ULTIME NOTIZIE Culture
RICERCA SOCIALE
3 ore

Quella violenza che non guardiamo

Spesso le persone non intervengono quando assistono a un’aggressione, sia essa reale o virtuale. Perché? Una neuroscienziata prova a spiegarcelo.
Nobel per la Letteratura 2022
10 ore

L’autobiografia universale di Annie Ernaux

Il riconoscimento è andato alla scrittrice francese ‘per coraggio e acutezza’ dei suoi libri: indagini cliniche su vita, memoria e scrittura
Musica
13 ore

L’Osi come non l’avete mai vista (anche a pranzo)

Al posto della palestra, ‘Lunch With Osi’, mercoledì 19 ottobre dalle 12.30 alle 13.30 al Lac; e poi, con ‘Back to school’, l’Orchestra entra nelle scuole
Scienze
13 ore

Discorsi d’odio, notizie false, metaversi al Möbius Lugano

Venerdì 14 e sabato 15 ottobre si svolgerà la 26esima edizione dei Premi con una serie di conferenze e dibattiti. Novità: Grand Prix per l’Ai
Archeologia
14 ore

Archeologi egiziani: ‘Londra restituisca la Stele di Rosetta’

Una petizione su internet ha raccolto finora 2’500 firme e punta più che altro a ‘spiegare agli egiziani cosa è stato loro sottratto’
Spazio Elle
16 ore

Carovana091, frequenze sempre più libere

Musica improvvisata e sperimentale, da domenica 9 ottobre a Locarno
Culture
19 ore

Annie Ernaux riceve il Nobel per la Letteratura

L’ambito riconoscimento è stato conferito alla scrittrice francese ‘per il coraggio e l’acutezza’ delle sue opere
Culture
20 ore

Massimo Daviddi presenta ‘Il volto di Pasolini’

Nuove poesie nel volume edito da La Vita Felice, che verrà presentato alla libreria Dal libraio di Mendrisio sabato 8 ottobre dalle 16.30
15.09.2021 - 16:46
Aggiornamento: 18:45

Davide Van De Sfroos, ecco il nuovo album: ‘Maader Folk’

Esce venerdì a sette anni dal precedente capitolo discografico: 15 canzoni, un’opera multietnica, dalle strade imprevedibili e di speranza

davide-van-de-sfroos-ecco-il-nuovo-album-maader-folk
TI-PRESS
Il cantautore in scena

S’intitola “Maader Folk” il nuovo album firmato da Davide Van De Sfroos, in uscita questo venerdì e che riporta in scena il cantautore laghée, molto noto anche nella Svizzera italiana, a sette anni di distanza dal precedente capitolo discografico.

Quindici canzoni che raccontano un sogno folk, multietnico e dalle strade imprevedibili che però, in un modo o nell’altro, riportano sempre a casa.

Una “Madre Folk”, benevola e consolatrice, quella di Van De Sfroos, capace di apparire in sogno e indicare una via: quella del folk e di tutte le sue possibili espressioni. “Avevo quest’ansia che non mi dava pace ed ero a casa con il Covid come tutta la mia famiglia - ha raccontato Van De Sfroos - e una notte l’ho sognata. Mi diceva di stare tranquillo e di continuare sulla mia strada, quella fatta di racconti folk, di storie che in pochi raccontiamo. Mi diceva che il folk sarà eterno e di continuare a seguirlo, non importa come”.

Viaggio e racconto

“Maader folk” è anche un viaggio, come tutti i lavori di Van De Sfroos, attraverso luoghi vissuti e personaggi del mondo reale, che più reale non si può, fatto di lavoratori e persone comuni, che tanto comuni forse non sono. Un racconto in quindici capitoli intrisi di quel linguaggio che è di tutti, radicato nei valori della cultura italiana e del mondo, come quello del folk.

Un viaggio anche attraverso il tempo, tra il futuro scritto dai suoni scaturiti dalla produzione di Taketo Gohara, e un ritorno ad un passato fatto di sapori celtici degli esordi, il tutto condito da sonorità inedite, curiose e sperimentali.

Canzoni pre-pandemia

Canzoni, quelle di Van De Sfroos, scritte prima che il mondo, la musica e lo spettacolo tutto si fermassero per il Covid. “Mi sono chiesto cosa poteva succedere a quelle canzoni già scritte - ha detto la voce delle nuove ‘Fiaada’, ‘L’isola’ e ‘El vagabund’ - e che non potevano cambiare. Alla fine è arrivato il momento di lasciarle a briglie sciolte, libere, per parlare di un ‘Lord’ universale, oltre tutte le religioni e credenze”.

Canzoni con storie diverse, alcune che hanno visto la luce pochi giorni prima di registrare, altre che invece sono rimaste nascoste per anni in un cassetto, come nel caso di “Oh Lord, Vaarda Gio”, preghiera libera e dalle sonorità gospel, nella quale si fondono le voci di Van De Sfroos e Zucchero. Il brano ha anche ispirato il videoclip con Mauro Corona, presentato alla 78esima Mostra Internazionale dell’Arte Cinematografica di Venezia.

“È un disco di apertura - ha spiegato il cantautore - e di speranza. Un album che mi riporta a casa anche attraverso suoni pionieristici”.

Leggi anche:

De Sfroos, reunion da 'Manicomi': 'Bello, come all'inizio'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved