lucerne-festival-una-prova-d-orchestra-nel-2021
Sul podio del direttore, Ilan Volkov (foto Astrid Ackermann)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
13 ore

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
14 ore

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
15 ore

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
15 ore

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
16 ore

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
16 ore

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
16 ore

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
19 ore

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
23 ore

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
05.09.2021 - 15:570

Lucerne festival, una prova d’orchestra nel 2021

Appuntamento particolare, con i saggi finali di direzione d’orchestra per i partecipanti al 'Conducting Fellowship' diretto da Ilan Volkov

Mercoledì 1° settembre ho seguito nel Luzerner Saal un concerto della serie “Contemporary”, che ha portato in scena il plenum della Lucerne Festival Contemporary Orchestra, composta di 65 giovani strumentisti di 27 nazioni. Erano in programma saggi finali di direzione d’orchestra per i partecipanti al “Conducting Fellowship” diretto da Ilan Volkov, con brani di un concerto che l’orchestra sta preparando sotto la direzione di Volkov.

“Prova d’orchestra” è il titolo di un film di Federico Fellini apparso nel 1978: una satira amara, nella quale il grottesco è rivelatore di un reale malessere degli orchestrali in un paese di debole cultura musicale. Strumentisti, forse anche con una solida formazione, ridotti a travet dalla devozione al nume compositore e dall’arroganza del divo direttore.

Per i veterani delle sale da concerto, che conoscono il film di Fellini, è particolarmente emozionante immergersi nel clima della Lucerne Festival Academy, dove si vive la musica del XXI secolo, che nella misura in cui è mezzo di indagine della realtà ci avverte come tanti automatismi sclerotizzati del mondo di oggi non siano più attuali, come fra compositore ed esecutore sia necessaria una rete di interazioni, che li renda entrambi primi inter pares.

Mercoledì ho seguito le prove della composizione di Rebecca Saunders “void” per duo di percussionisti e orchestra. Su questo brano, che dura venti minuti, l’orchestra doveva aver già lavorato parecchio. Erano presenti anche i due percussionisti solisti ai quali Saunders ha dedicato il brano. La sala era completa, come lo può essere in questo tempo di pandemia, ed era certamente un pubblico di melomani, sistemato con le dovute distanze sociali e la mascherina, ma senza partiture in mano e, benché avesse pagato un biglietto, senza nemmeno un abbozzo di programma di sala, insomma alquanto trascurato dagli organizzatori. Quando ho lasciato io, dopo più di due ore, metà del pubblico se ne era già andata.

Sono saliti sul podio del direttore Ilan Volkov, per una dimostrazione pratica del docente ai discenti, poi tre giovani direttori decisi a vender cara la pelle. Il loro lavoro è stato un susseguirsi di correzioni alle prime parti dell’orchestra, di domande ai solisti, alla compositrice. Molte discussioni sono avvenute senza microfono e il pubblico ne è rimasto escluso, ma ha almeno potuto constatare la vitalità del complesso.

L’evento aveva il carattere di una prova d’orchestra di durata incerta, comunque oltre le tre ore. I musicisti non erano in divisa e ho avuto l’impressione che ciò li mettesse particolarmente a loro agio. Frequento le sale da concerto da oltre settant’anni e sono testimone della lenta evoluzione del modo di vestirsi delle orchestre, molto più lenta dell’evoluzione del linguaggio musicale. Ci sono ancora musicisti che vanno in scena vestiti come camerieri del mondo di ieri e il nero continua a essere il colore dominante. Forse nel futuro della musica ci sono orchestre senza divisa, musicisti che si vestono in un modo che rispecchi il loro gusto, la loro personalità e li renda meglio visibili al pubblico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved