e-morto-mikis-theodorakis-scrisse-il-celebre-sirtaki
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
30 min

La normalità non binaria dell’adolescente Robin

A colloquio con Trevor Anderson, tra i Cineasti del presente con ‘Before I Change My Mind’, uno dei film più sorprendenti di questa 75esima edizione
Locarno 75
3 ore

Non sapeva di sognare, Piazza Grande è un sogno che s’avvera

La regista Caterina Mona ci parla di ‘Semret’, suo primo lungometraggio proiettato mercoledì sera a Locarno. ‘Sentivo che era un film necessario.’
L'intervista
6 ore

Suoni e visioni di Laurie Anderson

Così è motivato il Vision Award ritirato ieri in Piazza: ‘Niente nella musica, nel teatro, nel cinema, nella danza e nella videoarte sarà più lo stesso’
Locarno 75
12 ore

‘Semret’, in Piazza il peso dello stupro

Caterina Mona merita un applauso tutto suo per un film sincero, capace di dire dell’oggi, dei migranti che fatichiamo a vedere, apprezzare, custodire.
Moda
14 ore

Addio a Issey Miyake, il ‘sarto del vento’

Aveva 84 anni. Era anche conosciuto per aver disegnato il dolcevita nero indossato dal fondatore di Apple, Steve Jobs
Spettacoli
14 ore

I Golden Globes tornano su Nbc nel 2023

Dopo lo scandalo sulla diversità e lo stop della messa in onda quest’anno
Locarno 75
17 ore

Per finire, tutti i film premiati nelle sale del Festival

In speciali proiezioni ad accesso gratuito, domenica 14 agosto il palmarès ‘in omaggio’
Culture
19 ore

È morto l’illustratore Raymond Briggs

Fra i più amati dai bimbi, celebre il suo Pupazzo di neve. Tra le sue opere, anche la denuncia alla guerra
Culture
20 ore

Myanmar e Ucraina: Film Festival diritti umani, i primi titoli

Dal 19 al 23 ottobre a Lugano, i primi titoli: il pluripremiato ‘Myanmar Diaries’, di un collettivo birmano, e ‘Klondike’ di Maryna El Gorbach
Locarno 75
1 gior

‘Sermone ai pesci’ è il canto di un’umanità sconfitta

Il film di Baydarov è fra le proposte di oggi in Concorso insieme a ‘Serviam - Ich will dienen’, dove si calpestano i sentimenti dei personaggi
Culture
1 gior

A proposito di Robert Walser

Dalle parole ‘walseriane’ Dino Buzzati lo spunto per raccontare il poeta e scrittore svizzero, che fu sempre matto o non lo fu mai
02.09.2021 - 09:12
Aggiornamento: 22:08
Ats, a cura de laRegione

È morto Mikis Theodorakis, scrisse il celebre "Sirtaki"

Il grande compositore greco si è spento a 96 anni. Compose la colonna sonora del film "Zorba il greco" che contiene uno dei suoi brani più famosi all'estero

Il più famoso compositore greco della storia Mikis Theodorakis, autore fra l'altro della colonna sonora del film cult del 1964 Zorba il greco e icona della resistenza alla dittatura dei colonnelli, è morto all'età di 96 anni. Lo ha riferito una fonte dell'ospedale di Atene in cui era ricoverato.

Talento prolifico e anticonformista in politica, Theodorakis è stato sempre apprezzato nel suo paese d'origine e nel mondo per la sua musica ispiratrice e la sua sfida al regime che ha governato la Grecia dal 1967 al 1974.

Theodorakis era nato il 29 luglio 1925 nell'isola greca di Chio e fin da ragazzo ha intrecciato il suo talento con il coraggio politico, in una scelta che ha segnato il corso della sua esistenza.

Già a 18 anni, quando studiava al conservatorio di Atene, era entrato nella Resistenza all'occupazione nazi-fascista e per questo ha subito arresti e torture. Ai tempi della guerra civile è stato rinchiuso in un campo di prigionia.

Una volta libero, nel 1950, dopo il diploma al conservatorio, comincia la sua carriera: viaggia, soggiorna a Parigi e Mosca, dirige un'orchestra sinfonica ma, soprattutto, comincia quel lavoro sulla musica popolare che lo renderà famoso.

Negli anni Sessanta del secolo scorso Mikis Theodorakis è il protagonista indiscusso del rinnovamento culturale greco, senza mai dimenticare l'impegno politico. Nel 1962 firma la colonna sonora di Fedra di Jules Dassin, con Melina Mercouri nel ruolo della protagonista e nel 1964 la musica per Zorba il greco, il film di Michael Cacoyannis con Anhtony Quinn.

In questa occasione Theodorakis sublima il suo lavoro di elaborazione e reinvenzione della tradizione: scrive la Danza di Zorba, per tutti il Sirtaki, una danza del tutto originale ispirata a due celebri balli popolari: il syrtos, che prevede figure di gruppo, e il pidiktos, caratterizzato dall'accelerazione del ritmo. Ed è proprio questa accelerazione che spinge il syrtaki in giro per il mondo, fino a diventare un best seller che occupa i primi posti delle classifiche e diventa da subito il più celebre ballo greco nel pianeta. Ancora oggi è l'inevitabile colonna sonora del folklore greco.

Pochi anni e Theodorakis e la Grecia si ritrovano a fare i conti con la dittatura: nel 1967 una giunta militare prende il potere con un colpo di stato. L'autore del Sirtaki è il presidente del Lambrakis, un movimento giovanile progressista e deputato del nuovo partito della Sinistra. La sua fama mondiale gli risparmia la vita ma non il carcere, le torture, il confino, le intimidazioni a lui e alla famiglia. La sua musica viene messa fuorilegge come la minigonna e i libri di Mark Twain, ma il suo nome diventa il simbolo della lotta per la libertà.

Solo nel 1970, e grazie alla spinta di un movimento d'opinione internazionale, ottiene la libertà. E quando, nel 1974, finalmente cade la dittatura, Theodorakis è la figura attorno cui si stringono i sogni di un intero Paese. Nel frattempo, in esilio, aveva firmato altri due tra i suoi lavori più celebri: la colonna sonora di Z-L'orgia del potere, il film di Costa Gravas sull'assassinio del deputato di sinistra Grigoris Lambrakis che nel 1967 vinse il premio Oscar per il miglior film straniero, e Serpico, la storia, vera, del poliziotto Frank Serpico, interpretato da Al Pacino.

Le terribili esperienze vissute sotto le varie dittature gli avevano lasciato una salute malferma, ma non avevano compromesso la sua attività e il suo impegno politico che lo portò a una clamorosa adesione alla coalizione di destra per denunciare gli eccessi del governo di Andreas Papandreu.

Theodorakis è stato un compositore prolifico e poliedrico, che ha collaborato con tre poeti premi Nobel, Pablo Neruda, Odisseo Elitis, Giorgos Sefèris, con un simbolo dell'Africa libera come Sédar Senghor, ha scritto opere sinfoniche, oratori, musiche per balletti, canzoni e raccolte di ballate.

 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
grande compositore greco mikis theodorakis
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved