Friborgo
5
Berna
3
fine
(1-1 : 0-2 : 4-0)
Lakers
1
Lugano
3
fine
(1-1 : 0-1 : 0-1)
Zurigo
7
Ginevra
5
fine
(1-1 : 3-4 : 3-0)
Ambrì
3
Losanna
2
fine
(0-1 : 2-1 : 1-0)
La Chaux de Fonds
7
Winterthur
0
fine
(1-0 : 6-0 : 0-0)
Kloten
5
Langenthal
2
fine
(0-0 : 4-2 : 1-0)
Sierre
8
Zugo Academy
1
fine
(2-0 : 4-1 : 2-0)
Turgovia
4
Visp
1
fine
(1-0 : 2-1 : 1-0)
stefano-knuchel-sulle-tracce-di-hugo-pratt
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
3 ore

Torna a vedere (per un po’) grazie a degli elettrodi

Il sistema messo a punto da un gruppo di ricercatori è stato testato su una donna non vedente spagnola
Spettacoli
4 ore

Locarno75, manifesto cercasi

Dopo il successo dello scorso anno, è aperto il concorso per l’immagine della 75ª edizione del Locarno film festival
Società
5 ore

Sotto la pelle del mondo trans

Intervista al regista romando Robin Harsch, autore di un documentario su tre giovani persone trans. Anteprima al Lux con una delle protagoniste
Musica
7 ore

Vittorio Nocenzi, la storia del Banco da Tondo a Maroggia

Venerdì 22 ottobre, il leader del Banco del Mutuo Soccorso presenta ‘Nati liberi’, volume che raccoglie l’intero percorso della storica formazione
Il ricordo
18 ore

Il jazz gentile di Franco Cerri

Il grande jazzista italiano scomparso ieri all’età di 95 anni nelle parole di Franco Ambrosetti e Tullio De Piscopo
Lac
1 gior

Jean-Sélim Abdelmoula sostituisce Alexandra Dovgan

Per motivi di salute, martedì 19 ottobre la giovane pianista è sostituita dall’omologo svizzero, che propone Schubert, Debussy, Janacek, Fauré e Frank
Teatro Sociale
1 gior

‘Mein Fritz, il mio Leo’, Dürrenmatt e Sciascia in trasparenza

Un’indagine sulle affinità tra i due, di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, in scena mercoledì 20 ottobre alle 20.45, in prima assoluta
Musica
1 gior

‘Easy On Me’, il divorzio di Adele sbanca Spotify

‘Easy On Me’, canzone che parla della separazione da Simon Konecki, ha polverizzato in 24 ore tutti i record sulla piattaforma
Musica
1 gior

Jazz in lutto, è morto Franco Cerri

Il grande chitarrista italiano si è spento a Milano all’età di 95 anni
Spettacoli
19.09.2021 - 20:290

Stefano Knuchel sulle tracce di Hugo Pratt

‘Hugo in Argentina’ del regista locarnese, un inaspettato ritratto del creatore di Corto Maltese

Alle Giornate degli autori della Mostra del cinema di Venezia, quest’anno è passato senza particolari clamori – succede ai film dei primi giorni, soprattutto nelle sezioni parallele – uno dei film più interessanti di questa Mostra; ne parliamo ora, finita la sbornia del palmarès, perché ‘Hugo in Argentina’ del locarnese Stefano Knuchel non è solo un documentario svizzero , ma un momento fondamentale di riflessione su un autore, il grande Hugo Pratt, e sul suo essere non solo protagonista della sua vita, ma della Storia enorme che ha segnato la nostra civiltà nel Novecento.
Basterebbe per richiamare l’attenzione di tutti e tutte, un episodio della vita in Argentina del riminese – come Fellini, non a caso – Hugo Pratt, nome d’arte di Ugo Eugenio Prat. Knuchel, attraverso i diari di Pratt, racconta la sua implicazione involontaria nella cattura del criminale nazista Adolf Eichmann, avvenuta a Buenos Aires l’11 maggio del 1960: Pratt era amico dei figli del gerarca – che non aveva riconosciuto, non dimentichiamo che era una figura grigia del regime – e nello stesso tempo di un gruppo di ebrei legati alla sinagoga. Il Mossad approfittò di questo suo legame. Non fu che un episodio nel periodo di formazione del grande fumettista padre di Corto Maltese. Sono tredici anni che il film indaga con sapiente linguaggio, sottolineando interiorità ed esteriorità di questo tempo di formazione: vediamo l’autore nelle sue avventure esplorative di un territorio che gli regalava sogni di libertà creativa, lo vediamo protagonista di fotoromanzi, ma soprattutto impegnato alla Editorial Frontera che Héctor Oesterheld fondò nel 1957 con il fratello Jorge. Con Héctor, Hugo Pratt già famoso disegnò la prima storia di Ernie Pike sul primo numero del mensile argentino Hora Cero, e poi serie quali Ticonderoga e Sgt. Kirk. Knuchel non tace il terribile destino di Oesterheld, autore di una delle più importanti opere del fumetto mondiale di genere fantascientifico, L’Eternauta, il 21 aprile del 1977 a La Plata fu prelevato da una squadra armata e divenne uno dei desaparecidos argentini. Di più le sue quattro figlie furono uccise, Diana Irene, incinta di sei mesi, e Marina incinta di otto mesi. Pratt era già in Italia dove aveva creato Corto Maltese nel luglio del 1967.

Il regista e studioso non giudica Pratt, lo racconta con oniriche atmosfere e documenti d’epoca, un tempo in cui un autore trova se stesso e in cui matura la sua vita sentimentale raccontata anche da una figlia. Film indispensabile, ha ricevuto una speciale menzione in uno dei premi indipendenti della Mostra veneziana, il ‘Bisato d’Oro’, che ha visto insieme a questo ‘Hugo in Argentina’ premiati ‘Żeby Nie Było Śladów’ (Non Lasciare Tracce) di Jan P. Matuszyński, il regista Yuri Ancarani per il film ‘Atlantide’, Jakrawal Nilthamron per il suo ‘Wela’ (Anatomy of time), Alfonso Herrera Salcedo per ‘El Hoyo En La Cerca’ e il cast di ‘Freaks Out’ di Gabriele Mainetti. E ora per ‘Hugo in Argentina’ di Stefano Knuchel comincia il lungo e meritato cammino tra festival e proiezioni, a lui un applauso per aver smosso una storia capace di essere Grande Storia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved