedì, alle 20.30 al Teatro del Gatto di Ascona nell’ambito della stagione del Jazz Cat Club (prenotazioni: 078 733 66 12).

Emmet, ho letto che suoni il pianoforte dall’età di tre anni. Hai qualche ricordo particolare di quel periodo?

In effetti ho cominciato a prendere lezioni di piano a tre anni. Non ho grandi ricordi di allora, se non che riuscivo a riconoscere alcuni compositori classici. Mio padre suonava un pezzo e io lo riconoscevo. Ci sono stati diversi musicisti nella nostra famiglia, ad esempio il pianista Craig Cogan, che ha suonato per anni con Lionel Hampton e Buddy Rich. Deve essere che la musica ce l’abbiamo nel sangue.

Come mai sin da giovane ti sei orientato verso il jazz?

Il jazz in qualche modo penso sia stato un approdo inevitabile visto che il metodo Suzuki con cui ho studiato è soprattutto un processo in cui si impara a orecchio, ascoltando. Direi che il jazz è diventato una passione dalla scuola media in poi. Mi piacevano Frank Sinatra ed Ella Fitzgerald, le big band, le canzoni dei musical e a 13 anni ho avuto la fortuna di assistere a un concerto di Monty Alexander al Jazz Standard, un club di Manhattan. Ragazzi, che swing! Che feeling! Poi con John Coltrane e Charlie Parker mi sono fatto prendere dal be bop e dal desiderio di capire e praticare quel linguaggio. Tutte queste esperienze mi hanno spinto a volere essere un musicista jazz

Si sente molto parlare di te, in termini sempre entusiastici. Qual è il complimento che più ti fa piacere ricevere?

Quando dopo un concerto mi ringraziano per il feeling, l’emozione che la musica ha saputo comunicare. Nel jazz è proprio ciò che conta, quando musica ed emozione fluiscono assieme, quel momento di spontaneità dove succede qualcosa che fa clic e tutto diventa magico. Se qualcuno ti dice di aver vissuto una cosa del genere, ecco è un bel complimento.

Ci sono invece aspetti del successo che ti infastidiscono?

Cose del tipo rispondere alle domande dei giornalisti? (Ride di gusto, ndr). Seriamente, sarei uno sciagurato se non fossi più che grato per tutto ciò che la vita mi ha finora riservato. Poi anche io ho le mie giornate storte…

Quali pensi siano state le tappe fondamentali della tua crescita artistica?

Ogni giorno è una tappa fondamentale. A volte tutto viene facile e naturale, a volte la vita sembra lastricata di ostacoli e bisogna lottare. Detto ciò, credo che la vera forza nella musica sta nel collettivo. Far parte di una comunità, poter suonare e progredire assieme ad altri giovani musicisti come Benny Benack, Ruben Fox, Yasushi Nakamura, Brian Carter, Samara Joy e tanti altri è un privilegio. È gente così che mi ispira e mi fa avanzare. È bello imparare, crescere, viaggiare e suonare insieme, è così che si progredisce, giorno dopo giorno.

Come è nata l’idea di produrre la serie Master Legacy? Dopo Jimmy Cobb (2017), Ron Carter (2018), Albert “Toothie” Heath e Benny Golson (2019) e George Coleman (2019) ci saranno altre registrazioni?

È stato nel 2013, quando avevo 23 anni. Ero appena arrivato a New York City e una sera dovevo suonare con la Dizzy Gillespie Big Band. Sedevo nel bus che ci portava al concerto accanto al grande Jimmy Heath, che allora aveva 90 anni. Jimmy si era messo a raccontare un sacco di vecchie storie, di John Coltrane, Benny Golson, Charlie Parker, di lui e i suoi fratelli. Mi sono detto: “Wow, this is the real thing!”. Altro che studiare il jazz al college o sui libri. Mi è sembrato un gran peccato che la mia generazione non conoscesse queste storie, che un tale patrimonio di idee e conoscenze potesse andar perso. Così ho pensato di creare una piattaforma per avvicinare le generazioni, dove i giovani potessero studiare con gli anziani, creare musica con loro e imparare da loro. È così che abbiamo registrato quattro album e spero che altri ne possano seguire. Ho già alcune idee in proposito.

Con gli streaming di Live From Emmet’s Place hai conquistato molti fan durante il periodo della pandemia. Suonare davanti a una camera ti piace o è solo un surrogato rispetto ai concerti dal vivo?

Il jazz ha sempre vissuto in diverse forme e modalità di fruizione. Nelle sale da concerto dove la gente si siede e ascolta, nelle sale da ballo, nei jazz club dove si beve e mangia, negli speak easy dove il jazz faceva solo da sottofondo agli incontri e alle chiacchiere; il jazz lo si può ascoltare alla radio, su cd, mp3, vedere in TV… Insomma, il video streaming è solo una delle possibilità che ci sono oggi e andava benissimo durante la pandemia per tenere compagnia alla gente e aiutarci a superare un momento difficile. Da un po’ di tempo siamo tornati ai concerti dal vivo ed è speciale, la gente ha voglia di buone vibrazioni, di tornare abbracciarsi, e per noi è bello tornare a viaggiare e suonare assieme a vecchi amici…

Oltre al piano e alla musica ci sono altre passioni nella tua vita?

Pratico lo yoga, gioco a scacchi, mi piace sciare, leggere romanzi, stare con gli amici e tutto ciò che ha a che vedere con l’arte.

Due parole sul tuo trio e il programma?

Ho la fortuna di avere al mio fianco due musicisti straordinari, Yasushi Nakamura al basso che viene dal Giappone e Kyle Poole alla batteria. Ci conosciamo come le nostre tasche e con loro il feeling è sicuro. Faremo soprattutto standard e mie composizioni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved